Home CALABRIA Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei
visitare Tropea: cosa vedere -Santa maria dell'Isola

Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei

by Mimì

Lo ripeto spesso e lo scriverò anche stavolta, cercando di farvi scoprire Tropea e dintorni, consigliandovi cosa vedere e fare in questo borgo, cuore pulsante della magnifica “Costa degli Dei”, da molti definita anche come Costa Bella!

Ci sono dei cliché su molte destinazioni in Calabria, che portano a pensare alle stesse quasi esclusivamente in funzione delle vacanze estive – balneari, non considerando la poliedricità e la conformazione dei territori calabresi, oltre alla grande attrattiva che deriva dalla millenaria storia e dalle antiche tradizioni culturali, di cui queste località sono portatrici!

Anche Tropea, la “Perla del Tirreno“, ha sofferto sino a poco tempo fa di questa “sindrome”, sino a quando però, è capitato un piccolo, grande miracolo!

Un episodio che coinvolge tutta la Calabria e (finalmente), tutti i calabresi. 

Qualcosa di cui vi scrivo, con la speranza che quanto sin ora ottenuto, possa comportare un sostanziale cambiamento nel “fare e intendere” il Turismo in Calabria!

Vi porto a …

ecco cosa visitare a Tropea: cosa vedere e fare sulla Costa degli Dei

Visitare Tropea: cosa vedere – Bellezza Mediterranea – Foto credits Maria Celebre

Cosa vedere a Tropea e dintorni, capitale italiana della cultura

Foto credits by Maria Celebre


Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere nel

cuore della Costa degli Dei fra

Natura, Cultura, Tradizioni

e futuro prossimo!

 

Abbarbicata da secoli su una rupe che si specchia nel blu cangiante del mare Tirreno, l’incantevole borgo marinaro di Tropea, sta guadagnando in questi ultimi tempi le copertine della stampa, per la sua candidatura a “capitale italiana della Cultura per i 2021”.

Una candidatura che vede Tropea protagonista di una “sfida” con altri 42 insigni centri e borghi italiani, con gli slogan, “Se vince Tropea vince la Calabria”  e “Qui nessuno è straniero”.

Giova ricordare qui, che questo percorso culturale è stato istituito dal MiBACT, con la legge Art Bonus nel 2014 e che, la città Capitale Italiana della Cultura 2021 verrà scelta entro il 10 giugno p.v.. 

La spettacolare “Perla del Tirreno”, Tropea, dismessi i panni di località che vuole affermarsi solo attraverso il biglietto da visita (pur incantevole) del suo splendido mare, ha lanciato la sfida per fare emergere a 360 gradi gli attrattori culturali offerti del proprio territorio e dai suoi dintorni, estendendo il concetto alla Calabria intera!

Inevitabile quindi, anche da parte mia, porre l’accento su questo evento in corso d’opera, prima di addentrarmi nella scoperta di Tropea e dei suoi dintorni!

Sono certa che, sino al momento della scelta definitiva fra le 43 candidate in lizza al titolo di Capitale italiana della Cultura, Tropea catalizzerà sicuramente l’interesse e le idee di molti cittadini e operatori calabresi, interessati e coinvolti in prima persona, nel progetto per la “costruzione partecipata” di questo obiettivo!

Per meglio comprendere l’importanza di tutto ciò, basta leggere alcune delle frasi estratte dal Manifesto della sua candidatura!

 

Oggi Tropea rappresenta per la provincia di Vibo Valentia e per l’intera Calabria, il riferimento turistico nel panorama mondiale. E’ la città dove culture e colture hanno integrato diversi popoli, l’area dove possono nascere nuovi stimoli e progetti creativi, per dare una concreta opportunità di inclusione e di sviluppo per il territorio, ed è un’occasione di conoscenza e consapevolezza di una Calabria diversa, per tutti gli Italiani.”

Una consapevolezza questa, che mi auguro perduri per sempre negli animi dell’intera Calabria,  aldilà dell’euforia del momento!

A tutto ciò contribuisce anche l’ ulteriore candidatura di Tropea ad entrare nel club dei Borghi più belli d’Italia!

Riflessi dei Palazzi sul mare a Tropea

Tropea e dintorni: Cosa vedere – Lo Skyline di Tropea riflesso sul mare (foto credits by Maria Celebre

Una piccola Guida attraverso le parole e le immagini per farvi visitare Tropea e dintorni; Cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei!

Calabria Vibo Valentia Tropea Cultura

Una delle splendidi immagini di #TropeaCultura


I territori si raccontano fra cultura,

storia, natura e bellezza

Cose da sapere su Tropea e dintorni:

Storie e leggende.

 

Ci sono luoghi in cui le bellezze paesaggistiche e naturali dei luoghi, il fascino incredibile che deriva da storie, leggende e tradizioni antiche, si mixano quasi per incanto, lasciando il posto ad emozioni che lasciano senza fiato!

Tropea è senza dubbio è uno di questi luoghi!

La sua vocazione ad impersonare il ruolo di capitale calabrese delle vacanze, non esime dal farvela conoscere anche al di fuori da questi schemi consueti, per farvi toccare con mano una Tropea che è anche cuore ed essenza culturale del Mediterraneo, iniziando dalle sue leggende e dalla sua Storia!

Antica Mappa di Tropea cosa vedere e fare nel cuore della costa degli Dei Storia

Antica mappa del 1703 di Tropea. Autore Pacichelli


 

4 Passi nelle leggende e nella Storia di Tropea

Narrano le leggende che la fondazione di Tropea sia attribuibile a Ercole, da cui deriverebbe il primo nome di Portoercole, dato inn tempi passati a questo borgo.

Le sue origini mitologiche poi, trovano riscontro in due leggende distinte.

  • Nella prima si racconta che Ercole si fermò qui nel suo peregrinare alla ricerca del mitico “Vello d’Oro”, fondando Tropea.
  • Nella seconda leggenda invece, si narra che Ercole qui giunse per liberare la zona da terribili giganti, erigendo Tropea in onore della dea Giunone.

Un’ulteriore leggenda poi, lega la nascita di questo Borgo a Scipione l’Africano, il quale dedicò la fondazione di Tropea alle divinità che lo sostennero nella battaglia contro Cartagine!

Un “tropheum”, che poi sarebbe divenuta la splendida e fiera e Tropea

Storicamente le origini di Tropea affondano le radici in epoca antecedente all’insediamento delle colonie greche in Calabria.  Successivamente al periodo greco poi, questa zona sarebbe stata abitata anche da popolazioni di stirpe brettia ed italica.

Il mistero che avvolge le origini di Tropea, sarebbe quindi legato all’interesse strategico che queste zone esercitavano sui “popoli del Mediterraneo”, senza dimenticare il ruolo delle calamità naturali nel distruggere e trasformare queste terre.

Occorre rammentare inoltre che molti scavi archeologici sono ancora in corso, e che quindi, anche la storia che conosciamo, potrebbe mutare! 

Le leggende su Tropea cedono il passo alla Storia testimoniata, quando Sesto Pompeo sconfisse lungo la Costa degli Dei Cesare Ottaviano.

Anche Plinio il Vecchio e il filosofo Strabone, confermano la presenza di questo importante centro nei loro scritti, descrivendo l’esistenza di “un porto commerciale nella zona di Santa Domenica, a Formicoli.”

Con il tramonto dell’impero romano d’occidente, la “rocca di Tropea” ed i suoi dintorni, si ritrovano sotto la sfera di influenza della dominazione bizantina, che qui ha lasciato impronte storiche, religiose ed urbanistiche, di grande rilievo.

Si deve al generale Belisario, la realizzazione a Tropea, intorno al 534 d.C., di una poderosa cinta muraria di fortificazione, ancora oggi nota con il nome di “mura di Belisario”, posta a protezione degli attacchi dei Goti e in epoche successive, dei Saraceni.

Una terra strategica e contesa quella di Tropea, che fra l’anno 840 e il 885 d.C. fu conquistata anche dagli Arabi. Sotto la dominazione araba venne costruita, ad esempio, la Torre Lunga del castello.

Alla dominazione bizantina si succedette quella Normanna (dal 1060 al 1194).  E’ anche il periodo storico, nel corso del quale Roberto d’Altavilla, soprannominato il Guiscardo, viene messo dal Papa guida il Ducato di Calabria e di Puglia.

Il Duca, per sdebitarsi dei riconoscimenti papali, fece erigere diverse Chiese ed Abbazie a Tropea e dintorni, affidando fra l’altro il Monastero di S. Maria dell’Isola, ai monaci benedettini di Montecassino.

Risale a questo periodo l’edificazione della Cattedrale di Tropea (XI e XII sec.).

Immagine di Tropea dall'alto per capire la sua struttura

Una splendida immagine dall’alto di Tropea (fonte web)  – Serve a capire la sua struttura urbanistica

Nel 1194, ai Normanni successero, gli Svevi.  Per Tropea iniziò un periodo molto fiorente, durante il quale divenne anche importante sede vescovile.

Successivamente, Tropea venne dominata dagli Angioini (1266 – 1442) e dagli Aragonesi (1442-1504).

Tra il XV e il XVI secolo, a Tropea nasce l’Accademia degli Affaticati, un vero e proprio “centro culturale”, per usare un termine a noi vicino, di cui facevano parte uomini di scienze, di lettere e filosofia, locali e non.

Un’attività letteraria che cesserà nel 1923, per riprendere vita nel 2006, con l’istituzione del “Premio letterario nazionale – Città di Tropea”, intitolato alla storica Accademia.

Gli eventi storici che si sono succeduti nei secoli, insieme ai due grandi terremoti del 1783  e del 1905, mutarono in parte l’aspetto di questa cittadina, anche per le successive opere di risistemazione del centro storico.

Vennero realizzate nuove strade, consolidate ed ampliate le Chiese, progettato il Porto.

Il tributo più grande da pagare, fu però la demolizione di alcune strutture ed opere esistenti, come la Porta di Mare, la Torre Bassa, la Torre Mastra e  il castello.

Il dato più importante per chi si reca a visitare Tropea, è che nel tempo il Borgo ha mantenuto l’originale tessuto delle maglie urbane, conservando per noi Viaggiatori, il fascino indiscusso di un grande patrimonio architettonico, culturale e paesaggistico – naturalistico, che costituiscono parte della sua ricchezza!

Una ricchezza che si colora di bellezza mediterranea!

Interno palazzi di Trpra da vedere

Interno di uno dei Palazzi di Tropea – Foto credits Maria Celebre

Scoprire e visitare Tropea antica - antico acquerello

Un antico acquerello che ci fa scoprire l’antica Tropea


Perché visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare

nel cuore della Costa degli Dei, in ogni stagione!

 

Una lunga premessa storica lo so, ma da sempre credo che avvicinarsi ai luoghi da visitare conoscendone un pò “la vita pregressa” e le leggende dei territori, aiuta a comprenderli meglio e coglierne l’essenza, il carattere!

Tropea poi è un luogo a me molto familiare, visitato in tutte le stagioni ed in ogni occasione!

Questo è il primo punto da cui partire, per scoprire Tropea ed i suoi dintorni al meglio!

Di Tropea se ne parla molto come meta turistica estiva, per la bellezza delle sue spiagge e dei suoi lidi, ma vi assicuro che gli aspetti culturali e storici che qui potete avere modo di toccare con mano, la rendono una meta adatta ad ogni stagione!

Visitare Tropea al di fuori dell’alta stagione, vi dà la possibilità di vivere questo meraviglioso borgo calabrese in modo slow, a contatto con la gente del posto. In bassa stagione poi, iservizi alberghieri, le strutture ristorative e anche lo stesso mitico mare della Costa degli Dei, sono fruibili e godibili al loro top, con prezzi sicuramenti più bassi!

Detto questo però, sia che alloggiate a Tropea o in qualsiasi zona della Costa degli Dei, sarà inevitabile che trascorriate nella “perla del Tirreno” gran parte del vostro tempo libero, a fare shopping fra i suoi splendidi vicoli, oppure a rimanere seduti in un caffè a degustare un ottimo gelato o una granita, o ancora più semplicemente, a farvi rapire dai paesaggi che si aprono dagli “Affacci”!

Gli affacci di Tropea, verso la Costa degli Dei

Tropea e dintorni: cosa vedere – Gli affacci mozzafiato, verso la Costa degli Dei

 

E i tramonti di Tropea?

Immancabile l’appuntamento con il sole che tramonta tuffandosi dietro il Santuario di Santa Maria dell’Isola, inghiottito nel cratere dello Stromboli fumante!

Il consiglio che mi sento di darvi è di iniziare la vostra visita di Tropea, al contrario!

Dopo aver parcheggiato la vostra auto (QUI trovate la mappa dei parcheggi), iniziate a fare la conoscenza del centro storico di questa cittadina, cominciando dai suoi splendidi affacci, per poi perdervi nella scoperta dei suoi mille vicoletti!

Scoprirete così mille sfumature di una Tropea che non sospettavate di trovare!

visitare Tropea - cosa vedere. Chiesa di Santa Maria dell’Isola

Lo splendido panorama sulla Chiesa di Santa Maria dell’Isola -Foto credits Maria Celebre


Visitare il centro di Tropea e dintorni:

cose da vedere imperdibili!

Alla scoperta del suo Skyline dagli Affacci tropeani.

 

Una finestra su un paradiso in terra

A Tropea potresti trascorrere ore e ore a passeggiare nell’incantevole labirinto di vicoli e vicoletti del suo centro storico! Strade e vicoli lastricati di acciottolato, fiancheggiati da splendidi palazzi nobiliari dalle eleganti facciate e i raffinati portali, risalenti al settecento e all’ottocento.

I palazzi costruiti a picco sulla rupe di Tropea, a picco sul mare, sono certa che vi appariranno invece, come l’estensione in altezza della rupe su cui poggiano. 

Dal piano terra di molti palazzi, ristoranti, pizzerie, caffetterie, gelaterie, negozi con i prodotti tipici di Tropea e botteghe di artigianato locale, vengono emanati mille colori e profumi, che rallegrano le vie e il tempo di turisti e viaggiatori!

E’ il regalo di “istanti di Calabria” da portare nel cuore come souvenir indelebile!

Atmosfere frizzanti, magiche ed incredibili, come gli splendidi scorci panoramici da cogliere fra gli edifici, rubati all’azzurro cangiante del mare, a messere Stromboli, a Santa Maria dell’Isola e all’intera Costa degli Dei!

Sono cinque gli affacci principali sul mare nel centro storico di Tropea: vi consiglio di scoprirli tutti, ad ogni ora del giorno!

Sono certa  che il vostro animo ne resterà rapito ed incantato e da qui, non vorrà più andare via!

Affaccio Raf  Vallone, definito anche Affaccio dei sospiri  – Largo Migliarese

Forse uno degli affacci più belli di Tropea! Si trova al termine del Corso Vittorio Emanuele.  Dalla balconata a picco sul mare, è possibile spaziare con lo sguardo dallo Scoglio di San Leonardo, alla dirimpettaia Chiesa di Santa Maria dell’Isola, per poi lasciarsi rapire dallo splendore della sottostante spiaggia della Rotonda e il mare, favolosamente trasparente e cristallino.

Affaccio di largo Duomo

Si trova alle spalle della Cattedrale di Tropea. Da qui la vista spazia verso il porto  turistico e la parte nord della Costa degli Dei, con un fantastico primo piano sulla cupola della chiesa di Santa Maria di Michelizia.

Affaccio Largo Galluppi (affaccio dei carabinieri)

Un romantico affaccio con alle spalle una piccola piazzetta di acciottolato con il suo cannone posto in mezzo alle panchine. Questa balconata Anche da qui il panorama dell’affaccio precedente ma da un’angolazione diversa. Il sole al tramonto che accarezza le barche è uno spettacolo da non perdere, con vista sul porto turistico, sullo scoglio San Leonardo e la punta della “Pizzuta”.

Una lunga scalinata poi, collega poi questa zona del centro storico alla “Marina”.

Affaccio del cannone  o della Villetta

Si sviluppa quasi parallelamente all’affaccio centrale. La caratteristica piazzetta con affaccio sul mare, si trova alle spalle dell’antico viadotto che permetteva di entrare in città attraverso la Porta Vaticana.

Il suo nome deriva dal cannone, antico ricordo di una delle tante navi nemiche affondate nel corso delle innumerevoli battaglie, per espugnare Tropea.

Belvedere Rico Ripa

E’ la più piccola e nascosta delle balconate sul mare di Tropea: la scoprirete tra due palazzi in Largo Migliarese.

 

Tramonto dal belvedere del Cannone a Tropea

Tramonto dal belvedere del Cannone a Tropea – Foto credits by Tommaso Pizzonia

 

Cose da vedere a Tropea assolutamente: la magia del tramonto

Cose da vedere a Tropea assolutamente: la magia del tramonto

 

Da non perdere assolutamente a Tropea: la vista del tramonto del sole nel cratere dello Stromboli!

Se vi trovate a Tropea o sulla Costa degli Dei ad inizio Primavera – da fine marzo ai primi di Maggio – e a fine Estate – da inizio Agosto a fine Settembre – non vi dimenticate di “prendere posto” in uno di questi affacci, e godervi questo spettacolo unico!

Un tramonto infuocato sul Tirreno e sulle Isole Eolie, in Sicilia, non è cosa da tutti i giorni, e ben lo hanno capito gli instagramers di tutto il mondo …

 

Tramonto sullo Stromboli da Tropea

Tramonto sullo Stromboli Dagli affacci di Tropea – Foto credits by Tommaso Pizzonia

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Spunti di Viaggio (@palamaradomenica) in data:


 

Per meglio comprendere come muoversi a Tropea e dintorni, vi inserisco qui una cartina turistica della città di Tropea

mappa turistica di Tropea

Una mappa per scoprire come muoversi e cosa vedere a Tropea e dintorni!


I gioielli di Tropea e dintorni: cosa vedere nella

Perla del Tirreno

La spettacolare Chiesa di Santa Maria dell’Isola

 

La Chiesa di Santa Maria dell’Isola, rappresenta la vera icona e il simbolo di Tropea nel mondo ed un luogo imperdibile da visitare!

Ricostruita e restaurata diverse volte nel corso dei secoli, con molta probabilità questo edificio venne abitato da monaci ed asceti basiliani, prima di passare ai monaci benedettini di Monte Cassino.

Intorno al 1066 infatti, Roberto il Guiscardo fece dono della Chiesa sull’isolotto e di altri possedimenti all’abate di Montecassino, Desiderio, divenuto poi papa Vittore III.

Se volete approfondire la conoscenza della Storia di questa Chiesa e le leggende legate alla statua lignea della Madonna, conservata al suo interno, potete consultare il sito ufficiale del Santuario .

Dopo vari restauri, la splendida chiesetta abbarbicata sul panoramico scoglio tufaceo, è visitabile dai turisti, che possono accedervi tramite una ripida scala, ad “alto tasso panoramico.

Per chi volesse visitare il giardino, il percorso storico-liturgico ed il terrazzo panoramico è necessario munirsi di biglietto al costo di € 2,00. Le visite sono prenotabili tramite E – mail o telefonicamente. Per ogni ulteriore dettaglio, potete scrivere cliccando QUI!

Vi ricordo che ogni anno, nel giorno di Ferragosto, viene celebrata la tradizionale processione a mare delle Statue della Sacra Famiglia, che sono conservate nel santuario di Santa Maria dell’Isola. 

Una ricorrenza che vede la partecipazione di tanti turisti e viaggiatori e che meglio fa comprendere le tradizioni culturali di Tropea!

In tutto questo e in ogni stagione, dall’alto del santuario, la vista del bellissimo Borgo di Tropea che si riflette nel mare cristallino, è una esperienza ed una emozione che vi invito a provare, almeno una volta nella Vita!

Anche questo è il messaggio che la candidatura di Tropea a capitale italiana della Cultura, vuole veicolare in tutto il mondo!

 

Cosa vedere a Tropea: Chiesa di Santa Maria dell'Isola dal centro di Tropea

Cosa vedere a Tropea – Vista sulla Chiesa Santuario di Santa Maria dell’Isola


 ilportico medievale di palazzo Collareto-Galli sulla rupe rocciosa

Cose da vedere a Tropea – Palazzo Collareto-Galli sulla rupe rocciosa


Visitare Tropea: cosa vedere nel cuore della

“Perla del Tirreno”!

4 Passi fra le Vie del Borgo …

Questo paese mi rapisce: realizza tutto ciò che avevo immaginato a proposito dei luoghi e del cielo del Mezzogiorno.

    – Cit. by Astolphe De Custine, da Lettere dalla Calabria, 1830 –

La solarità e la luce degli affacci, continuano e riverberano nel centro storico di Tropea, fra i mille vicoli e stradine che si intersecano fra di loro.

Vi emozionerà sicuramente la suggestione esercitata dalle innumerevoli Chiese, dagli splendidi palazzi patrizi con i loro scenografici balconcini e i portali finemente decorati da stemmi nobiliari e paurose maschere antropomorfe!

Girare fra queste vie, equivale a fare un salto indietro nel tempo!
Partendo dalle balconate, godetevi la bella Piazza Ercole con la statua del filosofo Pasquale Galluppi, la vivacità del Corso Vittorio Emanuele I e il Palazzo Naso, via Roma con la preziosa Cattedrale normanna dedicata a Maria Santissima di Romania, il locale Museo Diocesano, la Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo, il Convento delle Clarisse.

Sempre su Piazza Ercole si affaccia l’Antico Sedile della Nobiltà. Risalente al 1703, in passato rappresentava il luogo d’incontro e di discussione per la nobiltà di un tempo, con la sua torre campanaria, l’orologio, lo stemma ed il raffinato loggiato coperto. 

Nei pressi di Largo Galluppi, si possono ammirare la Chiesa del Gesù e Palazzo Sant’Anna (sede ad oggi del Municipio di Tropea).

Da non mancare di visitare a Tropea poi, il MuMat – il Museo Civico del Mare a Tropea –  ubicato al piano terra dello splendido palazzo Santa Chiara.

Camminando con il naso all’insù, non perdetevi una sosta per ammirare Palazzo Braghò, con il suo ricco portale barocco, Palazzo Toraldo con suoi splendidi androni, Palazzo di Tocco, uno splendido palazzotto edificato su strutture preesistenti del 1400/1500.

Centro storico di Tropea

Per le strade di Tropea – Foto credits Maria Celebre

Per i vicoli da Tropea – Foto credits Maria Celebre

 

In giro per Tropea: luoghi da vedere assolutamente:

La Cattedrale di Maria Santissima di Romania

 

La Cattedrale di Maria Santissima di Romania, è un vero gioiello architettonico da visitare assolutamente quando vi trovate Tropea.

La Chiesa venne edificata intorno al XII secolo ad opera dei Normanni. Nel tempo, la sua architettura ha subito trasformazioni ed interventi di risistemazione, ed oggi si presenta con un sistema basilicale a tre navate, suddivise fra di loro da otto pilastri di tufo ottagonali.

Al suo interno sono custoditi un meraviglioso Crocefisso Nero, proveniente probabilmente dalla Francia, databile intorno al XVII secolo, i sepolcri di Galluppi (1599), quello di Cazetta (XVI secolo) e quello di Scattaretica del 1651, oltre alla sacra effige della Vergine di Romania, oggetto di grande venerazione da parte della popolazione di Tropea.

La tradizione e le leggende popolari raccontano che l’icona  della Madonna  provenga dall’Oriente iconoclasta, mentre realisticamente il dipinto sembra essere stato realizzato da un discepolo di Giotto.

All’interno della pregevolissima Cattedrale sono custoditi un ciborio con rifiniture in oro del 1400, oltre lo straordinario gruppo marmoreo della Madonna del Popolo, realizzato  dall’allievo di Michelangelo, Giovan Angelo Montorsoli.

Sempre all’interno della Cattedrale sono custoditi due ordigni inesplosi sganciati su Tropea durante  la seconda guerra mondiale. Un’altra delle mille grazie ricevute dalla popolazione tropeane da parte della Madonna di Romania!

La processione ed i festeggiamenti dedicati alla sacra effige, si svolgono a Tropea ogni anno il 27 marzo e il 9 settembre. Se vi trovate in zona in uno di questi due periodi, non mancate di partecipare alle manifestazioni religiose e civili!


Tropea e dintorni. cosa vedere assolutamente! Due meravigliose immagini della Cattedrale di Maria Santissima di Romania: particolare dell’esterno e della sacra effige.

Tropea e dintorni. cosa vedere - Chiesa Maria Santissima di Romania

Effige della Madonna di Romania anella Cattedrale di Tropea

Effige della Madonna di Romania a Tropea

 

Poco distante dalla Cattedrale, potete visitare anche il Museo Civico Diocesano di Tropea (costo biglietto di ingresso: 2 Euro). Ospitato nei locali dell’ex Palazzo Vescovile, al suo interno racchiude le splendide testimonianze dell’identità devozionale della gente di Tropea.

Il territorio di Tropea è ricca di molte Chiese.

Se avete il tempo, non mancate di visitare la Chiesa del SS. Rosario, la Chiesa di San Francesco e il Convento della Sanità,  la Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo, la  Chiesa del Gesù, la Chiesa di San Francesco d’Assisi con la contigua Cappella di Santa Margherita, quelle dedicate a Santa Caterina, a Santa Maria della Neve, a San Giuseppe, la Chiesa del Purgatorio e molte altre ancora.

Per conoscere dove questi edifici sacri sono ubicati, vi lascio il link alla mappa dedicata, che potete vedere cliccando QUI.


 

Il Corallone visto da Tropea marina

Il Corallone

 

Cosa vedere a Tropea e dintorni: Il Corallone

Fra paesaggi urbani e leggende

Una leggenda narra che a metà del 1700 ci fu una mareggiata. A largo di Capo Vaticano, alcuni pescatori di Tropea pescarono nelle proprie reti un grande ramo di corallo, a quel tempo raro e pregiato.

I pescatori lo vendettero a dei mercanti di Torre del Greco. Dal ricavato, i tropeani costruirono una casa per le proprie famiglie.

Sovrapposero un edificio l’uno sull’altro creando, nel tempo, un miracolo architettonico che ha sfidato pure i terremoti, rimanendo intatto.

Proprio per la sua forma prende il nome di Corallone.

 

                    – Fonte: Pronto Estate

Il Corallone lo potete vedere nella foto sopra! Guardarlo serve più di mille parole e spiegazioni!

L’insieme di case edificate un tempo le une sulle altre, oggi sono state trasformate anche in “casa vacanze”, B&B, dal panorama unico, non credete anche voi?

Emozioni dal passato da rivivere al presente, nel cuore di Tropea!


 

Porto di Tropea

Porto di Tropea – Da qui potete partire per visitare Tropea, la Costa degli Dei e le Isole Eolie

 

Tropea e il suo Porto turistico

Si tratta di uno dei porti più attrezzati del basso Tirreno, ubicato ai piedi della rocca di Tropea, attrezzato di tutto punto per garantire la navigazione charter e dei diportisti.

Questo porto turistico garantisce inoltre i migliori servizi a tutti coloro che vogliono noleggiare gommoni, barche a motore o a vela!

E’ una piccola “città nella città” a guardare bene, che per la sua bellezza è stata anche location e sfondo della serie tv “Gente di mare”!

Molte delle escursioni via mare che partono dalla Costa degli Dei, trovano spesso l’attracco finale proprio in questa meravigliosa rada! Da qui poi, partono anche le escursioni giornaliere che portano i turisti verso le Isole Eolie …

Per esperienza diretta, vi consiglio di effettuare la navigazione in gommone lungo la Costa degli Dei, che vi dà la possibilità di ammirare la costa e sostare in più punti e fare dello snorkeling davvero affascinante!

Un’esperienza indimenticabile, per vivere e scoprire Tropea ed i suoi dintorni!

Il link di approfondimento alle attività che qui sono svolte e garantite, le potete trovare cliccando QUI!

 


Spiagge di Tropea

Cose da fare a Tropea – Le spiagge caraibiche made in Calabria!

 

Visitare Tropea e dintorni – Cosa vedere e quali spiagge scegliere

La Costa degli Dei, di cui Tropea fa parte, è ricchissima di baie e spiagge da sogno, tutte meritevoli di una sosta per ritemprare il corpo e lo spirito!

Immagini e scorci capaci di fare innamorare chiunque, luoghi dove il verde delle montagne e l’azzurro del mare cristallino, si fondono con i profumi e le note delle essenze di questa Calabria, per dare suggestioni indimenticabili!

Tutto questo è un valido motivo per scegliere le spiagge di Tropea per le vostre vacanze, ma voglio aggiungervene un altro, forse il più importante!

Nel Maggio del 2020, al mare e alle spiagge di Marina del Convento, Marina dell’Isola e Rocca Nettuno a Tropea, è stata riconosciuta la Bandiera Blu del Programma internazionale coordinato dal FEE, la“Foundation for Environmental Education”.

Oltre la bellezza c’è la qualità quindi!

Vi suggerisco le spiagge più belle che potrete frequentare direttamente a Tropea, indicandovene la localizzazione su mappa (la troverete linkata ad ogni località!).

Volete sapere qual è la mia preferita fra queste?

Ve lo svelerò in un prossimo articolo, dedicato alle spiagge della Costa degli Dei!

Per ora vi dico solo che queste spiagge, di un bianco abbacinante e dalla consistenza borotalco, degradano dolcemente in un mare che nulla ha da invidiare al mare dei Caraibi, che pure ben conosco! 

Troverete spiagge libere e spiagge attrezzate, oltre a lidi dotati dei migliori confort, dove potervi rilassare alla grande, magari sorseggiando un buon drink o degustando una spettacolare granita, davanti ad un tramonto mozzafiato con vista sullo Stromboli!

Cosa vedere e fare a Tropea e dintorni – La Mappa delle spiagge
>

 


Tropea da vivere

Tropea: cosa vedere? Fra panorami e bellezze (Foto credits by Maria Celebre)

Dove dormire a Tropea e dintorni!

Un problema che sicuramente non avrete nell’organizzare una Vacanza a Tropea o sulla Costa degli Dei, è quella della scelta relativa alla tipologia di alloggio in cui soggiornare!

Dall’hotel a 5 stelle dotato di Spa e centro benessere, alla casa vacanza, alla dimora di charme romantica con affaccio sul mare, a Tropea potrete trovare tutto quello che desiderate, tenendo conto anche del badget che avete in mente di spendere!

Potete anche decidere se rimanere in una struttura nel centro di Tropea, o alloggiare in modo un po’ più defilato nei numerosi Hotel della vicina zona di Capo Vaticano o Ricadi, anch’essa ricca di spiagge paradisiache! Tropea è comunque facilmente raggiungibile sia da Capo Vaticano che Ricadi.

Tenendo conto di tutto questo, mi sento di consigliarvi l‘Hotel “La Bussola” a Capo Vaticano, struttura a conduzione familiare, di cui più volte sono stata ospite (Qui trovate la mia recensione su TripAdvisor), e nella quale mi sono trovata davvero bene, sia per quanto riguarda le camere, sia per i servizi, che per il buon cibo!

piscina dell'hotel La bussola a Capo Vaticano

Piscina dell’hotel La Bussola


Visitare Tropea e dintorni: Cosa vedere e come fare per arrivare nel cuore della Costa degli Dei.

Per chi Viaggio in auto

Dal Nord: Dall’ Autostrada del Mediterraneo, la A3 Salerno – Reggio Calabria, occorre uscire a Pizzo Calabro, quindi seguite la S.S. per Tropea – Capo Vaticano.

In alternativa uscite a S. Onofrio – Vibo Valentia, seguendo le indicazioni   per Tropea.

Dal Sud: Uscite dalla A3 Salerno – Reggio Calabria a Rosarno, quindi proseguite per Nicotera – Joppolo – Coccorino – Ricadi – Capo Vaticano.

In alternativa uscite dalla A 3 a Mileto, seguire la strada statale 18 per Tropea e poi al bivio di Zungri proseguite per Ricadi – Capo Vaticano – Tropea

In aereo:
Aeroporto di Lamezia Terme a 55 km
Aeroporto di Reggio Calabria a 110 km

In Treno
Diversi treni collegano la stazione di Tropea con tutte le città d’Italia.

Con Trenitalia occorre raggiungere le stazioni di Lamezia Terme o  di Vibo Valentia.

  • Lamezia Terme dista 50 km da Tropea.
  • Vibo Valentia dista 20 km da Tropea.

Da Lamezia Terme o da Vibo Valentia, potrete poi proseguire per Tropea con treni locali, bus o taxi

Visitare Tropea e dintorni:

Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere nel Paradiso in Calabria (foto credits by Maria Celebre)

Al termine di questo articolo, dedicato a “Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei”, voglio esprimere un’ulteriore ringraziamento personale a coloro che mi hanno concesso l’utilizzo di alcuni splendidi scatti: Tommaso Pizzonia e Maria Celebre!

Se quello che ho scritto in questo articolo vi è piaciuto, non esitate a condividerlo!
Se volete ricevere ulteriori approfondimenti su quanto qui potete leggere, scrivete pure di seguito nei commenti: risponderò alle vostre domande!
Al prossimo Spunto di Viaggio by Mimì!
Lasciatevi Ispirare … 

Vi consiglio inoltre di continuare la vostra visita a Tropea e dintorni, visitando la vicina Zungri, per poter scoprire il sito dell’Insediamento Rupestre e il Museo della Civiltà Rupestre e Contadina! Ve ne ho parlato qui!

Grotte di Zungri: cosa vedere nella misteriosa Città di Pietra di Calabria

 

You may also like

2 comments

Acqua degli Dei - Mediterranean Essence: profumi ed esperienze emozionali dalla Calabria 12 Marzo 2020 - 22:54

[…] chi ora si trova nella zona di Capo Vaticano, Tropea o in altre zone della Costa degli Dei, a chi qui verrà in Vacanza per i prossimi Ponti di Primavera, per Pasqua o per le proprie Vacanze […]

Reply
Costa degli Dei - Le spiagge più belle e i Borghi da visitare. Consigli utili 8 Maggio 2020 - 12:22

[…] mi ha saputa stregare, tanto da dedicargli un articolo apposito dove troverete i mille perché vi invito a visitare Tropea, ma anche che cosa qui potrete vedere e fare e ovviamente, le spiagge da non […]

Reply

Leave a Comment

Don`t copy text!

Stiamo utilizzando Google Analytics

Per favore,conferma se accetti il ​​nostro monitoraggio di Google Analytics. Puoi anche rifiutare il monitoraggio, in modo che tu possa continuare a visitare il nostro sito Web senza alcun dato inviato a Google Analytics.