Home DESTINAZIONIConsigli di Viaggio 27 Capitali Europee da visitare: Viaggio nelle città simbolo d’Europa

27 Capitali Europee da visitare: Viaggio nelle città simbolo d’Europa

by Mimì
Spunti di Viaggio Capitali europee da visitare Madrid capitale della Spagna Parco del Buon Retiro

Un tempo, i viaggi in Europa venivano chiamati Gran Tour,  ed erano sinonimo di crescita personale, culturale e umana, a cui i rampolli dell’aristocrazia europea non si sottraevano! Più prosaicamente noi, oggi, ci affidiamo al fascino del vecchio continente per scoprire, attraverso un viaggio fra le più belle città e capitali europee da visitare, i segreti e la bellezza di un mondo affine alle nostre radici culturali!

In questo periodo poi, con la ripartenza del turismo e l’affievolirsi della pandemia da covid-19, abbiamo tutti una gran voglia di assaporare nuovamente l’unicità ed il fascino del viaggio, di elaborare itinerari e di evadere dalla quotidianità, cercando mete e destinazioni sicure, non troppo lontane!

Ecco allora l’idea di condividere con voi, un viaggio in 27 splendide capitali europee, raccontate attraverso l’esperienza e le emozioni di chi c’è già stato! Non solo le tradizionali e grandi capitali europee, ovviamente!

Capitali europee da visitare: Madrid, capitale della Spagna in Europa il tempio di Debod

Madrid: Il tempio egizio di Debod

Tappa dopo tappa, città dopo città, potrete così scoprire se quella “particolare capitale” è affine alle vostre aspettative e alle vostre esigenze, ma anche le cose più importanti che potrete vedere e fare una volta giunti a destinazione! Senza dimenticare un cenno alle tradizioni culturali caratteristiche del Paese europeo che avete scelto, quale meta del viaggio!

Anche in questo caso, leggerete un articolo “corale”, scritto attraverso la collaborazione fra 27 Travel Blogger Italiane per raccontarvi un Viaggio in 27 Capitali Europee imperdibili, da visitare in ogni stagione, da soli, in famiglia o in compagnia!

Siete pronti a lasciarvi incantare da antiche e moderne architetture europee, da musei e siti archeologici imperdibili, dalla street art e da itinerari fra storia, natura e grandi patrimoni dell’Umanità della vecchia e magnifica Europa?

Seguiteci e Lasciatevi Ispirare!

 


 

Capitali europee da visitare - Vienna il Belvedere Schloss Schönbrunn

Capitali europee da visitare – Vienna in Austria e la magnificenza

foto credits di @Margherita e Samuele

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

1. Vienna, capitale dell’Austria

State cercando una capitale europea chic, ma alla mano? Che sappia conciliare eleganza con un pizzico di follia? A noi viene senza dubbio in mente lei: Vienna!

Capitale dell’Austria, Vienna non è solo una città di rappresentanza, ma è energica, viva, ecclettica, moderna. Insomma, se non sapete cosa aspettarvi da questo centro multiculturale, non resterete di certo delusi!

Quando, durante un on the road dell’Austria Orientale, abbiamo programmato un paio di notti a Vienna, pensavamo di trascorrere le nostre 48 ore all’insegna della cultura museale e della “tranquillità”. Mai nessuna previsione poteva rivelarsi più errata: la città ci è apparsa subito in fermento!

Il cuore del centro storico è sicuramente la piazza dove, maestoso, si erge lo Schloss Hofburg, centro nevralgico amministrativo (non per niente, attualmente è la residenza del Presidente dell’Austria).

Di certo, gli appassionati di storia lo ricorderanno per essere stata la residenza della principessa Sissi. Un intero museo è dedicato all’approfondimento di questo controverso e romantico personaggio del diciannovesimo secolo.

Cose da vedere in Europa – La Cattedrale di Santo Stefano a Vienna, capitale dell’Austria

Cosa vedere a Vienna capitale dell'Austria - La Hundertvasserhouse

La Hundertvasserhouse a Vienna – foto credits di @Margherita e Samuele

Altri maestosi castelli ricordano il passato imperiale di Vienna, come lo Schloss Schönbrunn (o Belvedere), che di certo vi attirerà, per la visita al celebre Bacio di Gustav Klimt.

Ma, come abbiamo detto, Vienna sa coniugare antico e moderno! Ecco perché vogliamo consigliare assolutamente una visita all’onirico quartiere di Hundertvasser, che deve la sua paternità all’architetto da cui prende il nome.

Un quartiere, insieme al suo edificio principale, la Hundertvasserhouse, che sembra uscito direttamente dal paese delle meraviglie, o da un quadro di Dalì!

Vienna, però, è anche tradizione gastronomica: ecco perché vi farà piacere sapere che è la patria di ben due must della cucina nordica, ovvero la Schnitzel e la Sacher Torte.

La prima è la regina delle cotolette, servita con la classica insalata di patate. Il locale storico per eccellenza, dove poter gustare la sola e unica Wiener Schnitzel, è il Figlmuller.

La Sacher Torte, icona dei dolci austriaci, ma forse anche europei, affonda le sue radici nello storico Hotel Sacher, dove vi troverete catapultati indietro nel tempo, al ritmo di valzer!

Prima di dare l’ultimo saluto a Vienna, concedetevi un giro sulla ruota panoramica più antica d’Europa, la Reisenrad all’interno del Prater!

Contributo di Margherita e Samuele del Blog Dove Si Ba


Viaggio nelle capitali europee da visitare - Bulgaria: Chiesa di Alexander Nevski a Sofia

chiesa-alexander-nevski-a-Sofia-capitale-della-Bulgaria-spuntidiviaggio.jpg

Foto credits di @Barbara Astolfi

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

2. Sofia, capitale della Bulgaria

Nella penisola dei Balcani, nel sud dell’Europa, a sole poche ore di aereo e con prezzi più che accessibili, c’è un piccolo paese poco conosciuto da noi italiani, che merita di essere visitato! Sto parlando della Bulgaria.

Fortunatamente questo luogo è ancora una destinazione con poco turismo di massa, ma possiede attrazioni degne di una città turistica di prima classe. Tanta storia, Patrimoni Unesco, stazioni sciistiche, spiagge meravigliose, buona gastronomia, acque termali con proprietà curative, città medievali, monasteri, grotte spettacolari, foreste impressionanti e tante altre meraviglie!

È una di quelle destinazioni che conserva ancora un po’ dell’essenza dell’Era Comunista, anche se, dal 2007, fa parte dell’UE e quindi non è necessario un passaporto per viaggiare e scoprire i suoi meravigliosi tesori.

Un po’ di storia della capitale della Bulgaria

La Bulgaria è stata la culla di alcune delle prime civiltà europee. iI Bulgari discendono dai Traci, Celti, Greci e Romani e per cinque secoli furono occupati dai Turchi fino a quando nel 1878, dopo la guerra russo-turca, fu ristabilito lo stato bulgaro con la cosiddetta Rinascita Bulgara.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Bulgaria divenne uno stato socialista e fu sotto l’influenza dell’Unione Sovietica. Nel 1989 dopo lo smantellamento degli stati socialisti e la caduta del muro di Berlino, il paese è diventato una democrazia parlamentare.

La moneta nazionale è il Lev, non usano l’euro. Per fare il cambio è meglio andare in banca ed evitare le case di cambio. È possibile usare anche la carta di credito, ma molti luoghi non la accettano come mezzo di pagamento.

Il prezzo degli hotel varia molto, ma si possono trovare vere occasioni da 40/60€ a notte, per un hotel a quattro stelle.

Capitali europee imperdibili da visitare - Bulgaria capitale della Bulgaria Sofia: Sveti Giorgi

Capitali europee imperdibili da visitare – Sveti Giorgi a Sofia – Foto @Barbara Astolfi

Anche per il mangiare i prezzi sono abbastanza accessibili, dato che si aggirano sugli 8/10€ a persona. Il cibo tradizionale può essere assaggiato nei cosiddetti “mehanas”, ristoranti tradizionali decorati con tovaglie colorate, molto carini!

Sofia, la capitale del paese è all’avanguardia, super moderna e cosmopolita, con una vita notturna molto vivace.

Ha un’aria piuttosto post-comunista, il che non la rende particolarmente attraente, ma ha grandi viali e alcuni edifici storici che si possono raggiungere semplicemente camminando.

Ci sono tantissime cose da vedere a Sofia che, essendo piccolina, è facilmente girabile a piedi. Le attrazioni principali sono perfette per un itinerario di 1 o 2 giorni, dipenda da quanta voglia avete di camminare.

I luoghi e le attrazioni principali da non perdere sono:

  • la moschea Banya Bashi dell’Impero Ottomano,
  • la Sinagoga Centrale, che è la più grande sinagoga sefardita d’Europa,
  • la chiesa Sveta Petka,
  • la cattedrale ortodossa Alexander Nevski (una delle più grandi del mondo),
  • la chiesa di Santa Sofia in stile bizantino, costruita nel VI secolo,
  • la chiesa rotonda Sveti Georgi (considerata il più antico edificio della città risalente al IV secolo) e molto altro ancora!

In sostanza, Sofia è una città vibrante, ma allo stesso tempo conserva ancora un’atmosfera da città di campagna! E’ impossibile non farci un salto: andateci anche voi!

Contributo di Barbara Astolfi Bier del Blog Wanderlust in Travel

 


La Stazione dei Treni a Città del Vaticano capitale europea dello Stato del Vaticano Europa

La Stazione dei Treni a Città del Vaticano

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

3. Città del Vaticano, capitale del Vaticano

 

Se parliamo di città europee, non possiamo non menzionare quella che si trova nello stato sovrano più piccolo al mondo.

Sto parlando dello Stato della Città del Vaticano, solo 44 ettari di estensione e circa 600 abitanti, situato a breve distanza dalle sponde del Tevere e circondato da alte mura, che delimitano i suoi confini.

Nata in seguito alla stipula del Trattato Lateranense del 1929, è una realtà piccola ma che, al suo interno, ha tutto quello che serve per la sua indipendenza. Ha persino la moneta ufficiale ma, per comodità, viene utilizzato l’euro per le transazioni commerciali.

Tra i servizi presenti c’è una radio (Radio Vaticana), un’emittente televisiva, un servizio di Poste e la storica Farmacia Vaticana. C’è anche una rete ferroviaria, usata prevalentemente durante eventi speciali.

Camminando lungo la banchina del primo binario della Stazione di San Pietro, è possibile seguire il percorso di uno dei binari, ormai in disuso. Questo luogo è definito “Passeggiata del Gelsomino”, ed offre una vista stupenda sulla cupola della Basilica di San Pietro.

Piazza San Pietro a città del Vaticano

Piazza San Pietro – Foto credits @Veronica Grossi

Per accedere allo Stato della Città del Vaticano, sono presenti 5 ingressi. Si trovano lungo il perimetro delle mura e sono controllati dalle guardie svizzere o dalla gendarmeria vaticana. E’ permesso l’ingresso accompagnati da residenti o da lavoratori presso lo Stato del Vaticano oppure per motivi giustificabili. Ad eccezione di due accessi.

Il più famoso è quello di Piazza San Pietro, con la sua stupenda Basilica a cui si può accedere gratuitamente.

Per chi desidera salire sulla Cupola ci sono due modalità: la più economica, a piedi, ha un costo di 8 euro mentre quella più comoda, salendo in ascensore, ha un costo di 10 euro.

Rimarrete a bocca aperta per la vista che avrete davanti ai vostri occhi: Piazza San Pietro, poi il Rione Borgo Pio, il Tevere e Castel Sant’Angelo.

Anche il secondo ingresso è molto famoso, ed è quello dei famosi Musei Vaticani e alla Cappella Sistina.

Musei Vaticani impedibili da visitare a Città del Vaticano Europa

Nei Musei Vaticani

Nei Musei Vaticani sono esposti i capolavori dall’arte antica, fino all’arte moderna, mentre nella Cappella Sistina potrete ammirare la celebre volta dipinta da Michelangelo, il Giudizio Universale.

Il biglietto d’ingresso, da prenotare online, comprende sia l’ingresso ai Musei Vaticani che alla Cappella Sistina. Il costo del biglietto intero è di 24,00 €, mentre il ridotto 9,90 €.

Si possono organizzare tantissime visite, tra cui quella ai meravigliosi Giardini Vaticani, un’area verde che ricopre circa metà degli ettari della città dove si può accedere solo prenotando una visita guidata.

Il biglietto cumulativo per la visita guidata ai Giardini Vaticani e ai Musi Vaticani, ha il costo di 36,50 €, mentre il ridotto è di 24,00 €.

Un vero paradiso dove trovare tantissime varietà di piante e giardini sapientemente curati.

Contributo di Veronica Grossi del Blog Traveller Way of Life

 


Città e capitali europee da vitare Zagabria Chiesa di San Marko

Chiesa di San Marko – Foto credits di @Marina Lo Blundo

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

4. Zagabria, capitale della Croazia

 

Zagabria è una città che sa sedurre e stupire.

La prima volta che andai a Zagabria mai mi sarei immaginata tanta bellezza, cultura e storia, architettura asburgica e architettura medievale, musei e giardini.

Zagabria si trova a pochi km dal confine con la Slovenia. Non serve il passaporto, basta la carta d’identità. La moneta però non è l’euro (non ancora almeno), ma la kuna, che ha un cambio favorevole per l’euro.

Ma basta parlare di soldi. Visitiamo la città.

Zagabria si distingue in una città bassa, Donji Grad, e una città alta, Gornji Grad.

La città bassa risente fondamentalmente del passato asburgico, quando Zagabria (e la Croazia) era parte integrante dell’impero austro-ungarico.

La città alta invece, è il cuore medievale della città dove sorge la cattedrale, il Kaptol, la Porta di Pietra – luogo di devozione per i cittadini di Zagabria – e dove le strade sono in salita fino a piazza Marko con la bella chiesina di San Marco, che domina incontrastata (ed è decisamente istagrammabile).

La città bassa inizia presso la stazione ferroviaria, una stazione da cui storicamente partiva l’Orient Express in direzione di Istanbul. La prima piazza che si incontra è in realtà un grande giardino, ordinato e fiorito, in cui campeggia la statua di Re Tomislav.

Chi era re Tomislav? Non ve lo racconto qui, ma vi dico solo che Tomislav, è anche il nome di una straordinaria birra scura prodotta nei dintorni di Zagabria.

Viaggio nelle capitali europee da visitare . Zagabria capitale della Croazia Europa panorami

Vista sui tetti dei Zagabria – Foto credits di @Marina Lo Blundo

Un altro piacevolissimo giardino si incontra a seguire, Zrinjevac, dove si trova anche una strabiliante colonna meteorologica, installata qui nel 1884.

Nella città bassa, si trovano alcuni musei importanti, come il Museo Archeologico Nazionale – dov’è custodita la “mummia di Zagabria” – una mummia egizia avvolta in bende tutte completamente scritte in lingua etrusca, cosa davvero eccezionale.

Il Mimara Museum, dedicato alla collezione di un mercante d’arte, restauratore e collezionista senza scrupoli, Anton Mimara, il quale durante la II Guerra Mondiale acquisì più o meno legalmente opere d’arte e oggetti archeologici provenienti dai musei di tutta Europa (Italia compresa).

Anche nella città alta ci sono musei degni di nota. Il più interessante è senz’altro il Museo delle Relazioni Interrotte: non è il solito museo!

Questo spazio nasce dal progetto di due artisti, che hanno chiesto alle persone di tutto il mondo di donare gli oggetti che per loro sono il simbolo della fine della propria storia d’amore. Amore non solo di coppia, ma anche tra madre e figlio, amore spesso controverso, relazioni tossiche e malate, storie di suicidi (per cui inevitabilmente la relazione è interrotta).

Leggendo le storie dietro gli oggetti, ci si commuove e non si può non pensare alle proprie relazioni personali finite. Il sentimento di immedesimazione è fortissimo.

Infine una curiosità: nella città alta si trova una farmacia risalente addirittura al 1335.

Ma la cosa più interessante è sapere chi ne fu proprietario: un certo Nicolò Alighieri, nientemeno che il nipote del Sommo poeta Dante Alighieri, che alla metà del Trecento esercitava come farmacista proprio a Zagabria.

Contributo di Marina Lo Blundo del Blog Maraina in Viaggio

 


Viaggio fra le capitali da visitare in Europa Panorama sui tetti di Tallinn in Estonia Europa

Panorama sui tetti di Tallinn in Estonia  – Foto credits di @Martina Currà

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

5. Tallinn, capitale dell’Estonia

Tallinn è la capitale dell’Estonia, una meravigliosa cittadina nordica ben protetta dalle sue mura medievali.

Attualmente l’Estonia è all’avanguardia nel settore tecnologico, in costante equilibrio tra passato e futuro.

Mi sono innamorata di questa splendida città appena arrivata la prima volta, oramai 11 anni fa! Grazie al programma Erasmus, qui vi ho vissuto un anno e, di quel periodo, conservo i ricordi più belli della mia vita.

I monumenti del centro storico sono arrivati ai giorni nostri pressoché intatti e a visitare la città, sembra di entrare dentro un villaggio medievale!

Il punto di partenza ideale per iniziare la visita alla città, è via Viru, con le sue torri medievali, che sembrano darci il benvenuto.

Da qui si dipartono diversi percorsi, il primo dei quali ci porta fino al passaggio di Santa Caterina, con i suoi archi intrecciati e la chiesetta medievale.

Tornando sui nostri passi, possiamo arrivare fino a Raekoja Plats, la piazza principale della città, passando davanti all’Olde Hansa, un ristorante che vi consiglio di provare, per la sua piacevole atmosfera medievale. In questo ristorante potrete degustare, al lume di candela, piatti tipici dell’epoca.

Dalla piazza principale, parte una stradina che ci porta fino a Toompea dove potremo ammirare la magnifica chiesa ortodossa di Aleksandr Nevskij, dagli inconfondibili colori rosso e bianco.

A poca distanza, sulla collina, troviamo la Cattedrale evangelica luterana di Santa Maria Vergine, molto più semplice e spoglia rispetto alla prima, ma molto importante per l’Estonia, in quanto qui viene officiata la religione ufficiale estone.

Da questo quartiere collinare, si possono cogliere fantastici punti panoramici che si aprono tra le sue stradine, ed è una zona imperdibile per chi ama scattare fotografie! Io stessa, da qui, ho scattato le foto panoramiche più belle!

Non è solo il centro storico di Tallinn però, a celare delle meraviglie!

Allontanandosi di poco, troverete uno dei polmoni verdi della città, il parco di Kadriorg. All’interno del parco si può visitare il palazzo dedicato a Caterina II di Russia, oggi riconvertito a museo d’arte.

Un’altra sosta da non perdere, poi, è quella al museo KUMU, il museo d’Arte contemporanea estone.

Lo skyline di Tallin capitale dell'Estonia in Europa e il Mare Baltico ghiacciato

Lo skyline di Tallin e il Mare ghiacciato – Foto credits di @Martina Currà

Usciamo dal parco per dirigerci quindi verso nostra prossima fermata, il quartiere di Pirita, dal quale possiamo ammirare lo skyline di Tallinn, del porto e del mar Baltico, il mare che lambisce le coste di questo Paese

Un curioso monumento ci aspetta sul lungomare, dedicato al naufragio della nave Russalka, a imperitura memoria del fatto che con il mare non si scherza.

Terminiamo la nostra visita della città sulla spiaggia di Pirita, non senza aver fatto prima una deviazione, per visitare i resti del monastero di Santa Brigida.

Spero di avervi convinto a visitare questa meravigliosa città, che nasconde più di una sorpresa per i viaggiatori!

Contributo di Martina Currà del Blog Mamma, UNESCO a fare un giro

 


 

Cattedrale e la piazza nel centro storico di Helsinki capitale della Finlandia Europa

La grande Cattedrale e la piazza nel centro storico di Helsinki

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

6. Helsinki, capitale della Finlandia

 

La città di Helsinki, capitale della Finlandia, è forse poco gettonata tra le mete europee, ma io la consiglio assolutamente! La sua è l’atmosfera baltica per eccellenza!

Il suo fascino nordico è caratterizzato dal cielo grigio e mare scuro, mentre i vivaci aromi provenienti dai chioschi di specialità locali, si spargono nell’aria!

Aromi come quelli da provenienti da Kauppatori, la piazza del mercato scoperto accanto al porto, dove si può andare ad assaggiare pesce alla griglia, patate con salsa all’aglio, zuppa di salmone, hamburger di renna e dolci vari!

Lì vicino si trova anche Vanha Kauppahalli, il mercato coperto, attivo dal 1889 e situato nella zona del porto, tra le diverse imbarcazioni storiche in legno.

A pochi passi dal porto, c’è anche la Piazza del Senato, la parte più antica del centro di Helsinki, dove si trovano anche la Cattedrale e il Palazzo del Governo.

Da non perdere poi, la visita dell’isola di Soumenlinna, una fortezza risalente alla metà del XVII secolo.

 

Viaggio nelle Capitali europee da visitare - Velieri nel porto di Helsinki città capitale della Finlandia

Viaggio nelle Capitali europee da visitare – Velieri nel porto di Helsinki – Foto Credits by @Daniela

Case tipiche in Finlandia Europa

Le tipiche casette finniche – Foto credits by @Daniela

L’isola si raggiunge in traghetto e già la breve tratta di navigazione ha il suo fascino!  Si passa infatti vicino ad alcuni piccoli isolotti, dove sono state costruite delle stupende casette in legno, minuscole abitazioni dai colori accesi.

L’isola di Soumenlinna è facilmente visitabile a piedi, seguendo la strada principale che percorre un anello attorno a tutta l’isola. Camminando tra le sue case di legno e le costruzioni d’epoca, sembra di tornare indietro nel tempo. Qui potrete esplorare anche i cunicoli e rifugi sotterranei, oltre ad ammirare i cannoni disposti sulle scogliere.

Un’altra importante attrazione della città di Helsinki, è la Temppeliaukion Kirkko, una moderna chiesa luterana scavata nella roccia, situata nel quartiere Töölö.

Inoltre, da non perdere ad Helsinki:

  • il Passio Musicae nel Parco Sibelius, monumento dedicato al compositore finlandese Jean Sibelius.
  • il Seurasaari, il museo finlandese all’aperto. Si tratta della fedele ricostruzione un villaggio tradizionale, che ne racconta costumi e tradizioni. Si trova sull’Isola di Korkeasaari ed è aperto solo nel periodo estivo.

Contributo di Daniela del Blog Noi con le Valige

 


 

Viaggio nelle Capitali europee più belle Parigi capitale della Francia dai tetti

Viaggio nelle Capitali europee da visitare – Sopra i tetti di Parigi – foto credits di @Chiara Marchetti

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

7. Parigi, capitale della Francia

 

Parigi è una di quelle capitali europee imperdibili che supera sempre le aspettative e che, come una sirena, continua a richiamarti al suo cospetto.

Sono stata diverse volte nella capitale francese, ma ogni viaggio qui è una scoperta! C’è sempre un museo che non avevi visto, un dettaglio che non avevi colto, una boulangerie più buona della precedente. Non c’è una stagione migliore per visitarla, perchè in ciascuna trovi un’atmosfera diversa, unica!

In inverno Parigi si veste a festa con le luminarie natalizie, mostrandosi per il suo lato fanciullesco e romantico! Nei mesi freddi, personalmente, preferisco alternare passeggiate cittadine con la visita dei musei, piccoli e grandi paradisi riscaldati.

Se avete del tempo a disposizione vi consiglio vivamente di integrare Louvre e Museo d’Orsay con il Museo Cluny, dedicato all’arte medievale ed ospitato all’interno di un originale hotel particulier.

Cose da vedere nelle città capitali europee Panorama su Parigi dall'Orologio del Museo d'Orsay

Panorama su Parigi dall’Orologio del Museo d’Orsay – Foto Credits by @Chiara Marchetti

vetrate nella Sainte Chapelle a Parigi città capitale della Francia Europa

Le spettacolari vetrate nella Sainte Chapelle a Parigi – Foto Credits by @Chiara Marchetti

Particolari della Sainte Chapelle a Parigi Capitale della Francia da visitare

Particolari della Sainte Chapelle a Parigi – Foto Credits by @Chiara Marchetti

Vi aspetta inoltre, la grande arte sacra di Notre-Dame (temporaneamente chiusa, a seguito dell’incendio del 2019) e la Sainte Chapelle, un agile trionfo di mistiche vetrate viola.

Con la primavera ed il risveglio della natura, potreste scoprire il volto verde della città.

Dal famosissimo Jardin du Luxembourg, al Jardin des Serres d’Auteuil, l’orto botanico pensato e realizzato da Luigi XV, fino ad arrivare alla poco nota Promenade Plantée, una gradevole passeggiata lungo quella che, un tempo, era la linea ferroviaria sopraelevata che collegava la place de la Bastille, alla Varenne-Saint-Maur.

Rue Crémieux, una delle vie più amate dagli instagramers, si trova a pochi passi da questo percorso.

L’estate è il momento migliore per scoprire il lato più modaiolo della città, quello dei negozi di lusso che costellano il viale alberato degli Champs Elysées, dei grandi magazzini, primo fra tutti le Galeries Lafayette, ma soprattutto delle vie commerciali coperte, i cosiddetti Passages.

Questi ultimi nascono sul finire del 18 esimo secolo e conservano ancora oggi un aspetto sobrio ed elitario, oltre che una gradevole parentesi di fresco ed ombra. Da vedere assolutamente il Passage Jouffroy, il primo costruito in una sapiente commistione di metallo e vetro, e la Galerie Vivienne, in stile neoclassico pompeiano.

Chiudiamo il ciclo annuale con l’autunno ed i suoi colori caldi, da ricercare lungo la scalinata rivolta all’imponente Montmartre!

Viaggio nelle capitali Europee - Vista su Monmartre a Parigi capitale della Francia

Viaggio nelle capitali Europee – Vista su Monmartre a Parigi – Foto credits by @Chiara Marchetti

Il quartiere degli artisti, proprio in cima alla collina, si popolerà di quadretti rosso-arancio che contrastano con il bianco abbagliante della facciata della chiesa.

Nelle immediate vicinanze, non lasciatevi scappare St. Pierre de Montmartre, il Moulin de la Galette, uno dei locali più amati dagli impressionisti ed il Café des 2 Moulins, una delle ambientazioni de “Il favoloso mondo di Amélie”.

Ultimo suggerimento autunnale: godetevi l’atmosfera bohémien che si respira lungo il canale Saint-Martin.

La Tour Eiffel, dal canto suo, rimane il simbolo di Parigi, una costante per ogni stagione. Sempre imperdibile e con un fascino unico!

Contributo di Chiara Marchetti del Blog The Space Passenger

 

 


 

Viaggio nelle capitali europee: Berlino capitale della Germania e il suo simbolo la porta di Brandeburgo

Viaggio nelle capitali europee: Berlino e il suo simbolo la porta di Brandeburgo – Foto by  @A. Baldoni

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

8. Berlino, capitale della Germania

 

Tra le capitali europee da visitare, Berlino è sicuramente tra quelle che reputo più singolare, in gran parte per la storia travagliata che ancora si riflette nelle sue strade e nei suoi palazzi.

Per dare subito l’idea di quanto Berlino sia una destinazione “versatile”, vi riporto il mio “vissuto personale” con questa città, avendola visitata per ben tre volte, per un periodo di quattro o sette giorni, con persone e in occasioni diverse.

Malgrado ogni volta abbia fatto il giro delle solite attrazioni imprescindibili (Reichstag, Porta di Brandeburgo, Tiergarten e Statua della Vittoria, East Side Gallery, Potsdamer Platz ecc.), perché in compagnia di almeno una persona che non c’era mai stata prima, ogni volta, ho avuto modo di esplorare quartieri e vissuto esperienze diverse, con gli occhi dei miei compagni di viaggio diversi.

La prima volta, in gita del liceo, ci sono state le tappe ad alcuni dei musei principali della città (uno su tutti l’impressionante Pergamonmuseum).

 

Berlino capitale della Germania street art sul Muro capitali europee

Capitali europee da visitare – Street Art sul Muro a Berlino

Con le mie amiche dell’università, che avevano vissuto in città durante il loro Erasmus, ho scoperto il lato più vivace e “alternativo” di Berlino! Con loro ho attraversato i quartieri meno turistici ma non meno accattivanti, mi sono rilassata in un biergarten lungo la Sprea e in generale, ho assaporato la vita in questa capitale con gli occhi di una “local”.

Con mio marito invece, ho dedicato più tempo alle attrattive storiche.

Sono tornata con lui a vedere le impressionanti rovine della Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche, per poi andare alla ricerca di forti antiaerei del periodo bellico, nella zona di Humboldthain.

Ci siamo poi accomodati sul prato di Tempelhof (ex aeroporto e oggi un visitatissimo parco), abbiamo visitato la Topographie des Terrors e concluso il nostro soggiorno, dedicando un’intera giornata agli splendidi palazzi reali di Potsdam (quest’ultima una gita fuori città che consiglierei a chiunque abbia più di tre/quattro giorni a Berlino di inserire nell’itinerario).

Insomma, spero di avervi convinti che, al di là della reputazione di “città grigia”, Berlino abbia in realtà da offrire un enorme ventaglio di attrattive ed esperienze per tutti i gusti, oltre ad un fascino che trascende la storia pesante che l’ha caratterizzata negli ultimi decenni del secolo scorso.

Contributo e foto di Alessandra Baldoni del Blog All Roads Lead From Home

 

 


Viaggio fra le capitali europee da visitare assolutamente Atene Capitale della Grecia e il Partenone

Viaggi nelle Capitali Europee – Atene e il suo Partenone

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

9. Atene, capitale della Grecia

 

Atene conserva un fascino particolare! Beneficiata da un clima mite per la maggior parte dell’anno, culla dell’arte classica, vicinissima a spiagge meravigliose, è una delle capitali da scoprire in Europa.

L’Acropoli è sempre il simbolo senza tempo della città e una visita, non può che partire da qui!

Improvvisamente sarete catapultati nella storia e una volta saliti sulla rocca, Atene, si estenderà davanti a voi in tutti la sua ampiezza e bellezza. L’esperienza si completa con una visita del Museo dell’Acropoli, dove sono conservati resti storici di grande valore.

Ai piedi dell’Acropoli si trova il turistico quartiere di Plaka, un labirinto di stradine estese sotto il Partenone, ricco di negozi e di taverne.

Acropoli di Atene capitale della Grecia in Europa

Viaggio nelle Capitali Europe da visitare – La Magnificenza dell’Acropoli ad Atene

 

Qui si può sperimentare qualche piatto locale dell’ottima cucina greca come lo tzatziki (tipica salsa con cetrioli, yogurt e aglio) in cui intingere i souvlaki (spiedini), o bere un bicchiere di ouzo in un locale tradizionale.

Camminare poi per il centro di Atene è come passeggiare in un museo a cielo aperto, tante sono le opere d’arte che si susseguono a un ritmo vertiginoso: l’Agorà, il Tempio di Zeus Olimpio, lo stadio Panathinaiko, il Tempio di Efeso.

Altro punto da non perdere è il quartiere di Monastiraki, famoso soprattutto per il mercato delle pulci della domenica mattina. Un luogo dove acquistare oggetti artigianali, questo era il cuore ottomano della città e qui, vi si trovano ancora due moschee.

Ma Atene ha anche un volto più cool, fatto di locali. gallerie d’arte, negozi di design.

Gazi, Kerameikos e Metaxourgio, sono i quartieri moderni dove si ritrovano gli ateniesi che adorano uscire! Bar, ristoranti, alcuni su terrazze con vista, animano queste aree.

Street art ad Atene Capitale della Grecia Europa

La Stret Art Ateniese

In questi quartieri vi sono poi ottimi esempi di street art, che danno una rappresentazione ulteriormente artistica a questa città in continua evoluzione.

Graffiti di alto valore artistico, trasportano l’arte moderna all’aria aperta! Esistono anche delle visite guidate per comprendere e conoscere la street art di Atene.

Atene poi, è la città ideale dove poter godere delle ricchezze dei musei.

Dal Museo Archeologico, al Museo della Guerra o al Museo della Numismatica, non mancate di visitarli!

Di notevole valore poi, il Museo Goulandris di arte moderna, con opere di Monet, Cezanne, de Chirico, Miro, Van Gogh.

Molto interessante anche il Museo di Arte Cicladica. che include figure della prima età del bronzo, provenienti dalla regione dell’Egeo centrale.

Atene è una città grande, dalle mille sfaccettature che bisogna conoscere pian piano, per potersene innamorare definitivamente! Il valore del passato è ben saldo, ma Atene è cambiata molto, ha voltato pagina e sempre più si è avvicina alle mete più alla moda d’Europa.

Contributo di Arianna Lombardo del Blog “Tropical Spirit”

 

 


 

zona dei pub a Dublino Temple Bar - Irlanda Europa

Temple Bar a Dublino – Foto Credits by @Annamaria Sbarbati

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

10. Dublino, capitale dell’Irlanda

 

Il viaggio a Dublino è stato uno dei primi che ho fatto all’estero. La capitale dell’Irlanda, vera Isola di smeraldo, mi è piaciuta talmente tanto che ci sono dovuta tornare una seconda volta, per farla vedere al mio compagno, ma anche per approfondirne la conoscenza

Dublino è una capitale europea ed una città piacevolissima da girare a piedi, soprattutto se metti nell’itinerario un giretto fra i pub di Temple Bar e una cenetta con dell’ottima carne locale!

A Dublino infatti, ho avuto modo si degustarne la migliore, ed era sempre accostata a marmellate e salsette: da perderci la testa. E la colazione irlandese? L’avete mai provata la colazione irlandese?

Se la risposta è no, datemi retta: comprate un biglietto con la sposta-poveri (Ryanair) e andate subito a Dublino, pandemia permettendo, preferibilmente alloggiando nella guest house che tra poco vi indicherò. Fidatevi ché non ve ne pentirete.

Ma ora passiamo alla bella Dublino e ai motivi per i quali, ad esempio, la preferisco a Londra.

Dublino è meno caotica di Londra e molto più facile da girare, anche con i mezzi pubblici! Qui è più facile comunicare, perché gli irlandesi non ti imbruttiscono sentendo una pronuncia inglese sbagliata, ma anzi, ti prendono in simpatia e se ti trovi in difficoltà, ti accompagnano sino a dove devi arrivare.

La moneta locale è l’euro, quindi non servono cambi di valuta né sbattimenti vari, per capire quanto costa un pacchetto di sigarette rispetto all’Italia (spoiler: costa il doppio).

Ci sono svariate cose da vedere a Dublino, bellissimi parchi da visitare, collage spettacolari, e, che si mangia benissimo, l’ho già detto?

Tramonto sul Fiume Liffey a Dublino capitale di Irlanda Ruropa

I colori del Tramonto sul fiume Liffey a Dublino – foto Credits by @Annamaria Sbarbati

 

Da vedere assolutamente. Partirei da Grafton Street perché è una delle vie principali ed è facile incontrare molti artisti di strada. Nella medesima strada troverete anche un negozietto, chiamato Gino’s, che vende enormi e goduriose crepes alla nutella col sottofondo di Pavarotti.

Agli appassionati di liquori e a quelli che amano darsi un tono sorseggiando Fernet Branca, segnalo l‘Irish Whiskey Museum che si trova proprio in zona, tra Grafton Street e la statua di Molly Malone, la donna protagonista dell’inno nazionale irlandese.

Da non perdere anche Merrion Square, un bellissimo parco che accoglie l’affascinante monumento a Oscar Wilde, quello de “Il ritratto di Dorian Gray”.

Su O’ Connell Street, a due passi da Temple Bar, c’è la statua del poeta, scrittore e drammaturgo irlandese, James Joyce.

Lo avrete certamente sentito nominare almeno una volta a scuola, per la raccolta di racconti chiamata Dubliners, o per il romanzo Ulysses.

Viaggio nelle capitali europee – I colori delle porte a Dublino

E proprio a Temple Bar volevo arrivare! Temple Bar è un quartiere pieno zeppo di pub irlandesi coloratissimi e pieni di gente. E’ praticamente il centro della movida di Dublino, un must imperdibile.

Per gli astemi suggerisco comunque un giretto da quelle parti dato che ci sono negozi, degli ottimi locali dove cenare (Eddie Rocket’s, per esempio, è un ristorantino in stile America degli anni Cinquanta!) e il sabato troverete il Temple Bar Food Market, ottimo per pranzare e per curiosare, tra i chioschetti di cibo etnico.

Ultima chicca: per dormire vi segnalo Donnybrook Hall, una piccola guest house dove preparano un’ottima colazione fatta in casa e, dove vi sentirete più che coccolati!

Contributo di Annamaria Sbarbati del Blog “Profumo di Follia”

 


 

 

La Hallgrimskirkja a Reykjavík, la chiesa della capitale dell'Islanda

La Hallgrimskirkja a Reykjavík – Foto Credits di @Silvia Vettori

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

11. Reykjavík, capitale dell’Islanda

 

È piccola, il suo skyline non racconta di altissimi grattacieli, e non ci sono maestosi edifici in pietra. Reykjavík è modesta, se così si può dire.

Ma è pur sempre una capitale europea da visitare e ha qualcosa da dire!

Sali sulla Hallgrimskirkja, l’imponente chiesa di cemento alta 75 metri, e guarda la città stendersi ai tuoi piedi. Una distesa di casette ordinate e colorate fino al mare, che sembrano finte.

Lì sono raccolti quasi la metà degli abitanti dell’Islanda, ed è per questo che lo spirito di Reykjavik è vivace, divertito, spensierato.

Esplorala a piedi (non ti ci vorrà molto). Laugavegur e dintorni per lo shopping, Harpa e Sun Voyager – rispettivamente, la concert hall e una statua in acciaio – per un assaggio di design nordico, le piscine termali municipali, il lago con i cigni e lo stand degli hot dog. Insomma: la dimensione è quella di una tranquilla cittadina di periferia.

La Statua di acciaio Sun Voyager a Reykjavik in Islanda Europa

La Statua di acciaio Sun Voyager a Reykjavik – Foto credits by @Silvia Vettori

Poi ti ritrovi in giro per le vie del centro, un sabato sera estivo qualsiasi, e vedi le frotte di ragazze e ragazzi che scendono a piedi dai quartieri periferici e fanno festa all’aperto, una birra in mano, per tutta la durata di una notte che non si spegne mai.

Non è una di quelle espressioni della movida, stile cerveza y discotecas, bensì una cosa letterale – in estate, in Islanda, il sole non tramonta mai!

Ma la vera bellezza di Reykjavik è il suo carattere di avamposto, di baluardo dell’umanità (soprattutto in inverno!), di “ultimo rifornimento prima del nulla”.

Seduto in uno dei mille bar della città, magari nella zona del porto vecchio (dalla quale partono i tour in barca per avvistare le balene), puoi progettare le fantastiche escursioni che ti porteranno nei crateri di vulcani spenti, sotto ai ghiacciai, davanti a cascate e geyser difficili da credere, e di fronte a scogliere di basalto, dinanzi alle quali realizzerai da dove, l’architetto ha immaginato Hallgrimskirkja.

È qui che noleggi l’auto o il fuoristrada che ti porterà a scoprire uno dei territori più affascinanti al mondo.

Come mi piace dire, insomma: Reykjavik una città del fare, più che del vedere!

Contributo di Silvia Vettori del Blog “Bagaglio Leggero”

 


 

Viaggio nelle Capitali Europee – L’Opera House di Oslo

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

12. Oslo, capitale della Norvegia

 

La capitale della Norvegia è perfetta per un fine settimana lungo. In tre o quattro giorni ad Oslo, potrete spaziare da vascelli vichinghi a moderni grattacieli, passando per un Teatro dell’Opera memorabile, e una vista meravigliosa dalla cima di un trampolino da sci.

Situata in un fiordo spazioso e affollato di isolette, il piccolo centro di Oslo si sviluppa vicino alla costa lungo la via Karl Johans Gate, dove si trovano chiese e negozi, il Parlamento, il Teatro Nazionale e lo spazioso parco del Palazzo Reale! Perfetto per una passeggiata appena arrivati.

Lungo la costa troverete altre attrazioni importanti e affascinanti:

  • il castello di Akershus, fortezza medievale e poi palazzo rinascimentale;
  • il modernissimo Teatro dell’Opera, di un bianco scintillante, il cui tetto è una gigantesca terrazza panoramica;
  • il municipio Radhuset con enormi affreschi realisti, dove viene consegnato il premio Nobel per la Pace;
  • il museo Centro Nobel per la Pace.
Capitale della Norvegia Oslo La Sala del Municipio di Oslo, denominata Sala del Nobel per la Pace Norvegia Europa

La Sala del Municipio di Oslo, denominata Sala del Nobel per la Pace Foto Credits by @Giulia

Se siete fan di architettura contemporanea, esplorate a piedi la zona di Aker Brygge e Tjuvholmen, dove si trova anche il Museo di Arte Moderna Astrup Fearnley, progettato da Renzo Piano.

Palazzi futuristici e geometrici, ospitano ristoranti alla moda, negozi di design, uffici e appartamenti, ma l’atmosfera rimane rilassata e confortevole.

Edifici più caratteristici, casette colorate, bar e café hipster si trovano invece nella zona di Grünerløkka e sulle vie Damstredet e Telthusbakken.

Una bella giornata a Oslo va trascorsa all’aperto.

Visitate il Parco di Vigeland (all’interno del Frognerparken), famoso per la passerella fiancheggiata da grandi statue di granito e bronzo, che conduce a un monolite di pietra di 17 metri, composto da 121 figure umane avvinghiate l’una all’altra.

Uno straordinario viaggio dall’infanzia alla maturità, attraverso relazioni, crescita e famiglia, in un’ascensione spirituale.

Inoltre, poco fuori Oslo, si trova l’impressionante trampolino da sci di Holmenkollen, una costruzione che sfida le leggi della fisica. Oltre all’interessante museo dello sport ai suoi piedi, la vista dalla cima di Oslo e del fiordo è eccezionale!

Cosa vedere nelle capitali europee Cosa vedere a Oslo e dintorni in Norvegia Europa- Trampolino da sci di Holmenkollen,

Cosa vedere a Oslo e dintorni – Trampolino da sci di Holmenkollen

 

Infine, c’è molto da imparare sulla storia e cultura norvegese, nei musei della capitale.

In particolare, sull’isola di Bygdøy, raggiungibile in traghetto dal molo di Aver Brygge in pochi minuti, ci sono musei davvero particolari.

  • Il Museo Folkloristico Norvegese, è un museo all’aperto che ospita 155 tipi di abitazione, ricostruzioni provenienti da tutte le regioni.
  • Il Museo Fram, racconta l’affascinante esplorazione del Polo Nord e del Polo Sud, permettendo anche di salire a bordo delle due navi originali.
  • Il Museo Vikingskipshuset, é incentrato sui vascelli vichinghi ritrovati interrati come imbarcazioni funebri.

Tornando in centro ad Oslo, gli appassionati d’arte non possono perdersi la Galleria Nazionale Nasjonalgalleriet, che ospita opere di artisti acclamati come Picasso, Gauguin ed El Greco, numerosi impressionisti, e ovviamente il norvegese Munch ed il suo famoso “Urlo”.

Contributo di Giulia del Blog Travelling Sunglasses

 

 


 

Città e capitali europee da visitare assolutamente -Biciclette e canali ad Amsterdam, capitale dell'Olanda

Biciclette lungo i mitici canali della città di Amsterdam

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

13. Amsterdam, capitale dell’Olanda

 

Amsterdam è una bellissima capitale europea, tra le mie preferite, che vi consiglio assolutamente di visitare, perchè è una città ricca di caratteristiche proprie e uniche.

La cosa che più ho amato di questa città sono le sue case, sviluppate in altezza, strette e storte. Dove altro si trovano abitazioni simili? Sono proprio una particolarità di questa città.

Il motivo di questo metodo di costruzione, deriva da un escamotage per risparmiare sulle tasse, in quanto queste venivano calcolate in base alla larghezza delle case. Gli abitanti iniziarono così a svilupparle in altezza, mantenendole molto strette, tant’è che all’interno ci sono spesso scale piccole e molto ripide.

Inoltre erano storte e sporgevano in avanti, poiché in cima erano dotate di un gancio e di carrucole per far salire e scendere materiale e merci senza sbattere contro i muri.

La seconda caratteristica della città, è la quantità impressionante di biciclette in circolazione o che si vedono parcheggiate lungo i canali o in stazione. Basti pensare che il 60% delle persone qui si sposta in bicicletta, sugli oltre 400 km di piste ciclabili disponibili.

Una città che guarda all’ecosostenibilità in maniera concreta.

Terza particolarità di Amsterdam sono i suoi canali, che le rendono il titolo di “Venezia del Nord”.

La rete dei canali, dal 2010, è diventata Patrimonio dell’Umanità UNESCO e, fare un giro in battello, permette di ammirare la città da un punto di vista unico.

Amsterdam capitale europea dell'Olanda i canali sono il suo simblo

Viaggio fra le capitali Europee imperdibili – Amsterdam capitale dell’Olanda e i suoi canali

Cosa vedere quindi ad Amsterdam, capitale europea dell’Olanda?

Si parte dal centro con Piazza Dam e il Palazzo Reale, la Galleria De Bijenkorf, il Museo dell’erotismo e quello delle cere di Madame Tussaud.

Nel quartiere dei musei, sono assolutamente imperdibili il Museo Van Gogh e il Rijksmuseum, il più importante museo d’arte in Olanda, che raccoglie le opere dei pittori olandesi e fiamminghi dal XV al XIX secolo.

Nel centro della città, una tappa obbligata è la casa dove visse Anna Frank con la sua famiglia, adibita a museo dal 1960, su decisione del padre Otto, unico sopravvissuto della famiglia.

Questa visita rimane un ricordo indelebile, tanto sono sconvolgenti il racconto e la visione di quello che ha vissuto Anna Frank, e la sua famiglia e milioni di ebrei.

A sud della città poi, lungo un tratto del canale Single, si trova l’unico mercato di fiori galleggiante al mondo, uno spettacolo affascinante e irripetibile.

Cambiando totalmente genere, Amsterdam è conosciuta anche per la sua anima trasgressiva, per l’uso di droghe leggere e la prostituzione legali, ed esibite agli occhi di tutti, addirittura con le ragazze in vetrina.

Noi abbiamo avuto un’esperienza assolutamente positiva in questa splendida capitale europea! Amsterdam offre tanti luoghi da vedere, grande organizzazione e ecosostenibilità in primo piano.

Contributo di Paola Benedet del Blog Family in Fuga

 

 


 

Lisbona, Capitale Europea da visitare: Panorama dal Mirador di Santa Lucia spunti di Viaggio in Europa

Lisbona, Capitale Europea da visitare: Panorama dal Mirador di Santa Lucia

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

14. Lisbona, capitale del Portogallo

 

Lisbona, splendida capitale del Portogallo, è una delle capitali europee che più ho amato e che continuo ad amare.

Ci sono stata un po’ di anni fa ed il mio soggiorno, che inizialmente doveva durare 4 giorni, si è protratto per una settimana intera, a causa di uno sciopero aereo! L’unico sciopero di cui sono stata felice!

La prima cosa che vi colpirà di Lisbona, sono i suoi colori, i suoni e la meravigliosa luce che avvolge questa città!

Una città sorprendente, in ogni sfumatura dei suoi quartieri, i tipici Bairro, che si inerpicano sulle colline lungo il corso del fiume Tago, che la attraversa sornionamente, aggiungendo colore ai fiori e alle azulejos, e tanta vivacità culturale alla saudade del fado!

Cose da fare a Lisbona assolutamente capitale del Portogallo. un giro con il tram 28

Esperienze da fare a Lisbona assolutamente . un giro con il tram 28

Vi accorgerete, visitando a passo lento Lisbona ed i suoi dintorni, che il Fado è tutto tranne che malinconia. Questo ritmo, riesce a racchiudere e mostrare le diverse anime di una capitale europea, ricchissima di cultura antica e moderna allo stesso tempo!

Visitare i diversi quartieri di questa città portoghese, vi svelerà tutte queste anime!

Il primo quartiere che vi consiglio di visitare è quello dell’Alfama.

Si tratta del quartiere più antico e caratteristico di Lisbona, l’unico sopravvissuto al terribile terremoto del 1755.

Per arrivare sin qui nel modo più scenografico, potete prendere un caratteristico “Elevador” o ancora meglio, il caratteristico tram n. 28, una vera istituzione per i turisti. Sembra quasi di essere su una funicolare, a dire la verità, tanto ripida è la salita fra le strettissime viuzze !

L’Alfama è anche il quartiere dove potrete assistere ad uno spettacolo di Fado, ammirare i Graffiti e la Street Art lisbonese, ma anche una zona dove ogni scalinata e piazza, sanno regalare scorci mozzafiato su Lisbona.

Un assaggio di queste viste, le potrete cogliere dal belvedere del Miradouro da Santa Lucia, uno fra i più bei punti panoramici su Lisbona, impreziosito da coloratissime azulejos!

Il Mirador di Santa Lucia a Lisbona, in Portogallo - Cosa fare e vedere nelle capitali Europee

Il Mirador di Santa Lucia a Lisbona

Capitali Europee da visitare: Panorama sul castello di Sao Jorges a Lisbona Europa

Capitali Europee da visitare: Panorama sul castello di Sao Jorges a Lisbona

 

Poco più in là, merita una visita la Cattedrale del Sé, edificata inizialmente nel 1147 sui resti di un’antica moschea, e poi ricostruita nel tempo diverse volte, tanto da contraddistinguersi per i suoi diversi stili architettonici.

Nel quartiere dell’Alfama, potrete anche visitare il Pantheon Nazionale, il museo del Fado e, prima di rientrare verso il quartiere della Baixa, visitate il Castello di São Jorge.

Fra le mura di questo antico Castello ho trascorso parecchio tempo, a dirvi la verità, ammirando da qui meravigliosi panorami su Lisbona al tramonto, o passeggiando nel suo accogliente parco – giardino!

Ci sono davvero cose da vedere e scoprire a Lisbona, che non basterebbe una vita a raccontarle!

Una volta visitato il quartiere dell’Alfama, avrete sicuramente iniziato a scoprirne la sua anima e potrete proseguire nella visita del Bairro de la Baixa, del Chiado, del Bairro Alto e quello di Belém, innamorandovi di questa città passo dopo passo!

 

Lisbona Bairro dopo Bairro – Cosa vedere nei principali quartieri della capitale

Bairro de la Baixa:
Piazza del Commercio e l’Arco da Rua Augusta, la vivace Praça D.Pedro IV, meglio nota come Rossio, l’Elevador de Santa Justa, gigantesco ascensore che collega la Baixa alla collina do Carmo.

Bairro del Chiado:
Convento do Carmo, la Chiesa de São Roque la Rua Garrett, il Museu do Chiado il Teatro Naciónal de São Carlos, teatro dell’opera di Lisbona, quartiere ha dato i natali al poeta Fernando Pessoa e una sua statua si trova nei pressi del café A Brasileira.

Bairro Alto:
Elevador da Gloria che collega la Baixa al Bairro-Alto, l’Elevador da Bica, la Chiesa di São con la cappella dedicata a San Giovanni, la terrazza panoramica di San Pedro de Alcantara, il Giardino Botanico di Lisbona.

 

Capitali europee da visitare - La torre di Belem a Lisbona Europa

Capitali europee da visitare – La torre di Belem a Lisbona

A Belem:
Il Mosteiro dos Jeronimos, Padrão dos Descobrimentos, Torre de Belem, Centro Cultural de Belem, Museu Nacional dos Coches, Fábrica Pastéis de Belém, Palácio de Belém, Museu da Eletricidade

Non dovete assolutamente perdervi poi, di visitare le zone moderne di Lisbona e cioè:

  • Il Parque das Nações, edificato in occasione dell’edizione dell’Expo ‘98 a Lisbona. Qui non perdetevi di visitare lo spettacolare Oceanario, i Giardini dell’Acqua Agua, il Padiglione Atlantico, la Torre e il ponte Vasco da Gama, il Padiglione della Conoscenza e la Stazione Oriente;
  • La zona della Piazza (o Rotonda) Praça do Marquês de Pombal ai piedi del Parque Eduardo VII.

Vi ho convinti a visitare Lisbona? Spero di si! Ma non dimenticate di visitare anche i suoi dintorni, come Queluz, Sintra, Estoril, Fatima, Nazarè e tanti altri luoghi di questo splendido Paese che è il Portogallo!

Contributo di Domenica Palamara del Blog  “Spunti di Viaggio – Travel and LifeStyle”

 

 


 

Piccole capitali europee da visitare _Montecarlo e il suo porto Europa

Panorami sul porto di Montecarlo – Foto by @Lucia Nuzzaci

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

15. Montecarlo, capitale del

Principato di Monaco

Il Principato di Monaco è costituito da otto quartieri e tra questi ci sono Monaco Ville, La Condomine, Larvotto e, ovviamente, il quartiere centrale, Montecarlo.

Quando si pensa a Montecarlo, la prima cosa che viene in mente è il lusso, e ti dirò che non manca di certo. Ma c’è molto di più. Ci sono diverse attrazioni da visitare e dei panorami spettacolari che ti lasceranno a bocca aperta… non so quante foto ho fatto qui!

Prima di dirti cosa vedere a Montecarlo, ecco qualche informazione utile:

  • I parcheggi sono tutti a pagamento. Conviene lasciare l’auto in uno dei tanti parcheggi, spesso multi-piano, come quello vicino al Casinò o a Port Hercule;
  • Si può raggiungere il centro a piedi oppure, prendendo un autobus;
  • I costi sono ovviamente più alti della media. Ti consiglio un pranzo al sacco, oppure puoi acquistare una tipica baguette da farcire in un supermercato. Io ho fatto così!
  • Indossa scarpe comode, perché c’è da camminare e ci sono diverse stradine strette, discese e salite.
  • Non dimenticare la macchina fotografica, scatterai foto da cartolina!

Vista panoramica sul celebre Casinò di Montecarlo – Foto credits by @Lucia Nuzzaci

La prima tappa del mio viaggio a Montecarlo è stata l’elegantissima Place du Casinò, dove il sontuoso Casinò di Montecarlo e l’Hotel de Paris, icona a livello mondiale, spiccano in tutta la loro bellezza. Si incontrano i personaggi più disparati e il lusso emerge sia nelle persone, che nell’architettura.

Accanto al Casinò, c’è il Grand Theatre (l’Opéra de Monte Carlo), un’opera grandiosa che conserva il suo prezioso e audace gioiello, la Salle Garnier.

Da Place du Casinò mi sono diretta verso il Palazzo dei Principi (con una passeggiata di 2 chilometri!), attraversando il lungomare e ammirando le splendide architetture, che rendono Montecarlo unica.

Il Port Hercule certamente è una delle attrazioni imperdibili, con i suoi yacht lussuosissimi e super accessoriati. Ci sono anche ville, sale giochi: uno spaccato di Montecarlo che, secondo me, rappresenta bene il suo vero volto.

In seguito, mi sono addentrata nel cuore di Montecarlo, tra lussuosi hotel, negozi di alta moda e ristoranti. Per poi fare una bella scalinata che conduce al Palazzo dei Principi, nel quartiere di Monaco Ville. Da questa scalinata si ammira una vista spettacolare!

Il palazzo è la residenza ufficiale del Principato di Monaco ed è molto raffinato. Ai margini della piazza non perdere la batteria di cannoni del XV sec. che al tempo difendevano la città dalle invasioni.

Infine, mi sono concessa un giro nella città vecchia di Monaco (Monaco Ville), con viuzze strette e animate. Nel centro, puoi ammirare la cattedrale dell’Immacolata Concezione, con all’interno numerose opere e le tombe dei Principi Defunti, tra cui quelle della famosa Grace Kelly.

Insomma, Montecarlo è un posto davvero piacevole e tutto da scoprire!

Contributo di Lucia Nuzzaci del Blog Souvenir di Viaggio

 

 


Viaggio nelle capitali europee - La Torre di Londra Regno Unito Inghilterra

Viaggio nelle capitali europee più belle: Londra e la sua Torre – Foto credits by @Teresa Torsello

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

16. Londra, capitale del Regno Unito

Londra è una delle più grandi capitali europee, oltre ad essere sicuramente la più cosmopolita e vivace, dal punto di vista culturale e artistico.

Del resto non potrebbe essere diversamente, visto che stiamo parlando della città che un tempo fu la capitale non solo del Regno Unito, ma del più vasto impero coloniale al mondo.

Visitare Londra, significa innanzitutto entrare a contatto con la sua storia millenaria.

Sono molti gli edifici che ce la raccontano ed alcuni sono talmente vecchi da risalire a quasi mille anni fa. Per esempio, l’Abbazia di Westminster risale a ben prima del 1066, l’anno in cui il primo sovrano venne incoronato al suo interno. Si trattava del Normanno Guglielmo il Conquistatore.

La famigerata Torre di Londra è poco più recente, ed è sempre Guglielmo che ne volle la costruzione come sua residenza reale. La Torre è famosa soprattutto per essere stata una prigione per gli aristocratici, ma anche perchè oggi, ospita i gioielli della Corona.

L’icona della città è senza dubbio il Big Ben, la torre dell’orologio attaccata al Palazzo del Parlamento. Anche questo edificio è stato teatro di moltissimi avvenimenti storici, ed è una delle attrazioni più visitate della capitale europea.

Londra è poi anche strettamente legata alla monarchia, una delle più antiche (e direi inossidabili) di tutta Europa. Ne sono una testimonianza i tanti palazzi abitati dalle loro Altezze Reali.

Viaggio fra le Capitali europee più belle- Londra e il suo Big Beng

Primo su tutti c’è Buckingham Palace, la residenza ufficiale del sovrano britannico. La prima ad alloggiarvi fu la Regina Vittoria. E’ assolutamente impensabile pensare di visitare Londra senza fare una capatina per vedere lo splendido palazzo e, soprattutto per ammirare la cerimonia del Cambio della Guardia.

Altri palazzi sono Clarence House, dove vive Carlo, il principe di Galles, con la consorte, Kensington Palace, dove vivono il Principe William e la moglie Kate, ma che un tempo fu la casa di Lady Diana dopo il divorzio e infine, St. James Palace.

Vogliamo parlare degli splendidi parchi di Londra?

Chi non li ha mai visti non può credere alla loro bellezza ed è difficile immaginare tanto verde, nel cuore di una metropoli così grande.

Oltre a Green Park, Regent’s Park, Kensington Gardens (per citare solo i più celebri), c’è Hyde Park. Situato proprio nel cuore di Londra, è caratterizzato da un lago dalla forma particolare chiamato “The Serpentine”, dove potete noleggiare una barca e fare una bella remata.

Al suo interno potrete anche ammirare un Memoriale, dedicato alla amata Lady Diana, e la statua dedicata a James Barry, l’autore di Peter Pan.

E infine l‘arte e la cultura.

Londra vanta una enorme quantità di musei e gallerie d’arte, ed è praticamente impossibile elencarli tutti!

Basterà solo dirvi che è qui che si trova il più antico museo del mondo, il British Museum. Esso vanta una collezione di reperti davvero invidiabili, tra cui la famosa Stele di Rosetta, uno strumento indispensabile per decifrare i geroglifici della civiltà egizia.

Contributo e foto di Teresa Torsello del Blog “Nonni Avventura”

 

 


 

Capitali Europee da visitare - Il Ponte Carlo a Praga capitale Ceca in Europa

Capitali Europee da visitare – Il Ponte Carlo a Praga – Foto Credits by Claudia Sambone

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

17. Praga, capitale della

Repubblica Ceca

Praga è una fra le città e capitali più belle ed affascinanti d’Europa, che vi ruberà il cuore con le sue stradine medievali e la sua atmosfera fiabesca.

Qui ho deciso di riassumervi le 5 cose da fare assolutamente a Praga, che renderanno la vostra esperienza degna di essere ricordata!

1. Perdersi nella Città Vecchia

Il quartiere più caratteristico di Praga è, senza dubbio, Stare Mesto (la Città Vecchia). Un labirinto di stradine ed edifici medievali vi condurrà alla scoperta del cuore pulsante della città, il cui fulcro principale è rappresentato dalla Piazza della Città Vecchia (Staromestske Namesti).

I due simboli inconfondibili nella piazza sono la Chiesa di Santa Maria di Tyn, uno degli edifici gotici più imponenti di Praga, ed il famosissimo Orologio Astronomico. Più defilata, poi, rispetto alla piazza, troverete la Chiesa di San Nicola, perfetto esempio di architettura barocca.

Esplorate il quartiere della Città Vecchia a piedi, in lungo ed in largo, in quanto proprio il perdersi tra le sue strade caratteristiche sarà ciò che amerete di più di Praga.

Orologio Astronomico a Praga Capitale della Repubblica Ceca Europa

Il celebre Orologio Astronomico a Praga – Foto Credits by  @Claudia Sambone

2. Attraversare il Ponte Carlo

Il Ponte Carlo è il ponte più famoso e visitato della città. Se volete evitare le folle, venite qui al mattino presto o di sera, in modo da poter passeggiare con maggiore tranquillità.

Il Ponte Carlo è costeggiato da 30 statue in stile barocco, rappresentanti santi e patroni. Ad esso sono legati innumerevoli miti e leggende. Attraversarlo sarà un’esperienza davvero suggestiva, e sarete circondati da splendide viste della città.

Non dimenticate di salire sulla Torre del Ponte della Città Vecchia, da cui si gode di una prospettiva incredibile sul ponte e sul quartiere di Mala Strana.

3. Rilassarsi nelle Terme della Birra

Praga è rinomata per l’ottima birra e per i suoi birrifici. Ma prima di visitarla, non sapevo che fosse famosa anche per delle vere e proprie “Spa della Birra”! Ce ne sono diverse sparse per la città, tra cui la più famosa è l’Original Beer Spa.

Prenotando un’esperienza di 1 ora, avrete accesso ad una piccola stanza con 2 vasche, che verranno riempite di un composto a base di acqua, malto e schiuma, un letto fatto di paglia, pane aromatizzato alla birra e fiumi di birra illimitata!

Si tratta di un momento di relax che vi consiglio di non perdere, specialmente se visitate Praga in inverno e avete voglia di trascorrere un po’ di tempo in un ambiente caldo ed accogliente. Ricordate solo di indossare un costume a cui non tenete particolarmente, in quanto il composto a base di birra potrebbe rovinarlo leggermente.

4. Assaggiare lo stinco di maiale

Durante il mio soggiorno nella capitale della Repubblica Ceca, ho apprezzato molto la sua cucina tipica, ricca di sapori intensi.

Una delle pietanze più famose, e senza dubbio più gustose, è lo stinco di maiale, che vi verrà servito in porzioni giganti che vi faranno leccare i baffi. Uno dei ristoranti più famosi dove assaggiare questa prelibatezza è Pork’s, nel quartiere di Mala Strana.

5. Visitare un insolito Castello

Un’altra delle attrazioni più famose di Praga è il suo Castello. Tuttavia, dimenticate l’immagine tradizionale dei castelli medievali fortificati. Quello di Praga è piuttosto un insieme di edifici storici e vicoli caratteristici, che lo rendono uno dei complessi più grandi del mondo.

 

San Venceslao a Praga capitale Ceca Europa

San Venceslao

Durante il vostro tour nella Città di Praga, non perdetevi di visitare anche:

  • La Cattedrale di San Vito, splendido esempio di architettura gotica.
  • Il vecchio Palazzo Reale, antica sede dei Re Boemi.
  • Il Vicolo d’Oro, una stradina intrisa di miti e leggende, costeggiato da piccole casette colorate che un tempo erano botteghe di orefici.
  • La Basilica di San Giorgio, con la sua inconfondibile architettura rossa romanica.
  • La Torre di Daliborka e la Torre delle Polveri: rispettivamente un’antica prigione ed un antico deposito di polvere da sparo.
  • Giardini Reali, da cui godere di scorci stupendi sulla città.

La mia lista delle 5 cose da fare a Praga termina qui. L’esperienza al Castello, così come la vostra visita nella città, sarà indimenticabile.

Saluterete Praga con la promessa di farvi ritorno, in quanto l’atmosfera fiabesca di questi luoghi vi rimarrà per sempre nel cuore.

Contributo di Claudia Sambone del Blog Flash Trip Tips

 

 


 

Panorama Della Rocca della Repubblica di San Marino capitale europea

Panorama Della Rocca di San Marino -Foto credits by @Libera Salcuni

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

18. San Marino, capitale della

Repubblica di San Marino

 

San Marino è la capitale dell’omonima Repubblica.

Pensate che quel piccolo territorio autonomo, incastonato tra l’Emilia Romagna e le Marche, è considerato il più antico tra tutti gli Stati sovrani indipendenti. Sicuramente è una delle più piccole capitali europee!

San Marino fu fondato il 3 Settembre 301 d.C. da un tale Marino, tagliapietre di origine dalmata che, assieme al suo piccolo seguito di cristiani, in fuga dalle persecuzioni messe in atto dall’imperatore Diocleziano, decise di stabilire la sua sede sul monte Titano.

I principi su cui San Marino fondò sin dagli albori il suo governo, erano essenzialmente due: libertà e indipendenza.

Sia lo Stato della Chiesa che i grandi sovrani stranieri, riconobbero fin da subito l’autogoverno sammarinese, che riuscì a mantenere la propria neutralità, persino nei due conflitti mondiali.

Oggi le unità amministrative del piccolo Stato sono nove e vengono chiamate “castelli”, di cui il principale è per l’appunto, Città di San Marino.

La bellezza del suo centro storico, una terrazza naturale che sovrasta l’appennino fino a perdersi nel blu della riviera adriatica, è stata riconosciuta ufficialmente dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, nel 2008.

E non è stata la sola. In quell’anno, infatti, anche l’alto monte Titano su cui sorge la Repubblica, è stato insignito del medesimo riconoscimento.

Per accedere al centro città, che si trova a ben 750 metri di altezza, vi consiglio di utilizzare la funivia.

Preparate le vostre videocamere, perché lo spettacolare paesaggio che troverete davanti ai vostri occhi merita assolutamente di essere filmato.

Vallata intorno alla Rocca della Repubblica San Marino

Vallata intorno alla Rocca di San Marino  – Foto credits by @Libera Salcuni

Una volta giunti in cima, potete cominciare la vostra visita dall’iconica Piazza della Libertà, sede dei principali edifici istituzionali sammarinesi, nonché della Statua della Libertà (che non ha nulla a che vedere con quella che si trova sulla Liberty Island a New York ma è altrettanto significativa).

Sulla sua corona sono raffigurate le tre Torri di San Marino: Guaita, Cesta e torre del Montale.

Si tratta di antichissime costruzioni a uso difensivo, collegate tra loro da stretti passaggi e panoramici camminamenti, che vi faranno vivere per un attimo sospesi nel tempo e nello spazio.

Una delle tappe preferite dagli amanti della storia, ma anche da semplici curiosi, è il Museo delle Torture. Qui sono presenti più di cento macchinari utilizzati in passato per infliggere le punizioni più dolorose e crudeli ai prigionieri.

Se invece vi sentite degli inguaribili romantici, sappiate che non potete abbandonare la Serenissima prima di aver assistito ad uno dei suoi coloratissimi tramonti.

Non mi resta che augurarvi buon viaggio!

Contributo di Libera Salcuni del Blog Liberamente Traveller

 

 


 

La Valletta, capitale della Repubblica di Malta Capitali europee da visitare

Panorama sulla Baia de La Valletta – Foto Credits by @Libera Salcuni

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

19. La Valletta, capitale

della Repubblica di Malta

La Valletta o, come viene chiamata dagli inglesi, Valletta, è la capitale della Repubblica di Malta, lo Stato più piccolo dell’Unione Europea.

Nonostante le due lingue ufficiali dell’arcipelago che, oltre a Malta, include le isole di Gozo e Comino, oltre ad alcuni isolotti minori, siano il maltese e l’inglese, l’italiano è abbastanza conosciuto e anzi, sino agli anni trenta del secolo scorso, era la terza lingua ufficiale.

Il nome della capitale maltese, deriva da quello del suo fondatore, Jean de la Valette, Gran Maestro dei Cavalieri Ospitalieri.

La Valletta venne costruita sulla penisola dello Sciberras, una lingua di terra che si frappone tra il Porto Grande e il Porto di Maramuscetto, nel 1566.

Divenne capitale qualche anno dopo, quando furono costruite anche le cinta murarie, progettate dall’architetto italiano Floriani.

 

Centro storico del La Valletta capitale di Malta

Centro storico del La Valletta – Foto credits di @Libera Salcuni

Se nel 1980, grazie al suo notevole patrimonio architettonico fu proclamata patrimonio UNESCO, la consacrazione a centro di rilevanza culturale, arriva invece nel 2018, anno della sua proclamazione a capitale europea della cultura.

Vi consiglio di cominciare la vostra visita alla città, dalla Concattedrale di San Giovanni.

La splendida chiesa, costruita dai Cavalieri e divenuta ben presto il centro della loro attività di difesa del culto cattolico dal pericolo turco, è un edificio sacro impreziosito da opere d’arte davvero notevoli.

Due delle opere pittoriche più importanti che troverete al suo interno, recano la firma di Caravaggio. Si tratta dei dipinti della “Decollazione di Giovanni Battista” e del “San Girolamo scrivente”, oggi custoditi nell’oratorio della Cattedrale

Dalla spettacolare Concattedrale poi, proseguite la vostra passeggiata dirigendovi verso il porto cittadino. Non potrete non notare gli splendidi giardini, suddivisi in Lower e Upper Barakka Gardens.

Non lasciatevi intimidire dalla batteria di cannoni qui presente: la loro funzione, ai nostri giorni, è esclusivamente quella di sparare a salve, allo scoccare delle ore 12:00 e delle 16:00.

Dai concerti di musica dal vivo alle manifestazioni eno-gastronomiche, numerosi sono gli eventi che richiamano in questi magnifici giardini, centinaia di visitatori all’anno.

Un’ultima curiosità: se vi state chiedendo cosa nasconde il cupolone, che caratterizza lo skyline de La Valletta, sappiate che si tratta della Chiesa di Santa Maria di Gesù!

Al suo interno sono custodite una statua della Madonna con Bambino, dell’italiano Gagini e un Crocifisso del 1600, opera di Innocenzo da Petralia.

Se vi ho incuriositi, vi resta una sola cosa da fare: prenotare il vostro viaggio alla scoperta de La Valletta il prima possibile!

Libera Salcuni del Blog Liberamente Traveller

 

 


 

I Parchi di Bucarest capitale della Romania Europa

I Parchi di Bucarest – Foto Credits @Marta e Rob

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

20. Bucarest, capitale della Romania

 

Vivace, colorata e piena di vita, Bucarest è una delle capitali europee ancora meno conosciute, ma dall’anima fortemente internazionale.

Per le sue strade infatti, non sarà difficile sentir parlare in molte lingue diverse e anche le proposte di pub e ristoranti, sono variegate.

Oltre alla vita notturna e il divertimento, Bucarest ha anche un’anima antica e romantica.

In pochi sanno che, oltre ai palazzi freddi del periodo dittatoriale, si trovano anche gallerie in stile Art Nouveau, con bar e ristoranti eleganti, facciate e tetti in stile parigino e un Arco di Trionfo, ad incorniciare un lungo viale alberato.

Se poi aggiungiamo a questo quadro il fiume che attraversa la città, non facciamo fatica a credere come Bucarest si sia guadagnata l’appellativo della “Parigi dell’Est”.

Tra le cose da vedere nel centro storico di Bucarest, c’è la Piazza Unirii. La grande fontana che la arreda, ogni weekend, ospita un vivace spettacolo di musica e luci.

Monastero di Stavropoleos a Bucarest capitale della Romania Cosa vedere nelle capitali europee da visitare

Viaggio nelle capitali europee – Il Monastero di Stavropoleos a Bucarest – Foto Credits @Marta e Rob

Le fontane danzanti  a Bucarest  – Foto Credits @Marta e Rob

Per le vie di Bucarest - capitale della Romania in Europa

Per le vie di Bucarest – Foto Credits @Marta e Rob

Tutto questo accade proprio davanti al Palazzo del Parlamento, un edificio davvero imponente, noto non solo per la sua funzione politica. Si tratta dell’edificio più pesante del mondo e il secondo per estensione (la sua superficie misura ben 350.000 m²).

Tra gli altri punti di interesse in questa bella capitale europea, c’è senza dubbio il monastero di Stavropoleos. Edificato nel 1724, conserva ancora al suo interno magnifici affreschi e un chiostro con archi decorati.

Da non perdere poi, la visita al Parco Herastrau, poco distante dall’Arco di Trionfo. Quest’area verde è molto importante per la città, perché offre uno spazio di ritrovo all’aria aperta sempre molto frequentato, in tutte le stagioni dell’anno.

Al suo interno è presente anche il Museo Nazionale del Villaggio “Dimitrie Gusti”, un museo a cielo aperto, costruito dal famoso sociologo, per mostrare ai visitatori le diverse realtà architettoniche ed etnografiche della Romania. Qui si trovano infatti ben 272 costruzioni autentiche, rappresentanti sia fattorie che abitazioni classiche, vere e proprie testimonianze della vita quotidiana rumena!

Per concludere in bellezza la visita a Bucarest, occorre andare alla scoperta dei sapori della cucina rumena. E’ d’obbligo fare una passeggiata all’Obor Market e degustare una birra da “Caru’ cu bere” o da “Hanu’ lui Manuc”, due luoghi iconici per la città da non mancare assolutamente!

Contributo di Marta e Rob del Blog Italo BackPackers

 


 

Quali capitali europee visitare -Panorama su Bratislava capitale della Slovacchia Europa

Panorama su Bratislava – Foto Credits by @Rossella Saibene

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

21. Bratislava, capitale della Slovacchia

 

Bratislava non è, forse, la prima Capitale a cui pensi per un weekend lungo o come destinazione per una vacanza in Europa. Eppure, piccola ed a misura d’uomo, è una città che sa sorprendere!

Situata sulle sponde del Danubio, la capitale della Slovacchia merita di rientrare fra le mete europee da visitare. Diverse sono le occasioni per poterlo fare: dedicandoci un viaggio, inserendola come tappa in un itinerario alla scoperta dell’Europa Centrale o. come escursione da Vienna, da cui dista soltanto 60 km percorribili in treno, in auto o ancora, via fiume.

Bratislava, una città-gioco
Dimentica la classica e a volte noiosa visita delle città; Bratislava si visita giocando.

Le statue
Una delle attività più divertenti per approcciarsi alla Capitale slovacca è quella di andare a caccia di statue.
Guarda ovunque, anche sul lastricato delle strade: alcune sono divertenti, altre evocative, altre ricordano personaggi o momenti storici. Anche i tombini hanno, in bassorilievo, un simbolo della città!

Viaggio nelle capitali europee – Castello di Bratislava – Foto credits by @Rossella Saibene

L’UFO di Bratislava
Una forma avveniristica si erge a metà del Ponte Nuovo, Novy Most, che attraversa il Danubio. Una sorta di “Ufo” sorretto da lunghi ed apparentemente esili colonne. È proprio con questo nome che viene indicata la costruzione più caratteristica della città.

In ascensore si raggiunge il quarantacinquesimo piano dove, ad 80 metri di altezza, si trova un ristorante lussuoso. Proprio sopra di esso, un’ampia terrazza permette di ammirare il panorama, osservando la città a 360°; in giornate di sole la visibilità arriva anche fino a cento chilometri!

Se sei particolarmente temerario, puoi partecipare ad attività avventurose come lo Skywalk, perfetto se non soffri di vertigini o se vuoi metterti alla prova. Esci dalla finestra del ristorante, assicurato da cavi di acciaio e sotto la supervisione di un istruttore, e passeggia tutto intorno all’Ufo, per un’adrenalinica osservazione della città dall’alto.

La Spiaggia
Proprio sotto l’Ufo, adagiate lungo le sponde del Danubio, si trovano le spiagge frequentate da turisti e abitanti, dove poter giocare o rilassarsi.

Bratislava storica
Bratislava naturalmente non è solo divertimento ma anche storia.
Un classico itinerario ti porterà alla scoperta della città, partendo dal suo centro storico, Hlavné náměstí, la piazza che rappresenta il cuore di Bratislava, e attraversando Michalska Ulica, una delle vie principali della città su cui si affacciano antichi palazzi.

Uno dei simboli della Capitale slovacca è il suo Castello, che domina la città dall’alto.

Tra le Chiese, da non perdere la Cattedrale di San Martino, dove venivano incoronati i re d’Ungheria e la Chiesa di Santa Elisabetta, più conosciuta come Chiesa Blu, per il colore della sua facciata e dei suoi interni.

Bratislava è dunque una città da scoprire, perfetta per grandi e bambini, per chi vuole conoscere la sua storia e la sua cultura e per chi la vuole esplorare divertendosi.

Contributo di Rossella del Blog Famiglia Esplora Mondo

 


Lubiana capitale della Slovenia vista dall'alto Europa

Capitali europee da visitare – Panorama di Lubiana vista dall’alto – Foto Credis by @Martina Bressan

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

22. Lubiana, capitale della Slovenia

 

Situata a meno di due ore d’auto dal confine italiano, Lubiana (o Ljubljana), è la capitale della Slovenia ed è una cittadina caratterizzata da un centro storico ordinato, ben curato e a misura d’uomo.

Il centro di Lubiana è un luogo da scoprire a piedi, dato che è chiuso al traffico automobilistico e si sviluppa lungo il fiume Ljubljanica, ospitando numerosi ristoranti tipici, bar, locali e negozi.

La città è famosa per i numerosi ponti che la caratterizzano, che permettono di passare da una sponda all’altra del fiume.

Nella zona di Piazza Prešeren, il fulcro della Lubiana storica, troverete il celebre Tromostovje, ovvero il Triplice Ponte, che un tempo era costruito in legno ma che negli anni, con l’aumento del traffico, fu riedificato in pietra, aggiungendo anche due passerelle laterali (da qui l’appellativo Triplice ponte).

Centro storico di Lubiana in Slovenia capitali europee

Immagini dal centro storico da Lubiana – Foto Credis by @Martina Bressan

In questa zona si trova anche la bellissima Chiesa dei Francescani, conosciuta anche come chiesa dell’Annunciazione, che si nota per la sua facciata rosa.

Altri ponti che potete attraversare nel centro della città sono il Ponte dei Draghi, il Ponte dei Calzolai e il Ponte dei Macellai.

Il Ponte dei Draghi, in particolare, è caratterizzato dalla presenza di diverse statue di draghi che sono considerati il simbolo della Slovenia.

Percorrendo la zona lungo il fiume, è possibile raggiungere Piazza Pogačar che ospita un’area di mercato all’aperto e una al coperto dove è possibile acquistare prodotti alimentari, fiori, prodotti tipici e souvenir.

Da qui, seguendo delle viuzze che si snodano verso l’interno della città, potete raggiungere la Piazza Civica dove è possibile ammirare il Municipio, con la torre dell’orologio, e la famosa fontana dei fiumi Carniolani, un’opera barocca realizzata dallo scultore veneziano Francesco Robba, nel XVIII secolo.

Questa è un’area di origini medioevali che presenta diversi negozi, boutique e numerosi ristoranti.

lungo fiume a Lubiana capitale europea in Slovenia

Il bellissimo lungo fiume a Lubiana in Slovenia – Foto Credis by @Martina Bressan

Il tour della città può continuare con una visita Castello, che si trova sulla cima della collina Grajska Planota e che è considerato il simbolo della capitale slovena.

La fortezza si può raggiungere tramite un percorso immerso nel verde, oppure, prendendo una comoda funicolare la cui partenza si trova vicino alla zona del mercato cittadino.

La storia di questo complesso è molto antica, tanto che sembra risalire già nel XIV secolo, quando era stato edificato per difendersi dalle invasioni turche. Tuttavia, l’edificio ha subito nel corso dei secoli diversi lavori di ristrutturazione che ne hanno completamente modificato l’aspetto originario.

Vale la pena visitarlo perché da lì, è possibile per ammirare un bellissimo panorama della città dall’alto.

Infine, altre tappe da non perdere durante un soggiorno in città, sono Novi trg (Piazza Nuova), dove è possibile vedere la Biblioteca nazionale, eretta dall’architetto Plečnik e la Piazza del Congresso, ovvero il luogo che ha ospitato gli eventi più rilevanti della storia moderna di questo paese.

Contributo di Martina Bressan del Blog “Travel and Marvel”

 

 


Panorama su Madrid città e capitale europea della Spagna

Capitali europee da visitare – Madrid dall’alto -Foto Credits by @Mariarita Persichetti

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

23. Madrid, capitale della Spagna

 

Quello che colpisce più di ogni altra cosa, nella capitale spagnola, è la sua luce infinita, accecante e meravigliosa, che rende questa città una delle più belle capitali europee.

Per visitare le principali attrazioni di Madrid sono necessari almeno 3 o 4 giorni.

Si parte dal suo più famoso museo, il Prado, con i capolavori di Goya e Velazquez.

D’obbligo poi una visita al Palazzo Reale, alla Cattedrale dell’Almudena, una passeggiata nella Gran Vìa fino a Plaza Mayor e alla Puerta del Sol.

Si continua con l’altro meraviglioso Museo Reina Sofia, per ammirare l’opera più famosa di Picasso: la Guernica. Meglio evitare le fasce orarie con l’entrata gratuita, perché possono coincidere con lunghe code all’ingresso.

Nel Thyssen Bornemisza, invece, la vasta collezione include opere dal Rinascimento italiano all’arte moderna.

Almeno un paio d’ore andrebbero dedicate al monumentale Parco del Ritiro, al suo verde e al Palacio de Crystal costruito in occasione dell’esposizione Universale del 1887, dove oggi si tengono alcune esposizioni del Reina Sofia.

 

Madrid, imperdibile capitale europea da visitare - Il Parco del Buen Retiro

Madrid, imperdibile capitale europea da visitare – Il Parco del Buen Retiro- Foto Credits by @Mariarita Persichetti

Per gli appassionati di sport, lo stadio Santiago Bernabeu è considerato il vero tempio del calcio: immergetevi nella cultura madrilista esaltata nel museo dedicato. Questo sport per la città di Madrid è una vera religione!

Ma dove mangiare a Madrid? Questo è uno degli aspetti più interessanti.

La gastronomia della capitale spagnola offre molte opportunità, per tutti i gusti e per ogni tasca. Si inizia dal Mercado San Miguel, per assaggiare jamon iberico della migliore qualità, la paella in diverse versioni (dalla classica a quella con il riso venere), empanadas e dolci regionali.

Nel quartiere La Latina, invece, Calle de la Cava Baja è famosa per i numerosi tapas bar. Avrete l’imbarazzo della scelta!

Per un pranzo tradizionale, scegliete Sobrino de Botìn, il ristorante più antico del mondo (prenotazione obbligatoria).

Se capitate in città la notte di Capodanno, ricordate di mangiare 12 chicchi d’uva ai rintocchi della mezzanotte, e di fare colazione con churros e cioccolata: i madrileni ci tengono molto a questa tradizione.

Contributo di Mariarita Persichetti del Blog 24 Hours Trotter

 

 


 

Panorama su Stoccolma capitale della Svezia Viaggio in Europa

Panorama su Stoccolma

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

24. Stoccolma, capitale della Svezia

 

Stoccolma è un connubio perfetto tra modernità e tradizione, un luogo ideale per trascorrere un weekend tra arte e cultura e rilassarsi in una delle sue numerose aree verdi.

La città sorge su un arcipelago affacciato sul Mar Baltico. E’ composta da 14 isole collegate tra di loro da ponti e da una fitta rete di traghetti, mezzo preferito dagli abitanti per muoversi da un posto all’altro.

Il cuore urbano di Stoccolma è Gamla Stan, il quartiere turistico dove si trovano l’incantevole Stortorget, la piazza più antica della città, ed il Palazzo Reale.

Nel cortile di quest’ultimo, è possibile assistere al cambio della guardia, una vera e propia parata che ricalca la ben più nota cerimonia londinese. Il cambio della guardia a Stoccolma, si svolge solo alcuni giorni della settimana, quindi è necessario informarsi prima di partire per non perdersi lo spettacolo.

 

Banchine a Stoccolma capitale della Svezia Viaggio in Europa

Banchine a Stoccolma

Un’altra attrazione imperdibile è il Municipio, un elegante edificio in mattoni rossi in cui avviene la consegna dei Premi Nobel. Salendo in cima alla sua torre, si può ammirare una vista panoramica mozzafiato sulla città.

Stoccolma offre anche una vasta proposta culturale, infatti conta più di 40 musei dedicati agli ambiti più disparati.

Uno dei più famosi è lo Skansen, il museo a cielo aperto più grande di tutta la Svezia.

Al suo interno si trovano la ricostruzione di un antico villaggio nordico, in cui vengono illustrati gli usi e i costumi del popolo svedese prima della rivoluzione industriale, e lo zoo di Stoccolma, luogo ideale per osservare da vicino animali tipici dei paesi scandinavi come renne, linci e bisonti.

Altrettanto affascinante, anche se di natura completamente diversa, è il Vasamuseet sull’isola di Djurgården.

Questo museo ospita una vera nave da guerra risalente al 1600, affondata durante il suo viaggio inaugurale e recuperata più di 300 anni dopo.

Il vascello è quasi interamente composto delle sue parti originali, cosa che lo rende un reperto storico unico al mondo.

In ultimo i nostalgici degli anni 80 non potranno perdere una visita al museo degli ABBA, il celebre gruppo svedese che ha fatto la storia della musica pop.

Contributo di Francesca del Blog One My Railway

 

 


 

Capitali europee da Visitare – L’orologio Astronomico a Berna – Foto Credits by @Virginia Bovolo

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

25. Berna, capitale della Svizzera

Mancano cinque minuti allo scattare dell’ora, dobbiamo affrettare il passo. Risaliamo lungo la strada lastricata, schivandoci allo scampanellio del tram e degnando appena di uno sguardo la fontana con l’orso in armatura dorata. Eccoci, siamo arrivati in tempo: lo Zytglogge ha appena messo in moto i suoi ingranaggi!

Siamo a Berna, deliziosa capitale della Svizzera.

Ce ne stiamo in mezzo ad una piccola folla con lo sguardo all’insù, cercando di indovinare quale personaggio farà la prossima mossa, nella giostra dell’orologio meccanico più famoso della Svizzera.

L’orologio astronomico è soltanto una delle tante attrattive che Berna può offrire.

La caratteristica migliore, secondo noi, è che Berna è una capitale a misura d’uomo: raccolta, accogliente, genuina.

La città vecchia è percorsa da un’arteria centrale, la Kramgasse, affiancata da due lunghi corridoi di portici e costellata di fontane sormontate da statue di ogni foggia e aspetto.

Non stupitevi se vedrete i camerieri dei locali attingere acqua alla fontana per portarvela in tavola: è dal XIII secolo che l’approvvigionamento idrico Bernese funziona così! L’acqua delle caratteristiche fontane di Berna è potabile e gratuitamente accessibile a tutti.

Continuando a passeggiare nella città vecchia, veniamo attirati dalla cattedrale: il Berner Münster.

 

Berna Le guglie del Berner Münster Svizzera

Le guglie del Berner Münster

Salendo sulla sua torre campanaria siamo estasiati dalla vista a 360 gradi che si apre davanti ai nostri occhi: le dolci anse del fiume Aar abbracciano il nucleo antico della città di Berna, quasi portandola alla deriva.

A Berna, purtroppo, c’è chi viene per il Parco degli Orsi.

L’orso è il simbolo della città ed una triste tradizione vuole che, dalla notte dei tempi, a Berna si tengano uno o più orsi. L’indecente “fossa degli orsi”, dove erano costretti i poveri animali, è da qualche anno stata sostituita da un parco. Nonostante ciò, i tre poveri plantigradi che attualmente ci vivono non hanno idea di cosa sia la libertà.

Attraversiamo rapidamente il Nydeggbrücke, evitando come la peste il desolante Bärengraben e, con una breve passeggiata, raggiungiamo invece il Rosengarten, posto su una piccola altura proprio di fronte alla città vecchia.

Questa è, secondo noi, una tappa imperdibile: da quassù lo sguardo abbraccia tutta Berna, con il campanile della cattedrale che svetta elegante sopra le case.

Torniamo infine sui nostri passi, questa volta percorrendo un piacevole sentiero lungo l’ansa a sud del fiume, ammirando il Berner Münster da una differente prospettiva.

Torniamo verso Bundesplatz e ci concediamo una passeggiata senza meta nel cuore della città.

Altre attrazioni interessanti di Berna sono la casa dove Einstein visse, il Paul Klee Zentrum ed il Museo della Comunicazione.

Berna è una città che si visita facilmente a piedi.

I costi, come nel resto della Svizzera, non sono economici, ma si può risparmiare qualcosina soprattutto a pranzo, ordinando il menù del giorno (in genere le porzioni sono abbondanti e i prezzi abbordabili).

Vi consigliamo di scegliere un alloggio vicino al centro storico: i prezzi saranno un pochino più elevati, ma avrete la possibilità di godervi una piacevole passeggiata serale nella città vecchia.

Contributo di Virginia Bovolo del Blog Travel Gudu

 

 


La Moschea del Solimano a Istanbul una delle capitali europee più belle

La Moschea del Solimano a Istanbul – Foto credits by  @Stefania Ciocconi

 

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

26. Istanbul, capitale storica e

morale della Turchia

 

Istanbul, oltre ad essere una delle più belle città Europee da visitare, è anche la porta dell’oriente!

Anche se dall’ottobre del 1923 la capitale amministrativa della Turchia è Ankara, il grande fascino e le profondi radici storiche di Istanbul in Europa, ce la fanno considerare ancora a tutti gli effetti, come la “capitale morale” e turistica di questo Paese!

Grande Capitale, Istanbul, lo è stata davvero!

Prima dell’Impero Romano d’Oriente, poi cuore e centro dell’Impero Bizantino e da ultimo, capitale dell’Impero Ottomano. Basterebbe questo per assegnarle un titolo di capitale europea ad honorem. Da qui, ci prendiamo la licenza letteraria e lo facciamo, con il cuore di viaggiatrici e non con la politica!

Istanbul è una città che affascina il visitatore per la coesistenza di architetture occidentali e orientali, la vivacità che anima le vie e gli odori che permeano i bazar.

Nei secoli ha mutato varie volte il nome e l’antica Costantinopoli, è una delle mete imperdibili durante un viaggio in Turchia.

Un itinerario alla scoperta di Istanbul, può iniziare dal centro storico, inserito tra i siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO, per i monumenti che sono esempio di stile bizantino e ottomano. Racchiuso tra il Mar di Marmara, nel Corno d’Oro, sino alle mura teodosiane, conserva straordinari esempi di opere architettoniche.

Una delle più splendide è Palazzo Topkapi, costruito alla metà del XV secolo dal settimo sultano ottomano, Mehmet II.

La dimora, eretta attorno a quattro cortili e alla zona dell’harem, è l’esempio sublime dell’arte decorativa di quel periodo storico.

 

Viaggio fra le capitali Europee Palazzo Topkapi: appartamenti della regina e harem

Palazzo Topkapi: appartamenti della regina e harem – Foto credits by  @Stefania Ciocconi

Sempre nel quartiere di Sultanahmet si trova Hagia Sophia. Nata come chiesa ortodossa e poi cristiana, divenne una moschea nella metà del XV secolo. Oggi è stata nuovamente destinata al culto religioso, ma si può visitare negli orari consentiti.

All’interno si possono notare la coesione di elementi cristiani e musulmani, la cupola dorata e l’abside con i mosaici, che  spiccano tra tutte le decorazioni.

Dall’altro lato dei giardini si erge la Moschea Blu, così chiamata perché l’interno è rivestito da oltre ventimila piastrelle di questo colore.

Questa è solo una delle oltre duemila moschee di Istanbul! Tra le più belle da visitare, ci sono quella di Solimano il Magnifico, dalla cui terrazza si ammira la città dall’alto, e quella luminosissima, nel quartiere di Ortaköy.

Una passeggiata in città poi, è l’occasione per immergersi nei sapori e nei profumi dei prodotti tipici orientali.

Il bazar delle spezie, inebria con le sue fragranze come le rivendite di caffè macinato o quelle dei succhi di frutta freschi, soprattutto di melograno. Ogni via svela qualcosa di particolare e ovunque, si vedono gatti randagi, tanto benvoluti, da avere la loro cuccia fuori dalla porta dei negozi.

Nel quartiere di Edirnekapı, si può visitare il Chora Museum. La Chiesa di San Salvatore in Chora, in stile bizantino, divenuta una moschea, conserva straordinari mosaici del 1312, che hanno per tematica la salvezza e la reincarnazione.

In questo quartiere si possono vedere alcune vie con le caratteristiche case in legno, tinteggiate di caldi colori che si ritrovano anche nelle vicinanze della Moschea Blu.

Un’altra zona di Istanbul ricca di cose da vedere è il quartiere di Karaköy, dove si può salire sulla Torre di Galata, per ammirare il panorama dall’alto della capitale turca.

 Istanbul capitale della Turchia Panorama dalla Torre di Galata

Viaggio nelle Capitali Europee: Istanbul – Panorama dalla Torre di Galata – Foto credits by  @Stefania Ciocconi

 

Proseguendo lunga la via centrale, affiancata da numerosi negozi dallo stile occidentale, si arriva in Piazza Taksim. dove si erge il Monumento alla Repubblica.

Istanbul è una città che va vista anche dal mare, e perciò è immancabile fare una crociera sul Bosforo al tramonto, per risalire un tratto del canale.

Altri luoghi ricchi di fascino da non perdere in questa splendida capitale europea, sono il quartiere Üsküdar, ubicato nella parte asiatica della città dove c’è il mercato del pesce, e il quartiere di Beşiktaş.

Due zone ideali per assaporare l’atmosfera della città e passeggiare sul Bosforo, per ammirare Istanbul da diverse prospettive.

Contributo di Stefania Ciocconi del Blog Girovagando con Stefania

 

 


Capitali Europee da visitare - Budapest il Ponte delle Catene

Capitali Europee da visitare – Budapest, il Ponte delle Catene – Foto credits by @Valentina Capelli

Viaggio nelle Capitali Europee da visitare:

Contributi su

27.  Budapest, capitale dell’Ungheria

 

Resistere all’enigmatico fascino di Budapest? Impossibile!

La splendida capitale ungherese, nota anche come la Perla del Danubio, ha una capacità straordinaria di ammaliare i suoi visitatori e le sue visitatrici, ricavandosi inevitabilmente un posticino privilegiato nei loro cuori.

Nata nel 1873 dall’unione di quelle che, all’epoca, erano tre distinte città (Buda, Obuda e Pest), Budapest ha un’anima assai complessa e ricca di innumerevoli sfaccettature.

Monumentale ma malinconica, romantica ma distaccata, esuberante ma riservata al tempo stesso, è una delle capitali europee più affascinanti e che meritano di tornarci più volte.

Sembra quasi che, in questa città, convivano luoghi totalmente estranei l’uno dall’altro.

Prendiamo, per esempio, il quartiere di Buda, ubicato sulla collina presso la riva ad ovest del Danubio! La sua atmosfera luminosa, elegante e vagamente orientale, che raggiunge l’apice della bellezza presso il Bastione dei Pescatori, la celebre Chiesa di Mattia e il sontuoso Castello, non ha proprio nulla a che fare con il colorito e irrequieto caos delle strade di Pest, regno di giovani artisti, fermento culturale e dei noti ruin pub.

Panorama sul Danubio e il Parlamento di Budapest capitale dell'Ungheria

Panorama sul Danubio e il Parlamento di Budapest

È impensabile visitare Budapest senza entrare in almeno uno di questi iconici posti!

Ospitati all’interno di edifici fatiscenti, fabbriche abbandonate, parcheggi in disuso e giardini, i pub in rovina, sono in realtà degli originalissimi locali letteralmente pullulanti di murales, colori, oggetti, bizzarro arredamento, mostre.

Il primo e il più famoso di essi è il Szimpla Kert, nel quartiere ebraico.
Si tratta di una vera e propria giungla di stanze e ampi spazi, in cui i più variegati stili (kitsch, classico, moderno, antico), si mescolano apparentemente senza criterio, in un’atmosfera quasi psichedelica.

Il cuore di Budapest e della sua geografia, rimane sempre il Danubio, che separa ma al tempo stesso unisce le due sponde della città.

Un’altra delle attività da fare assolutamente nella capitale ungherese è una bella crociera sul fiume. Oltre a transitare sotto il celebre Ponte delle Catene (e ad altri innumerevoli e suggestivi ponti), quest’esperienza consente di apprezzare una vista a dir poco meravigliosa sulla città e su alcuni dei suoi monumenti e palazzi più importanti, primo fra tutti il sontuoso Palazzo del Parlamento ungherese, di sera splendidamente illuminato.

La città è inoltre molto famosa a livello internazionale per le sue storiche terme. La presenza in loco di diverse fonti di acqua termale, ha dato vita a molti stabilimenti. Tra i più famosi ci sono i bagni Széchenyi, originari della belle époque e in stile neo-barocco e le terme Gellért, un elegantissimo sogno liberty ricco di dettagli di pregio e mosaici.

Contributo di Valentina Capelli del Blog Kilig Travel Blog

 


 

 Cosa vedere nelle Capitali europee Panorama sul Danubio e il Parlamento di Budapest

Panorama sul Danubio e il Parlamento di Budapest – Foto Credits by @Angela Coscia

Descrivere Budapest non è affatto semplice.
Io l’ho visita a novembre. Un novembre che si è dimostrato clemente con noi. Il freddo pungente era mitigato da un tiepido sole d’inizio inverno che dava alla città una luce inaspettata.

Quella stessa luce che mi ha fatto subito innamorare della bella Perla del Danubio. La capitale ungherese è una città che si visita tranquillamente a piedi.

L’aeroporto è poco distante dal centro, al quale è collegato con un efficace sistema di autobus elettrici.

Il Fiume Blu – ed è incredibile il colore blu dell’acqua con i riflessi del sole di novembre – divide la città in due parti: Buda, la parte antica e Pest, il centro più moderno.

Ho avuto la fortuna di passeggiare per le colline di Buda al tramonto, quando un delicato colore rosa tingeva di sfumature romantiche ogni cosa.

Panorami su Budapest

Panorami su Budapest

Per visitare Buda in breve tempo, consiglio di utilizzare un simpatico tuk tuk che parte da piedi della collina e che si ferma in tutti i punti di maggiore interesse del distretto di Buda.

Se siete più fortunati di noi, potete prendere la funicolare che porta direttamente al Castello di Buda.

Da visitare assolutamente è la chiesa di Mattia: un bianco brillante avvolge le guglie gotiche della Chiesa, interrotto soltanto dalla policromia dei tetti.

All’interno non troverete un solo spazio che non sia affrescato. Un oro intenso rende calda l’atmosfera, resa così preziosa per mettere a proprio agio i re che qui sono stati incoronati.

La chiesa è dedicata a Santa Maria Assunta, ma tutti la ricordano con il nome del re che ne ha promosso la costruzione, il re Mattia, appunto.

Non dimenticate di prenotare una visita guidata al Parlamento di Budapest, uno dei più bei palazzi mai visitati in vita mia e, dulcis in fundo, concedetevi una fetta di torta Dobos, la torta preferita della Principessa Sissi, che amava l’Ungheria come se fosse casa sua.

Prima di tornare a casa, lasciatevi coccolare dal caldo tepore delle acque termali di Budapest.

Le terme in città sono un must: noi abbiamo scelto le famosissime terme di Szecheny, dove si può passare una giornata in totale relax.

Budapest è una capitale europea ed una città in cui la visita, non è semplicemente una visita: qui il soggiorno diventa un’esperienza per corpo e anima.

Contributo di Angela Coscia del Blog “In giro con Angela”

 

 


La torre di Belem a Lisbona e spunti di Viaggio in Europa

Capitali europee da visitare –  Nel quartiere di Belem a Lisbona

Ci sono mille motivi per fare un viaggio e visitare le capitali europee! Qui, di motivi, ve ne abbiamo forniti almeno 27, tanti quanti sono le città simbolo di questa Europa di cui vi abbiamo parlato!

Ringrazio anzitutto le colleghe travel blogger, per i loro splendidi contributi sulle 27 capitali europee da visitare!

Fare un viaggio nel Vecchio Continente ha sempre un grande fascino e nel contempo, ha qualcosa di estremamente moderno, ve ne siete accorti? Attraverso ciascuna capitale della nostra Europa possiamo ammirare il passato e la storia europea, ma anche “leggere” il presente contemporaneo e le avvisaglie del futuro!

Il tutto accompagnato da paesaggi urbani fantastici, per non dimenticare le mille valenze di uno sviluppo sostenibile che, finalmente, si fa breccia anche nei centri abitati europei, ingentilendo con parchi e aree verdi, le aree urbane monumentali delle capitali europee!

Sia che scegliate di trascorrere un weekend o un’intera vacanza, l’Europa e le sue capitali sapranno sempre meravigliare ed ispirare mille viaggi imperdibili!

Ma il nostro Tour in Europa non termina qui, perchè a breve, leggerete altri spunti di viaggio sulle splendide città da visitare in Europa in ogni stagione!

Nel frattempo, se questo lungo articolo vi è piaciuto, potete condividerlo e continuare la navigazione su questo Blog, leggendo delle città d’arte italiane più belle, delle spiagge d’Italia da non perdere questa Estate, o ancora, fare un Viaggio fra i siti UNESCO italiani, e molto altro ancora!

Basta solo lasciarsi Ispirare! Al prossimo spunto di viaggio da Mimì

31 Città da visitare in Europa in ogni stagione: luoghi da vedere imperdibili

You may also like

32 comments

Babi |Wanderlust in Travel 25 Maggio 2021 - 10:57

wowwwwwwwwwww! che mega articolo ricco di spunti e super completo!!!!!
certo che di posti bellissimi in questo mondo gigante ce ne sono :)
ho visto foto bellissime, descrizioni fantastiche e tanta ma tanta voglia di far scoprire questi luoghi.
Ringrazio Mimì per l’opportunità e a tutte le blogger per averci fatto viaggiare con questo stupendo articolo.

brave tutte!

Reply
Mimì 25 Maggio 2021 - 11:37

Ciao Barbara! Un articolo davvero splendido, anche grazie al tuo contributo su Sofia. Una capitale che ancora non ho visitato, ma che grazie a te, è entrata nel novero delle mie prossime mete da visitare!

Sono io a ringraziare te, Barbara, voi, carissime travel blogger italiane, per aver condiviso le vostre esperienze e le vostre emozioni!

Un abbraccio immenso con tutto il cuore! E a presto!

Mimì

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:21

Grazie mille a te carissima, per il tuo contributo, ma anche per averci messo tanto cuore in tutto!
A presto!
Mimì

Reply
Veronica Grossi 25 Maggio 2021 - 13:37

Un vero viaggio in un articolo! Quanti posti stupendi e quanti consigli! Metterò tutto da parte per poterli usare non appena si potrà ripartire in tranquillità anche in Europa! Grazie Mimì per l’opportunità e grazie travel blogger italiane per aver condiviso le vostre esperienze! Una destinazione più bella dell’altra!

Reply
Mimì 25 Maggio 2021 - 14:56

Buon pomeriggio Veronica!
E in effetti, anche io penso che tornerò a viaggiare in giro per l’Europa, non appena ritorneremo ad essere più sereni e sicuri! Mi manca tanto la “dimensione europea e mondo” nella libertà di scegliere un Viaggio!
Devo confidarti che ho letto con molto interesse il tuo contributo, perchè da molto tempo conto di ritornare a Città del Vaticano, per vedere i Musei ed i Giardini! Una meta a portata di mano, ma fantastica!

Perchè in questo articolo siete state tutte fantastiche e straordinaria! Un abbraccio immenso e mi auguro di poterti ospitare altre mille volte sul blog, ma soprattutto, di poterti incontrare di persona, prima o poi!

A presto e ancora Grazie mille per tutto!

Mimì

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:22

Grazie carissima! Grazie mille a te per aver partecipato!

Reply
Lety 26 Maggio 2021 - 10:33

Wow! questo articolo è stupendo! da tenerselo tra i salvati, leggerselo e rileggerselo all’occorrenza!
Solo dopo una prima lettura mi rendo ancora piu conto di quanto altro ci sia da vedere e quanta bellezza ci circonda! Bravissima Mimì che sei riuscita a creare un articolo corale così bello e completo!

Reply
Mimì 26 Maggio 2021 - 23:02

Grazie mille a te Lety!
Sono davvero felice delle tue parole!
Un abbraccio, Mimì

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:16

Sono davvero felice che ti sia piacito l’articolo e l’ispirazione che c’è dietro!
Un grande abbraccio e buon weekend!

Reply
Margherita 26 Maggio 2021 - 20:47

Una vera e propria guida alle più belle città d’Europa!!!!! Mi sono venute in mente almeno una ventina di spunti per nuovi viaggi… e, ovviamente, non esiterò a seguire i consigli di tutte! Grazie mille!!

Reply
Mimì 26 Maggio 2021 - 23:05

Ciao Margherita!

Siete state tutte davvero fantastiche! Ti ringrazio di aver partecipato all’articolo con un contributo super!

Ci ispireremo a vicenda, e spero tanto che ispireremo tanti viaggiatori! Un abbraccio e a presto!
Mimì

Reply
Anna 27 Maggio 2021 - 15:14

Davvero un ottimo articolo, utile e ricco di spunti!

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:14

Felice che ti sia piaciuto e ti abbia ispirato! Un grande abbraccio! Mimì

Reply
Annalisa+Trevaligie-Travelblog 28 Maggio 2021 - 7:29

Grazie ai consigli delle Travel Blogger Italiane sarà un piacere scoprire le città che mi mancano da visitare in questa lista! Ottimi spunti per organizzare un road trip tra le città europee più famose.

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:13

Ti ringrazio a nome di tutte le Travel Blogger Italiane allora!

Reply
Claudia 28 Maggio 2021 - 10:10

Bellissimo guest post! Appena posso(potevo?) cerco un volo low cost per poter visitare una nuova capitale europea! Purtroppo all’appello mi mancano ancora tutte le capitali delle repubbliche baltiche e scandinave, ma per me la mia preferita rimarrà sempre Madrid dove ho trascorso quasi un anno e la sentirò sempre come una seconda casa!

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:12

Come non amare Madrid? E’ una capitale viva, vivace, allegra e ricchissima di arte !

Reply
Eliana 28 Maggio 2021 - 16:38

Un articolo colossale con interventi variegati e molto stimolanti! Complimenti a tutte per questi spunti! Alcune capitali le ho visitate ma altre attendono di essere scoperte: questo articolo mi ha ispirato per quanto riguarda le Repubbliche Baltiche, ci farò un pensiero!

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:09

Ma sai che ha ispirato tanto anche me? Tallinn deve essere un vero spettacolo!

Reply
valeria 28 Maggio 2021 - 18:04

Che bello leggere tra le proposte anche Città del Vaticano! Meritano tutte ma ha un posto speciale nel mio cuore perchè ospita Le Stanze di Raffaello, capolavoro assoluto dell’artista di Urbino.

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:08

Non c’è luogo della nostra vecchia Europa che non meriti di essere visitato! E Città del Vaticano è senza dubbio il nostro “vicino/lontano”

Reply
Teresa 28 Maggio 2021 - 19:15

Un articolo stupendo, una guida completa alle meravigliose capitali europee. Io non le ancora visitate tutte, ma mi auguro di riuscire a farlo, anche se ci vorrà tempo. ma io non mi arrendo!

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:07

E fai benissimo a non arrenderti! A me manca praticamente tutta la parte del Nord Europa!

Reply
Rossella 28 Maggio 2021 - 23:14

Che articolo super: davvero la collaborazione fra blogger può notare vita a una forza dirompente! Tutte splendidi descrizioni, tutti luoghi fantastici, che è bello vivere con gli occhi di chi ha scritto i vari contributi.

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:06

E’ proprio cosi! Tanto cuore ed ispirazione in ciascun contributo!

Reply
Virginia e Leonardo - Travel Gudu 28 Maggio 2021 - 23:27

Grazie Mimì per averci ospitato sul tuo blog in questo bellissimo articolo: è una raccolta completa ed utilissima! Grazie a te e alle altre blogger che hanno partecipato!

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:05

Ti ringrazio davvero con tutto il cuore, anche a nome di tutte le altre colleghe che hanno partecipato a questo lungo articolo!

Reply
Veronica 29 Maggio 2021 - 18:33

Ecco un articolo da salvare e da tirar fuori all’occorrenza, come quando siamo a corto di ispirazione per un viaggio in qualche capitale europea. A me, ad esempio, ha fatto venir voglia di ritornare a Budapest e Bucarest, due città che visitai tanti anni fa e che sicuramente sono cambiate molto.

Reply
Mimì 5 Giugno 2021 - 19:04

Grazie mille carissima! Anche ritornare per vedere come i luoghi cambiano, a distanza di tempo, è qualcosa che fa parte di una splendida ispirazione di viaggio!

Reply
Veronica Sieli 7 Giugno 2021 - 7:54

Quanti spunti interessantissimi, sarebbe bello poter fare questo Gran Tour prima o poi, magari zaino in spalla! Alcune di queste capitali mi intrigato già da un po’, altre le ho decisamente rivalutare come destinazioni grazie ai contributi delle TBI.
Complimenti per l’articolo

Reply
Valentina 7 Giugno 2021 - 17:06

Grazie mille per avermi dato la possibilità di scrivere per il tuo blog! È davvero un bellissimo articolo, super interessante e ricchissimo di tante ispirazioni e consigli di viaggio! Che voglia di partire per un lunghissimo Grand Tour! Lo consiglierò assolutamente, complimenti ancora per l’idea super! Un abbraccio!

Reply
Veronica 9 Giugno 2021 - 19:05

Che meraviglia di articolo! È davvero un piacere da leggere e mi sta dando tantissimi spunti per i miei prossimi viaggi!

Reply

Leave a Comment

Don`t copy text!