Home CALABRIA Costa degli Dei – Le spiagge più belle e i Borghi da visitare. Consigli utili
Tramonto da Capo Vaticano sulla Costa degli Dei sullo Stromboli

Costa degli Dei – Le spiagge più belle e i Borghi da visitare. Consigli utili

by Mimì

Siamo in Calabria, lungo quel tratto di costa lambita dal blu del Mar Tirreno, che va da Nicotera a Pizzo! La Costa degli Dei è il trionfo delle spiagge più belle d’Italia, ma anche di tanti piccoli centri e di Borghi, in cui l’ospitalità viene ancora vissuta come sacra, quasi a voler rendere omaggio alle antiche storie ed alle leggende, nate intorno alle origini sacre di Capo Vaticano.

Si tratta di quasi 60 chilometri ricchi di una natura prorompente e selvaggia, costellati da panorami mozzafiato, che vedono alternarsi speroni di rocce a baie e calette di sabbia bianchissima, sulla cui battigia si frange un mare verde smeraldo, a dir poco Caraibico!

Chi qui vi ha soggiornato, ne parla spesso al ritorno, come di una zona “al di sopra delle aspettative”, per il mare e la qualità dei servizi, per gli hotel e la gentilezza degli “autoctoni”.

Chi come me conosce bene l’attitudine di queste stupende zone, non può fare altro che consigliarvi con un sorriso di andarci, conscia che la Costa degli Dei saprà fare il resto!

Ammaliandovi con la sua bellezza, i paesaggi, la natura, la storia, le leggende, i suoi sapori ed i suoi profumi unici ed indimenticabili!

Vi aspetto per vivere e visitare i Borghi e le spiagge più belle della Costa degli Dei!

le spiagge più belle sulla Costa degli Dei il Borgo di Tropea

Una delle spiagge di Tropea

Mappa interattiva da Google Maps della Costa degli Dei – Cliccando sulle località con il segnaposto, si aprirà una tendina con informazioni aggiuntive.


Pizzo Calabro dal drone porta della Costa degli dei

Pizzo Calabro visto da un drone – Foto credits by @Michele Costa


Conoscere meglio la Costa degli Dei

Le Spiagge più belle, i Borghi e le leggende!

Se la Costa degli Dei non fosse un luogo, mi piacerebbe pensare che fosse uno stato d’animo che fa sentire di essere in Paradiso!

Ed è un angolo di vero Paradiso, questa splendida zona della Calabria che si affaccia sul Mar Tirreno, fra spiagge, calette, panorami mozzafiato e meravigliosi Borghi senza tempo!

Una cosa ci tengo a precisare sin da subito! La Costa degli Dei non è solo mare, ma una zona nella quale ci si può recare 365 giorni all’anno, con la certezza di poter avere sempre il meglio dall’ospitalità dei luoghi, con la possibilità di scoprire Borghi, Paesi, marine e montagne delle vicinanze, ricche di tutto ciò che si cerca in un vero Viaggio!

Storia, cultura, leggende, ma anche un’eccellente eno-gastronomia e un’ospitalità sconfinata, fanno da contorno alla preziosa bellezza di territori che vi invito a scoprire nella loro essenza più profonda, che va oltre il mare!

Un mare che qui sa stregare in ogni stagione e che regala colori inaspettati, complice il clima mite e la posizione geografica nel cuore del Mediterraneo, della splendida Costa degli Dei!

Un altro tipo riflessione più generale, mi spinge poi ad invitarvi a venire in Calabria, nel periodo post pandemia da Covid-19, per poter godere di una Regione nella quale il contagio stesso, per fortuna, non si è diffuso, come in altre zone dell’Italia, anche a causa dell’isolamento dai grandi flussi turistici di massa.

Un elemento quest’ultimo, che potrebbe/dovrebbe essere valutato come l’opportunità per lo sviluppo di un Turismo Responsabile e sostenibile in questi territori in cui la vocazione agricola e turistica, è prevalente nettamente su altre!

Ma lasciando da parte tutti i preamboli che potrebbero dare vita a mille discussioni e dibattiti, andiamo nel cuore di questi territori, vivendo le esperienze e le emozioni che l’incanto della Costa degli Dei sa regalare!

Per iniziare a scoprire la bellezza della Costa degli Dei, partiamo da Nord, da Pizzo Calabro con un volo pindarico che inizia dal suo celebre Castello Murat, sorvolando le spiagge e le coste di Briatico, Zambrone e Parghelia, Vibo Marina, sino a giungere nella “Perla del Tirreno”, Tropea, che domina l’orizzonte con lo skyline della celebre rocca con la chiesetta e le spiagge bianche dalla consistenza del borotalco.

Da Tropea, proseguendo verso Sud, fra paesaggi selvaggi e di grande fascino, si susseguono mille calette nascoste raggiungibili solo via mare, a spiagge attrezzate o libere.

In successione, ecco Santa Domenica di Ricadi, Riaci, Torre Ruffa, la bellissima zona di Capo Vaticano, nel comune di Ricadi, con le sue incantevoli spiagge bagnate da un mare caraibico, di cui si innamorarono i “grandi viaggiatori” dell’800, ma anche le antiche divinità, i cui nomi sono fissati ancora negli scogli lambiti dal mare color smeraldo!

Costa degli Dei - Le spiagge più belle ed i Borghi

Un tratto della Costa degli Dei vista dal gommone – splendide spiagge e mare fantastico!

colori del mare sulla Costa degli dei le spiagge più belle

Il colore del mare nella Costa degli Dei … lì dove mare e cielo si incontrano


Le spiagge più belle della Costa degli Dei nei

dintorni di Pizzo Calabro: 

Un Borgo da non mancare!

 

Pizzo è il paese che apre le porte alla Costa degli Dei.

Abbarbicato su un promontorio di tufo, guarda dall’alto la sua sottostante splendida Marina e le coste limitrofe.

La sua storia affonda le radici all’antica Grecia e il suo fondatore si racconta fosse stato Napeto, il cui nome contraddistingue ancora questa splendida cittadina, come Napitia.

Che questa fosse una località fantastica per poterci soggiornare, lo raccontano fra storia, miti e leggende anche Cicerone, S. Pietro e lo stesso Ulisse.

Quello che invece potete ammirare oggi è uno splendido Borgo, le cui coste si estendono per circa 9 chilometri fra arenili dorati e tratti di coste frastagliate, ricchi di grotte e scogli, bagnate da un mare cristallino.

Prima di crogiolarvi al sole sulle coste o sulle sue splendide spiagge,  non mancate di visitare il suo interessante centro storico e lasciarvi ispirare dalla bontà del suo gelato, in particolare dal “tartufo”, rinomato in tutto il mondo!


I luoghi da visitare a Pizzo e dintorni

Assolutamente da non perdere è la visita al suo Castello Aragonese risalente al XV secolo, fatto costruire da Ferdinando I d’Aragona e dove venne imprigionato e successivamente fucilato nel 1815, Gioacchino Murat. Il suo interno è visitabile alla tariffa di 3 Euro (al momento della stesura dell’articolo), mentre per ogni ulteriore dettaglio potete visitare il sito ufficiale del Castello, QUI. 

Da lassù la vista è davvero spettacolare ad ogni ora.

 

Vicino al castello da non perdere una sosta al tramonto dinanzi alla spettacolare scultura metallica del “Collezionista di venti”, chiamato anche l’ Uomo dei venti.

La scultura è stata realizzata dall’artista milanese Edoardo Tresoldi nel 2013, che di questa struttura ha anche sritto sul web:

“Il mio collezionista di venti, siede su un muro tra le viuzze del centro di Pizzo, lo sguardo fisso verso le Eolie, controlla il gioco dei venti che animano gli alberi e fischiano tra i vicoli. Non c’è vento che non abbia chiacchierato con lui”.

Ovviamente perdersi fra le vie ed i vicoletti di Pizzo, vi farà conoscere gli aspetti più autentici di questo splendido Borgo marinaro, con le sue tradizioni, le mille chiesette, gli antichi Palazzi nobiliari e le sue graziose piazzette con affacci sul mare!

E non mancate di visitare il “Vicolo dei Baci” …

Se ne avete il tempo, non mancate di visitare la Chiesa Matrice di San Giorgio, dove sono state sepolte le spoglie di Gioacchino Murat, la Chiesa di San Sebastiano, la Chiesa del Purgatorio e la sua cripta, il convento dei padri minimi di San Francesco di Paola e molto altro ancora.

D’obbligo sarà la sosta in Piazza della Repubblica, con il suo meraviglioso Belvedere, dove sedersi e ammirare gli spettacolari tramonti con vista sulla Costa degli Dei, gustando in una delle sue celebri gelaterie, il Tartufo gelato di Pizzo, un gelato artigianale di forma rotondeggiante al gusto di nocciola e cioccolato, ricoperto di cacao in polvere! Una vera goduria, vi assicuro.

Castello Aragonese di Pizzo Calabro

Il Castello di Pizzo al tramonto – Foto credits by Michele Costa

 

La chiesetta di piedigrotta a Pizzo sulla costa degli Dei le spiagge più belle

La chiesetta di Piedigrotta a Pizzo, sulla spiaggia

Non distante dal centro storico vi consiglio di visitare la Chiesa di Piedigrotta, una chiesetta posta all’interno di una grotta, e posizionata dinanzi all’omonima spiaggia.

La particolarità di questa Chiesa, realizzata nell’arenaria da alcuni naufraghi napoletani alla fine del XVII secolo.  Al suo interno troverete, negli affreschi e nelle statue qui collocate, le rievocazione di diversi passi biblici.

Costa degli Dei – Le spiagge più belle nei dintorni di Pizzo

Le spiagge di questa zona si suddividono fra Pizzo Marina e la Marinella, quest’ultima caratterizzata da lidi e stabilimenti attrezzati.

Ricordate che la stessa spiaggia può essere denominata in loco in modo diverso e che pertanto, non dovete abbattervi se non siete riusciti a raggiungere “quella” spiaggia che vi eravate proposti: magari ci siete già su o ci siete passati accanto!

  • Spiaggia di “Piedigrotta” – Si trova proprio sotto laChiesa rupestre di Piedigrotta;
  • Spiaggia del Colamaio, si tratta di una spiaggia semi libera derivata dalle dune dell’Angitola,  con una splendida  pineta alle spalle
  • Spiaggia dell’Hotel Grillo, prende il nome dell’Hotel che qui vi sorgeva;
  • Spiaggia Bellamana – Si tratta di una piccola spiaggia posizionata vicinissima al Lungomare di Pizzo, luogo della movida estiva serale del paese;
  • La spiaggia della baia ”A Seggiola“ –  Coincide con la vecchia darsena  dei pescatori del tonno. 
Tramonto su Pizzo Calabro borgo sulla Costa degli dei

Pizzo Calabro al Tramonto – Foto credits by Michele Costa

 

Pizzo Calabro sulla Costa degli Dei in the sunset

L’ora Blu a Pizzo Calabro – Foto Credits by Michele Costa

 

Se da Pizzo e dalle sue belle spiagge volete muovervi per ammirare qualcosa di diverso, vi consiglio di recarvi al Laghetto dell’Angitola!

Si tratta di un lago artificiale venutosi a formare dallo sbarramento dell’omonimo corso d’acqua, che ha creato una ricca biodiversità nella zona.

La sua particolare collocazione funge da richiamo per diverse specie di uccelli migratori e, nel tempo, è divenuto un grande polmone di biodiversità per l’area.

Dal 1975 questo lago è stato riconosciuto come Oasi Naturalistica ed affidato alle amorevoli cure del WWF Calabria. Per le sue caratteristiche, è stato perimetrato come Sito d’Importanza Comunitaria (SIC IT9340086).

Incontrare al Lago dell’Angitola gli aironi, i cormorani, la garzetta, i germani reali, o godere del refrigerio all’ombra degli splendidi pini d’Aleppo, dei Salici bianchi, degli Ontani Neri, degli Eucalipti e o delle Querce da sughero, arricchirà sicuramente la vostra permanenza sulla Costa degli Dei! 

 

La Costa degli Dei  – Le spiagge più belle

fra Pizzo e Tropea, divagando per Vibo Valentia

Seguendo la strada litoranea che da Pizzo procede verso Sud, avrete modo di vedere i piccoli borghi e le relative spiagge di Briatico, Zambrone e Parghelia, prima di giungere nella “Perla del Tirreno”, la bellissima cittadina di Tropea.

In questa parte della Costa degli Dei, troverete alcune delle più belle spiagge d’Italia, come la Spiaggia di Michelino e quella de La Pizzuta, che meritano di essere vissute in prima persona!

BRIATICO – E’ il primo borgo che si incontra dopo Pizzo. Del  vecchio Borgo di Briatico rimangono le testimonianze dei ruderi del Castello, sopravvissuto al distruttivo terremoto del 1783  e due fra le cinque torrette difensive poste a presidio delle Coste.

Le due torrette, danno anche il nome a due spiagge della Costa degli Dei, note anche come Baia della Rocchetta e di Sant’Irene, (nota anche come la Baia delle Sirene)

Le spiagge nella zona di Briatico si contraddistinguono dall’essere più tranquille rispetto alla mondanità della vicina Tropea, senza nulla togliere al grande fascino e alla trasparenza del mare che le lambisce!

L’alternanza delle insenature di sabbia e di rocce, unisce ancora più fascino a tutta la zona, mentre il profilo dello “Scoglio della Galera” (probabilmente non una prigione ma un’antica tonnara romana) con le sue forme caratteristiche, lo avvolge in un intrigante alone di mistero!

Vi aspettano per farsi amare le Baia Safo, Trainiti e San Giuseppe, cullate dalla costante presenza dei pescatori del posto e delle loro coloratissime barchette!

Lo Scoglio della Galea (o Galera), a Briaticosulla Costa degli Dei e le sue spiagge più belle

Mare e Costa degli Dei  – Le spiagge e le baie più belle. Lo Scoglio della Galea (o Galera), a Briatico

 

ZAMBRONE – Se non fossimo in Calabria, le spiagge della zona della Costa degli Dei nei pressi di questa località, potrebbero essere tranquillamente scambiate per quelle delle Seychelles o del Mar dei Caraibi! 

L’intensità dei colore assunti dal mare, il contrasto con le rocce, il verde delle montagne e gli arenili di un bianco abbacinante, ne fanno un vero Paradiso per gli amanti della natura e del mare!

Poco più in alto l’antico centro di Zambrone, alle falde del Monte Poro, guarda placidamente alla sua Marinella. 

Anche se la vostra destinazione saranno le spiagge,  vi consiglio di non perdervi una puntatina nel vecchio Borgo di Zambrone per assaporare il gusto antico ed autentico del suo centro storico con la bella  chiesa di San Carlo Borromeo e il mulino Zilui.

Sulle coste di Zambrone Marina, troverete diverse calette e spiagge libere, oltre a lidi attrezzati di tutto punto! Ma c’è una spiaggia che non potete perdervi assolutamente, il cui nome, da solo, è già una garanzia di quello che potrete trovare: vi parlo della spiaggia de “Il Paradiso dei Sub”.

Per meglio farvi capire di quale spiaggia vi sto parlando, ve ne lascio sotto la sua geolocalizzazione su Google Maps:

Costa degli Dei: Le spiagge più belle a Zambrone – Il Paradiso dei Sub

Per arrivarci dovete parcheggiare la vostra auto nei pressi della stazione ferroviaria di Zambrone, dove troverete alcuni parcheggi anche a pagamento.

Da qui occorre proseguire a piedi per circa 10-15 minuti su di un sentiero battuto in pendenza, prima di arrivare sulla spiaggia libera.

Ovviamente vi consiglio di portare con voi ombrellone, acqua e quanto altro possa esservi necessario, perché una volta arrivati, troverete solo sabbia bianca, mare cristallino, scogli e nessuna attrezzatura!

Si tratta di una baia incantevole, selvaggia, anche se meta di turisti provenienti dalle località più disparate del mondo! Se volete assaporarla davvero, venite fuori stagione …

Rimarrete entusiasti e stregati dalle forme dello “Scoglio del Leone”! Un mare da bere per la sua trasparenza, adatto ai sub, ma anche più semplicemente per fare del buon snorkeling o delle belle nuotate!

Una splendida spiaggia atrrezzata fra Zambrone e Parghelia

Una splendida spiaggia atrrezzata fra Zambrone e Parghelia


 

PARGHELIA – Le sue spiagge e il Borgo

Come altri centri della Costa tirrenica della Calabria, anche Parghelia ha subito la furia devastatrice di molti terremoti e proprio per questo, gran parte del suo attuale centro vi apparirà con una struttura urbanistica moderna!

Una volta giunti in questo Borgo vi consiglio di trovare il tempo per visitare la Chiesa settecentesca, dedicata a S. Maria di Portosalvo.

Al suo interno sono custodite delle splendide tele di scuola napoletana che meritano di essere ammirate con calma, prima di dedicarvi alla cura della mente e del corpo sulle sue meravigliose spiagge, fra le più belle della Costa degli Dei!

Parghelia, soprattutto fra i turisti, viene considerata come un’estensione verso Nord di Tropea, dalla quale dista appena 2 chilometri.

Le spiagge che qui potrete trovare sono sicuramente fra le spiagge più belle della Costa degli Dei, tanto che nel 2018, il noto portale di ricerca voli “Skyscanner”, ha inserito la spiaggia del Michelino a Parghelia, fra quelle più belle in Italia. (Qui l’articolo a cui faccio riferimento).

Due favolosi tramonti dalle spiagge di Parghelia 

Oltre alla spiaggia di Michelino, potrete trovare altri splendidi arenili e mare sempre cristallino, crogiolandovi al sole della spiaggia del Vardano, quella della Contura – detta anche “La Pizzuta”, per i suoi splendidi pinnacoli di granito e lo scoglio del Palombaro, la spiaggia della Grazia, poco a nord del Porto di Tropea, senza dimenticare le piccole e graziose spiaggette di Cancini (spiaggia privata), i Puzzi – i pozzi – e la spiaggia di Vavalacu, non distante dalla stazione ferroviaria di Parghelia.

La caratteristica della spiaggia di Michelino è che qui ci si può arrivare solo a piedi percorrendo 210 gradini, oppure via mare.

Come già detto per la spiaggia del “paradiso dei sub a Zambrone”, anche per la meravigliosa spiaggia del Michelino vale il consiglio di posteggiare appena possibile, e portare con voi ombrelloni o quanto altro vi possa servire, perché sulla spiaggia non ci sono servizi di ristorazione, né lidi.

Su questa spiaggia, nei mesi di luglio ed agosto troverete un discreto affollamento.

Per godere della pace e della bellezza di questo luogo selvaggio quindi, venite in periodi fuori dall’alta stagione. Potrete scegliere così in piena tranquillità il vostro “posto al sole”, decidendo se andare a destra o a sinistra dagli Scogli della Ringa, se preferite scorgere il profilo di Tropea o ammirare il fantastico tramonto sullo Stromboli!

Costa degli Dei e profilo di Tropea

Uno dei paesaggi più spettacolari sulla Costa degli Dei … in fondo il profilo di Tropea

La vista dell’Isola dagli affacci di Tropea – Foto credits by Tommaso Pizzonia

Tropea: La magica regina della Costa degli Dei

A seguire c’è lei, la bellissima regina della Costa degli Dei, la “Perla del Tirreno”: Tropea! 

Un Borgo tutto da visitare che racchiude nel suo centro storico le testimonianze di un passato ricco e antico, oltre alle impronte culturali, artistiche ed architettoniche rappresentate dagli antichi palazzi nobiliari del 1700 e del 1800 abbarbicati direttamente sulla roccia a strapiombo sul mare!

Girando per il dedalo di vicoli e viuzze del centro storico di Tropea, si finisce inevitabilmente per giungere ad una Piazza, una Chiesa o ad uno dei 5 affacci con vista mozzafiato sul mare, sul Santuario di Santa Maria dell’Isola, sulla Costa degli Dei e sulle dirimpettaie Isole Eolie!

Un Borgo incantevole che da solo varrebbe una vacanza in ogni stagione!

Cultura, bellezze paesaggistiche e naturali, mare, montagna, ma anche tradizioni enogastronomiche tipiche e una grande ospitalità, sono alla base di un soggiorno che vi assicuro, non si dimentica!

Spiaggia delle Roccette a Tropea sulla Costa degli Dei

La spiaggia delle Roccette a Tropea

Quante volte ci sono stata? Tante, tantissime volte e ogni volta vi assicuro, mi ha saputa stregare, tanto da dedicargli un articolo apposito dove troverete i mille perché vi invito a visitare Tropea, ma anche che cosa qui potrete vedere e fare e ovviamente, le spiagge da non perdere!

Perché occorre ricordare che la Costa degli Dei, di cui Tropea fa parte, è anche un’occasione per ritemprare il corpo e lo spirito, tuffandosi letteralmente fra spiagge e baie da sogno!

Le spiagge più belle a Tropea:
Spiaggia del Cannone,
Spiaggia del Mare Piccolo
Spiaggia della Rotonda
Spiaggia “A Linguata”
Spiaggia Marina dell’Isola
Spiaggia del Convento
Spiaggia Passo Cavalieri

Tropea e i suoi vicoli … Foto credits By Maria Celebre

Tropea e i suoi fantastici affacci!


Alla scoperta di Vibo Valentia e delle
sue antiche origini
La Costa degli Dei che non ti aspetti!

Prima di continuare il nostro itinerario fra le spiagge più belle della Costa degli Dei, vi consiglio di prendervi almeno una mezza giornata per visitare Vibo Valentia, l’antica Veip pre-ellenica, divenuta poi Hipponion e fortificata al tempo dei Normanni e gli Svevi con uno splendido Castello.

Una cittadina antica per una delle Province più “giovani” della nostra bella Italia, suddivisa fra centro storico e la frazione di Vibo Marina.

Il Castello Normanno-Svevo di Vibo Valentia, di cui qui vi lascio il link della sua ubicazione su Google Maps, oggi è stato trasformato nello splendido Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”.

Il Castello – Museo e le altre evidenze storiche dell’antico Borgo, meritano assolutamente una visita!

Il ticket di ingresso all’esposizione museale del “Vito Capialbi”, ha il costo di 5 euro per gli adulti e 2 euro il ridotto.

Al suo interno è possibile ammirare, nelle 4 distinte sezioni su cui si articola, reperti archeologici provenienti dagli edifici sacri, dalle necropoli e dalle varie collezioni private, a testimonianza della lunga storia di queste zone della Calabria.

Fra i vari reperti qui custoditi, di particolare interesse è la laminetta orfica in oro, legata al mito di Orfeo molto diffuso nella Magna Grecia attraverso la dottrina propugnata dai Pitagorici.

La laminetta orfica, databile tra il VII e il IV secolo avanti Cristo, reca un’iscrizione su sedici righe in dialetto dorico -ionico! Un vero e proprio vademecum comportamentale per la defunta nell’aldilà!

Per chi ama la fotografia, dal castello Svevo Normanno di Vibo Valentia avrete la possibilità di scattare splendide foto sui meravigliosi paesaggi circostanti!

Per chi poi avesse voglia di approfondire la conoscenza di questa città, consiglio inoltre di visitare:

  • Il Duomo, edificato fra il XVII e XVII secolo su di una preesistente chiesa bizantina. Al suo interno, fra le altre cose, vengono custodite una splendida tavola del ‘500, raffigurante la madonna, e un prezioso trittico in marmo di Antonello Gagini;
  • Il Valentianum, un ex Convento dei Domenicani, all’interno del quale oggi è ospitato il Museo d’Arte Sacra;
  • La Chiesa di S. Maria La Nova, con un prezioso portale in marmo del Cinquecento;
  • La Chiesa del Rosario;
  • Le Rovine dell’antica Hippónion, vicino al cimitero, dove è possibile osservare le antiche mura difensive della città, databili fra il VI e il V sec. a.C.;
  • Il Museo di Arte Limen, realizzato all’interno del Complesso Valentianum, un ex Convento domenicano del ‘400.
Laminetta orfica al Museo Archeologico di Vibo Valentia

Laminetta orfica al Museo Archeologico di Vibo Valentia (fonte wikipedia)


 

Capo Vaticano visto dal drone

Capo Vaticano visto dal drone – Foto credits by Michele Costa

Da Tropea ai

“Caraibi della Calabria:

Capo Vaticano, il cuore della Costa degli Dei e

le sue spiagge più belle

Nell’articolo dedicato Tropea, scritto qualche tempo fa, avevo promesso che vi avrei svelato quali sono le spiagge che preferisco sulla Costa degli Dei!

Ricomincio da qui allora, per condividervi tutte le emozioni e la bellezza di questo tratto di Costa che, dopo Tropea, si spinge verso sud, entrando nel comune di Ricadi, facendosi riconoscere al mondo con il nome del suo promontorio più spettacolare: Capo Vaticano!

Come avrete ben intuito è proprio qui, nella zona di Capo Vaticano, che si trovano le spiagge che più amo, che più mi ispirano e dove ritorno sempre molto volentieri!

Mi riporta qui la sensazione di profonda armonia e la magia del sentirsi bene, in piena armonia con la natura che sta intorno, quell’elettrizzante sensazione di libertà che scaturisce dall’ascoltare il rumore del vento e del mare, il percepire i profumi selvatici che si mescolano nelle note profumate di un’onda che si frange su di uno scoglio o sul candore della battigia!

Colori e profumi che sanno inebriare!

Un cielo e un mare che sanno rivelare tutte le sfumature possibili, fra mille baie, calette …

Siamo a Capo Vaticano, lì dove le leggende e i miti si rincorrono da millenni, ma anche dove gli uomini di oggi continuano a  lasciarsi  stregare dalla bellezza!

Costa degli Dei a Capo Vaticano I colori del Tramonto

Suggestioni di un tramonto – Foto credits by Michele Costa

Capo Vaticano dal mare

Capo Vaticano vista dal mare

 

Ricadi non è più il piccolo villaggio di pescatori di un tempo!

A dir la verità, questo angolo di Calabria, prima di essere scoperto dal turismo, era già stata scoperto dai grandi viaggiatori del XIX secolo e da molti personaggi famosi come Giuseppe Berto (scrittore e sceneggiatore del XX secolo), che qui decisero di fermarsi e viverci!

A Ricadi, oltre ad ammirare i meravigliosi paesaggi o ad intrattenervi in prima persona con la “scoperta approfondita” dei suoi prelibatissimi prodotti eno – gastronomici, vi consiglio di non perdervi una visita ai vari poli espositivi del MuRi, il Museo Civico di Ricadi.

Si tratta di un museo diffuso molto particolare, costituito da 5 allestimenti espositivi diversi che sotto vi elenco, attraverso i quali potrete conoscere il territorio, ma anche approfondire la storia, la cultura e le caratteristiche passate e presenti di queste zone! 

Una visita da fare assolutamente se viaggiate con i vostri figli! 

  • Il Museo del Mare a Capo Vaticano;
  • Museo della Cipolla a Capo Vaticano;
  • Museo delle Torri presso Torre Marrana di Brivadi;
  • Museo dell’arte Contadina a Ricadi;
  • Il Museo Antropologico e Paleontologico a Santa Domenica.

Se volete farvi un’idea della bellezza dei circa 12 chilometri coste che troverete nella zona di Ricadi, vi consiglio di fare una prima sosta sul promontorio che ospita, dal 1870, il Faro di Capo Vaticano.

Dal Belvedere vi sembrerà di abbracciare letteralmente l’orizzonte con il profilo dello Stromboli fumante sullo sfondo, mentre nello strapiombo sotto di voi, le calette di sabbia di un bianco abbacinante, sembrano incastonate fra le rocce e un mare da sogno!

Se pensate che stia parlando per iperboli, date uno sguardo a queste foto! Penso che possano parlarvi da sole, che ne dite?

I panorami marini da Capo vaticano Acqua degli dei mediterranean essence

Profumi e brezza di mare – Passione nel cuore del Mediterraneo

Costa degli dei Capo Vaticano e Acqua degli dei mediterranean Essence

I magnifici panorami del mare e le coste di Capo Vaticano, in Calabria

Il mare caraibico della Costa degli Dei a Capo Vaticano

spiagge e costa degli Dei Panorami

Un tuffo nel mare degli Dei – Capo Vaticano
Foto credits by Maria Celebre

 

La Costa degli Dei  – Le spiagge più belle a

Capo Vaticano e dintorni! Quale scegliere?

Considerato che nella zona di Capo Vaticano potrete trovare sia spiagge libere che spiagge attrezzate, oltre ai lidi di hotel dotati dei migliori confort, la scelta vincente potrebbe essere quella di provarle un pò tutte!

Detto questo però, vi lascio l’indicazione di quelle che assolutamente sono da non perdere, in modo da darvi una panoramica quanto più possibile completa!

Il mare però vivetelo full immersion, facendo anche una gita in barca o gommone, in modo da poter apprezzare la bellezza delle calette nascoste, racchiuse fra le rocce! 

Baia Di Riaci a Santa Domenica di Ricadi – Si arriva dalla Strada Provinciale 22 che da Tropea porta a Capo Vaticano.

E’ una delle spiagge di sabbia più belle nella zona di Capo Vaticano e non meno fantastico è il mare cristallino e trasparente, nel quale gli scogli  formano delle piccole piscine naturali.

Praia i Focu e Ficara a Capo Vaticano – Si raggiunge da un sentiero che parte nelle vicinanze del Belvedere o via mare. La bianchissima spiaggia di Praia de Focu deriva il suo nome dal fatto che qui un tempo, i pescatori accendevano sulla spiaggia i fuochi di segnalazione.

Il mare qui è davvero splendido, trasparente e con meravigliosi fondali digradanti! Un vero paradiso per fare snorkeling e per chi ama le immersioni.  E per chi vuole sognare, ci pensa il leggendario scoglio di Mantineo ad aggiungere magia all’ambiente già magico!

La spiaggia di Formicoli a Santa Domenica di RicadiIl suo nome è legato all’antico porto greco romano, Forum Herculis, i cui resti sono visibili sott’acqua.

Insieme alla baia di Riaci e delle Grotticelle, la spiaggia di Formicoli, è una delle più belle di tutta la costa degli Dei! Da questo splendido arenile bianco, si possono ammirare fantastici tramonti di fuoco sulle Isole Eolie.
Per arrivare sin qui, dovete imboccare dalla sp 22 la deviazione per Contrada Brace.

La Baia di Grotticelle, con le sue meravigliose 3 spiagge ad arco contigue, è una delle più belle e frequentate zone balneari di Capo Vaticano. Se riuscite a venirci in inverno o nelle stagioni intermedie, godrete ancora meglio i fantastici panorami che da qui si possono ammirare
La sua bellezza è stata riconosciuta più volte dalle riviste specializzate internazionali, che la hanno posta fra le spiagge più bella d’Italia e fra le 100 spiagge più belle al mondo.

La Spiaggia di Santa Maria – Si tratta di uno splendido e lunghissimo arenile di sabbia bianca con la presenza di un gruppo di scogli, chiamati gli “Scogli della Galea”.

Il nome di queste rocce è legato ad alcune leggende secondo le quali qui, un tempo, venivano legati ed incatenati i galeotti. Ottima zona per fare snorkeling o immersioni, se volete sfuggire all’affollamento della spiaggia!

Sul suo Lungomare si trova una grazio Chiesetta dedicata alla Madonna, da cui la baia prende il nome.

Di seguito troverete i link con la geolocalizzazione su Google Maps, di altre belle spiagge da provare:

Torre Marino a Santa Domenica di Ricadi;
Ruffa e Torre Ruffa a Capo Vaticano;
Rocca Di Vadaro e Fiorina a Capo Vaticano;
Spiaggia del Tono e del Tonicello.

Meno note ma non per questo meno belle, sono le spiagge del Giardinello e del Gabbaturcu a Santa Domenica di Ricadi, oltre alle spiagge del Petraio e del Salamite a Capo Vaticano.

Sarà davvero difficile scegliere!

Sempre da Capo Vaticano, o da Tropea, vi consiglio di effettuare la bellissima alla vicina Zungri, per poter scoprire il sito dell’Insediamento Rupestre e il Museo della Civiltà Rupestre e Contadina

Capo Vaticano visto dal drone

La Costa degli Dei e le spiagge più belle a Capo Vaticano – Foto credits by Michele Costa

Costa defli Dei a Capo Vaticano

Le spiagge della Costa degli Dei a Capo Vaticano viste dalla barca – Foto credits by Maria Celebre

Informazioni utili per

recarsi sulla Costa degli Dei.

Dove dormire

L’intera zona che va da Pizzo a Nicotera offre una vasta scelta di sistemazioni per ogni tipo di vacanza e di budget!

Dagli Hotel ai Bed and Breakfast, dai Villaggi turistici ai Residence o alle case vacanza, tutto è pensato per permettere di vivere al meglio ogni giorno sulla Costa degli Dei.

Come accade ovunque però, durante il periodo estivo i prezzi saranno più alti e i servizi potrebbero non sempre all’altezza delle aspettative.

Se potete, scegliete di andarci in mesi diversi da Luglio ed Agosto, quando anche le spiagge sono affollate!

Il Clima è benevolo da queste parti, perché da Aprile ad Ottobre le temperature piacevoli, favoriscono una stagione balneare lunga!

Un suggerimento che mi sento di darvi, se volete approfondire la conoscenza di questa zona della Calabria, è di sbirciare fra le utilissime pagine della la Guida “Pronto-Estate”, disponibile anche su supporto cartaceo, sfogliabile e scaricabile on line.

La Guida di Pronto Estate per il 2020 non è ancora on line, visto i mille problemi legati alla ripartenza dalla pandemia da Coronavirus, ma QUI potete trovare la versione del 2019, per farvi una concreta idea di ciò di cui vi sto scrivendo! 

Le mie scelte: Nel corso delle mie vacanze o fine settimana sulla Costa degli Dei, quasi sempre ho scelto di alloggiare all‘Hotel “La Bussola”, a Capo Vaticano.

Si tratta di hotel grazioso e molto curato a conduzione familiare, posto non lontano dalle spiagge più belle di Capo Vaticano (Qui la mia recensione su TripAdvisor). Belle e funzionali le camere, ottimi i servizi, eccellente la qualità della loro cucina, che offre la possibilità di degustare i piatti tipici della zona nel Ristorante, anche à la carte. 

Alloggiando all’Hotel la Bussola, vi consiglio di non perdervi assolutamente “la serata calabrese”, nel corso della quale i buongustai potranno degustare gli ottimi piatti tipici calabresi, cucinati magnificamente nel Ristorante dell’Albergo
 
Avrete modo di fare la “conoscenza” con la ‘nduja, servita con il tipico scalda-nduja, i formaggi tipici e le ricotte del Monte Poro, la dolcissima cipolla rossa di Tropea, il tutto annaffiato dagli ottimi vini DOC e IGP made in Calabria!

Serate frizzanti e allegre, accompagnate dal sound di vivaci tarantelle (e non solo), in un’ambiente autentico, caloroso e familiare!  Anche questo è uno degli aspetti dell’ospitalità calabrese! 

Se volete contattarli, ecco la E Mail info@albergolabussola.com


La Costa degli Dei da Ricadi a Nicotera

L’ultimo tratto della Costa degli Dei che da Ricadi giunge a Nicotera, è caratterizzata da spiagge prevalentemente rocciose intercalate da spiaggette sabbiose davvero deliziose.

Il primo paesino che si incontra percorrendo la strada statale 18, è Joppolo, appollaiato su di un crinale roccioso con una splendida vista sul mare sottostante e le Isole Eolie.

Le spiagge migliori si trovano nelle frazioni di Marina di Coccorino e Coccorinello e prendono il nome di Porticello, le Saline, la Spiaggia di Donna Gà e la Spiaggia della Baia dei Gabbiani.

Malgrado queste spiaggette non siano grandi, rappresentano l’ideale per trovare un pò di relax e fare delle belle immersioni in un contesto naturalistico  davvero notevole!

E per finire Nicotera e la sua Marina, con le spiagge “u pettu i fimmina”, “a petra russa” e la lunghissima Marina di Nicotera, di sabbia sottile e fondali digradanti adatti per i bambini.

In alto lo splendido borgo di Nicotera ci aspetta per essere visitato e scoperto, ma questa è già un’altra storia, da vivere e raccontare in un’altro articolo!

Perché c’è sempre qualcosa da scoprire in questa terra meravigliosa che è la Calabria!


 

Come arrivare sulla Costa degli Dei!

E’ una delle informazioni sicuramente più importanti per sapere come organizzarvi per arrivare sino alla Costa degli Dei, ponendo come punti di arrivo, i borghi di Pizzo, Vibo Valentia/Tropea e/o Nicotera!

In Auto

Per chi viaggia in auto provenendo da Nord:  Dalla A3 Salerno – Reggio Calabria, occorre uscire a Pizzo Calabro, quindi seguite la S.S. per Tropea – Capo Vaticano.

In alternativa uscite a S. Onofrio – Vibo Valentia, seguendo le indicazioni   per Tropea o Capo Vaticano o Pizzo, secondo la vostra destinazione.

Se provenite da Sud: Uscite dalla A3 Salerno – Reggio Calabria a Rosarno (Qui la sua geolocalizzazione), quindi proseguite per Nicotera – Joppolo – Coccorino – Ricadi – Capo Vaticano, Tropea, Pizzo.

In alternativa uscite dalla A 3 a Mileto, seguire la strada statale 18 per Tropea e poi al bivio di Zungri proseguite per Ricadi – Capo Vaticano – Tropea.

In aereo
Aeroporto di Lamezia Terme a 55 km da Tropea
Aeroporto di Reggio Calabria a 110 km da Tropea

In Treno
Diversi treni collegano le varie stazioni della Costa degli Dei con le diverse città d’Italia. Con Trenitalia occorre raggiungere le stazioni di Lamezia Terme o  di Vibo Valentia.

Da Lamezia Terme o da Vibo Valentia, potrete poi proseguire per Tropea, Pizzo o Capo Vaticano con treni locali, bus o taxi. 

Molte altre informazioni poi, li potrete trovare in loco leggendo la guida turistica Pronto Estate

Costa degli Dei le spiagge più belle e i Borghi scale a Tropea

Costa degli Dei – Le spiagge più belle ma anche angoli da fotografare

Artisti a Tropea sulla Costa degli Dei

Costa degli Dei le spiagge più belle ma anche le genti e artisti di strada a Tropea!

A conclusione di questo lungo Articolo – Guida alla “Costa degli Dei – Le spiagge più belle e i Borghi da visitare. Consigli utili“, voglio ringraziare anzitutto alcuni appassionati fotografi di questa magica terra di Calabria, per avermi dato l’opportunità di condividere con voi alcuni loro splendidi scatti!

Vi lascio i collegamenti Instagram o Facebook, per poterli seguire:

Michele Costa, a cui appartengono gli scatti con il drone e la splendida cover; Maria Celebre e Tommaso Pizzonia.

Se quello che ho scritto in questo articolo vi è piaciuto, non esitate a condividerlo!
Se volete ricevere ulteriori approfondimenti sulla splendida Costa degli Dei, non esitate a scrivermi nei commenti: risponderò volentieri alle vostre domande!
Al prossimo Spunto di Viaggio by Mimì!
Lasciatevi Ispirare …

 

Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei

 

You may also like

4 comments

Visitare Tropea e dintorni: cosa vedere e fare nel cuore della Costa degli Dei 8 Maggio 2020 - 23:37

[…] leggende su Tropea cedono il passo alla Storia testimoniata, quando Sesto Pompeo sconfisse lungo la Costa degli Dei Cesare […]

Reply
Acqua degli Dei - Mediterranean Essence: profumi ed esperienze emozionali dalla Calabria 8 Maggio 2020 - 23:41

[…] futuro, la creazione di un “Distretto Turistico” anche sulla Costa degli Dei, così come è avvenuto per la Sila, potrà forse fornire ulteriori stimoli […]

Reply
Grotte di Zungri: cosa vedere nella misteriosa Città di Pietra di Calabria 8 Maggio 2020 - 23:47

[…] Ci siamo soffermati alcune ore a Zungri, per poter visitare il sito dell’Insediamento Rupestre e il Museo della Civiltà Rupestre e Contadina, oltre a fare un giretto nel delizioso centro calabrese, posto sul magico Altopiano del Monte Poro in provincia di Vibo Valentia  non distante da Tropea, Capo Vaticano e dalle località turistiche più note della celebre Costa degli Dei! […]

Reply
Pronto Estate: Guida alle Vacanze sulla Costa degli Dei, Tropea e oltre 11 Agosto 2020 - 15:27

[…] E’ il decimo anno quello che la guida turistica “Pronto Estate”, edita da Pubblicom e da Meligrana Editore, festeggia in questo 2020, insieme a tutti i turisti e viaggiatori che hanno scelto come meta per le proprie vacanze, la Costa degli Dei ed i suoi dintorni! […]

Reply

Leave a Comment

Don`t copy text!

Stiamo utilizzando Google Analytics

Per favore,conferma se accetti il ​​nostro monitoraggio di Google Analytics. Puoi anche rifiutare il monitoraggio, in modo che tu possa continuare a visitare il nostro sito Web senza alcun dato inviato a Google Analytics.