Home DESTINAZIONI Luoghi da vedere a Verona: itinerari segreti della Minor Hierusalem

Luoghi da vedere a Verona: itinerari segreti della Minor Hierusalem

by Mimì
Luoghi da vedere a Verona in Veneto panorama del ponte sull'Adige

Visitare le città della nostra Bella Italia è sempre fonte di grandi scoperte! Ci sono sempre mille luoghi che passano inosservati ad una prima visita, quando è facile rimanere attratti dai monumenti più famosi e blasonati! Anche per la splendida città di Verona è così! Una città antica Verona, patrimonio dell‘UNESCO dal 2000. Una città da scoprire al meglio passeggiando a piedi nel suo centro  storico, percorrendo itinerari segreti nella storia e nell’arte di quello che è un vero e proprio museo a cielo aperto! Fra i luoghi e le cose imperdibili da vedere a Verona poi, ve ne sono alcuni particolarmente suggestivi ed affascinanti, nascosti quasi, oserei dire!

A farci scoprire i luoghi da vedere in una Verona nascosta e preziosa, ma anche per condividerci mille consigli utili per visitare i lati meno conosciuti questa città, oggi c’è un’ospite d’eccezione: Katia Divina del  Blog “ Il Miraggio ”.

Katia attualmente vive a Trento ed è laureata in Storia dell’Arte. Il suo percorso di studio la ha portata diverse volte a Verona e dal suo blog, ha già raccontato molti particolari di questa splendida città veneta! Appassionata di turismo culturale e di itinerari fuori dai luoghi comuni, ha trovato anche in me una fan in questo modo di pensare ai luoghi da visitare! 

Quelli che qui leggerete, sono dei suggerimenti per fare degli interessanti trekking urbani che includono la visita delle Chiese ubicate nei quartieri di Veronetta e delle Torricelle. Itinerari poco conosciuti in una Verona Minor, che scoprirete essere meno minor di quanto possiate immaginare!

Ma ora le lascio la parola su quelli che sono 3 itinerari davvero particolari nel cuore di Verona!

Il ponte di pietra sull'Adige a Verona panorami

Il ponte di pietra sull’Adige a Verona

Luoghi da vedere a Verona Panorama del Colle di San Pietro e la Chiesa di Santo Stefano-

Panorama del Colle di San Pietro e la Chiesa di Santo Stefano


Luoghi da vedere a Verona:

3 itinerari imperdibili nella Minor Hierusalem

 

Verona è la città romantica dove Sheakspeare ha ambientato la storia d’amore più struggente. E’ anche la città romana dove l’Arena e il Teatro Romano rivivono il loro splendore grazie alle opere liriche e le rappresentazioni teatrali. Ma forse non tutti sanno che il capoluogo scaligero è anche conosciuto per essere la Piccola Gerusalemme.

A Verona, grazie ai pellegrinaggi proposti dalla Fondazione Verona Minor Hierusalem, è possibile conoscere una città diversa dall’immaginario comune. Due dei 3 itinerari proposti, conducono attraverso una Verona poco turistica, in due quartieri dove di solito il turista difficilmente s’inoltra.

Ed è questa la sua bellezza: mostrarsi per quello che si è realmente attraverso stradine secondarie, scorci panoramici inaspettati e il profumo delle vecchie case non ancora tirate a lucido.

Molti dei luoghi da vedere a Verona di cui parlo, li ho scoperti per caso durante le ricerche di una Verona sconosciuta ai più. Altri luoghi, invece, sono stati chiusi al pubblico per diverso tempo e talvolta abbandonati a sé stessi.

Appena trovavo la porta aperta di una chiesa o di un antico palazzo, mi ci fiondavo dentro perché sapevo che ci avrei trovato un quadro o un affresco studiato a lezione.

Vista su Verona dal Terrazzo di Monte Castiglione

Vista su Verona dal Terrazzo di Monte Castiglione

L’antica Verona “Minor Hierusalem”- 4 Passi nella Storia della “Piccola Gerusalemme veronese”

Su un antico sigillo di Verona è raffigurato un tratto di mura con tre torri sulla cui sommità sono poste tre croci: è la rappresentazione del Monte Calvario dove è stato crocifisso Gesù. L’idea di una Piccola Gerusalemme a Verona nasce grazie all’arcidiacono Pacifico, vissuto a cavallo tra il 700 e l’800 e conosciuto come il rinnovatore delle chiese veronesi.

Il sigillo cittadino è stato ripreso alcuni secoli dopo quando ne venne introdotto uno nuovo nel 1474. L’effige è dedicata a San Zeno, il patrono di Verona, con l’aggiunta della scritta “Verona minor Hierusalem Di Zenoni Patrono”.

Nasce ufficialmente così il legame tra Verona e Gerusalemme, dove il pellegrino raggiunge a piedi la chiesa prescelta.

Le motivazioni di questo pellegrinaggio, ieri come oggi, sono tante tra cui la devozione, la pietà popolare e la necessità di onorare le reliquie custodite.

Da dove nasce la necessità di una piccola Gerusalemme nella penisola italica?

Nel Medioevo non era facile recarsi in Terra Santa in pellegrinaggio, per ovvi motivi. Ed è così che nasce il bisogno di creare degli itinerari che ricordassero i pellegrini fatti in Terra Santa.

Bologna, Pisa, Lucca e Verona sono le città dove si è investito in questo senso, creando un forte legame tra l’urbanistica delle città con la sua storia e la spiritualità dei pellegrini in viaggio.

(piccola notazione personale: anche il Borgo di Gerace, in provincia di Reggio Calabria, era definito piccola Gerusalemme: ecco scoperto il perchè).”

Panorami su Verona lungo l'Adige

La Fondazione Verona Minor Hierusalem: cosa è e su cosa si basa

Verona Minor Hierusalem nasce come associazione di volontariato nel novembre 2016.

Il primo itinerario proposto è stato “Rinascere dall’acqua. Verona aldilà del fiume”, un percorso che accompagna il visitatore aldilà del fiume Adige. Visto il successo, sono stati creati altri due itinerari: Rinascere dalla Terra” e Rinascere dal Cielo. Tra le note di Mozart e una nave di Santi”.

In totale sono state aperte al pubblico 17 chiese cittadine fino a questo momento chiuse al pubblico. Un’opportunità per far conoscere sia ai veronesi che ai turisti una Verona nascosta e spesso dimenticata. Molte persone che ho incontrato erano curiose di cosa ci fosse dietro alle porte di queste chiese!

L’obiettivo della Fondazione è quello di offrire un turismo culturale che permetta di valorizzare gli angoli meno conosciuti del capoluogo scaligero.

Un’esperienza che tutti possono fare: cittadini, turisti, pellegrini, amanti dell’arte o semplici curiosi.

L’associazione si trasforma in fondazione nel gennaio 2019 grazie al riconoscimento da parte della Regione Veneto e con la collaborazione di enti e associazioni del territorioSenza tralasciare l’importanza della partecipazione attiva da parte degli stessi veronesi!

 

Particolari del ponte sull'Adige a Verona

Particolari del ponte sull’Adige a Verona -Foto  Pixabay

 

Gli itinerari imperdibili di Verona Minor Hierusalem

Gli itinerari proposti da Verona Minor Hierusalem sono tre e si distribuiscono tra centro storico e le immediate vicinanze.

Il trekking urbano, un vero e proprio “pellegrinaggio urbano”, permette di scoprire l’esistenza di  museo diffuso all’interno della città, facilmente raggiungibile a piedi. Ad ogni chiesa visitata non si è lasciati soli! Si è accolti da volontari preparati ad hoc, che raccontano i tesori custoditi al loro interno.

Viene consegnata una mappa all’inizio di ogni percorso dove è indicato l’itinerario prescelto e alla conclusione di ogni tappa viene apposto un timbro.

A parte l’itinerario Rinascere dalla Terra, ho incontrato persone molto preparate e disponibili. Spesso non vedevano l’ora di raccontarmi ciò che sapevano o di farmi scoprire particolari nascosti.

I 3 itinerari in argomento, li ho effettuati in momenti diversi e questo mi ha permesso di godermeli maggiormente, prendendomela con calma. Se ti capita di raggiungere Verona facilmente, lo consiglio anche a te. Ecco nei dettagli i percorsi proposti con dei consigli extra personali!

Questo ti permetterà di percorrere le strade di una Verona sconosciuta e fermarti a vedere luoghi poco frequentati, turisticamente parlando!


Luoghi da vedere a Verona:

Itinerario a piedi “Rinascere dall’acqua.

Verona aldilà del fiume”

Come tante altre persone, questo percorso l’ho scoperto per caso andando alla ricerca di opere d’arte studiate all’università. Sapevo che all’interno della chiesa di San Giorgio in Braida avrei trovato un’opera dell’artista Veronese ma per tutto il periodo dei miei studi, la chiesa è rimasta chiusa.

Un giorno durante le mie avanscoperte veronesi ho trovato la porta della chiesa di San Giorgio in Braida aperta e mi sono fiondata dentro. E’ stato questo il momento in cui ho saputo l’esistenza di Verona Minor Hierusalem.

Da qui il percorso “Rinascere dall’Acqua” continua, visitando la chiesa di Santo Stefano, di San Siro e Libera che si trova all’interno del Teatro Romano, di San Giovanni in Valle e quella di Santa Maria in Organo.

Cosa vedere a Verona Minor Hierusalem Interni della Chiesa di San Giovanni in Valle

Interni della Chiesa di San Giovanni in Valle

Navata centrale nella Chiesa di Santa Maria in Organo a Verona veneto Italia

Navata centrale nella Chiesa di Santa Maria in Organo.

Cappella di San Benedetto nella Chiesa di Santa Maria in Organo

Cappella di San Benedetto nella Chiesa di Santa Maria in Organo

Siamo nel quartiere delle Torricelle, nome che deriva delle colline che abbracciano Verona e dove stanno venendo alla luce molti reperti archeologici romani. Si pensa che il capoluogo scaligero sia nato proprio da queste parti.

Questo itinerario continua nella parte alta di Verona. Se ti rimane fiato, raggiungi la chiesa di Santa Maria in Betlemme sul colle di San Pietro e quella di Santa Maria di Nazareth sul Monte Castiglione. Sia l’una che l’altra offrono uno spettacolare scorcio panoramico sulla città e sono gestite da privati: ti consiglio di chiedere prima il permesso!

Io sono di parte perché adoro ammirare le città dall’alto. Ed è per questo che non mi sono persa le tappe sul colle di San Pietro (lo puoi raggiungere sia a piedi che con la nuova funicolare) e l’immenso terrazzo del Monte Castiglione. In entrambi i casi, consiglio di andare a piedi perché si percorrono delle strade molto caratteristiche e talvolta con degli scorci inaspettati sulla città.

Inoltre, raggiungendo la chiesa di Santa Maria di Nazareth potrai percorrere una scalinata del tutto particolare. Ogni venerdì Santo si svolge la via Crucis e le tappe sono segnate lungo il percorso.

La Cripta nella Chiesa di santo Stefano a Verona fra i luoghi da vedere

La Cripta nella Chiesa di Santo Stefano


Luoghi da vedere a Verona

Gli Imperdibili: il Palazzo e Giardino Giusti

A cavallo tra i percorsi Rinascere dal Cielo e Rinascere dall’acqua (sono contigui, quindi puoi concludere uno e continuare subito con l’altro) si trova il Palazzo e il relativo Giardino Giusti.

La prima volta che ci sono stata risale a quando sono andata all’ufficio delle relazioni internazionali a consegnare i miei documenti per l’Erasmus. Ho perso davvero un bel po’ di tempo a trovarlo perché piccolo e nascosto. Questo mi ha permesso di trovarmi per puro caso di fronte all’entrata del Giardino Giusti: le due entrate erano quasi attigue.

Il Giardino Giusti a Verona

Il Giardino Giusti a Verona

Luoghi imperdibili a Verona Palazzo Giusti e le stanze del Novecento

Palazzo Giusti e le stanze del Novecento

La famiglia Giusti è arrivata a Verona nel Quattrocento per aprire un’attività legata all’industria della tintura della lana. Il luogo dove sorge ora il giardino, originariamente era l’insediamo produttivo poi riconvertito in un palazzo nobiliare grazie all’architetto veronese Sanmicheli.

Il giardino si sviluppa prima nella parte pianeggiante per poi salire sul dosso dove una volta correvano le mura veronesi. Un giardino tipicamente rinascimentale che si trasforma in un folto bosco lungo le pendici della collina. In cima è possibile ammirare i tetti della città.

Ti lascio un compito: cercare il cipresso ai piedi del quale Goethe si riposò e lo citò nelle sue memorie veronesi raccolte in “Viaggio in Italia” del 1817.

Inizialmente era visitabile solo il giardino. Il piano nobile è stato aperto al pubblico solo in un secondo tempo: io ci sono entrata alla mia quarta volta al Giardino Giusti.

Nonostante sia stato costruito nel Cinquecento, l’attuale aspetto risale ai primi del Novecento. Durante il restauro del 1954 si è voluto tenere l’aspetto piuttosto kitsch di diverse sale, gusto tipico dell’epoca: può piacere oppure no ma io l’ho adorato perché amo questo periodo storico!


Luoghi da vedere a Verona

Itinerario a piedi “Rinascere dal cielo.

Tra le note di Mozart e una nave di Santi”

L’itinerario Rinascere dal Cielo si distribuisce nel quartiere Veronetta, una zona di Verona poco battuta dai turisti e per questo più autentica. Come il percorso Rinascere dall’Acqua, anche questo si trova aldilà del fiume Adige, attraversando il Ponte Navi o il Ponte Nuovo. Questo è il percorso del mio cuore. Lo ho studiato a Verona e la mia facoltà si trovava proprio in questa zona. Ed è stato un piacere poterla conoscere più approfonditamente.

Il percorso inizia con la chiesa di San Tomaso Cantuariense, la chiesa di San Paolo in Marzio e chiesa di Santa Maria del Paradiso. Si conclude con la chiesa Santi Nazaro e Celso e la chiesa di Santa Toscana, la più lontana.

Chiesa di Santi Nazaro e Celso a verona Navata Centrale

Itinerari a Verona della Minor Hierusalem: Chiesa di Santi Nazaro e Celso

La chiesa di Santa Toscana era conosciuta come la chiesa del Santo Sepolcro e collegata all’antica via Postumia che congiungeva la  via Franchigena e la via Burgidalense.

Pellegrini, viaggiatori e i cavalieri delle crociate di ritorno dalla Terra Santa, erano accolti in un ospizio gratuito gestito dagli Ospitalieri di S. Giovanni di Gerusalemme.

Nella chiesa di San Tomaso Cantuariense è custodito e ancora ben visibile l’organo usato da un giovane W. A. Mozart nel 1769.

Per quanto mi riguarda, mi sono ritrovata di fronte ad uno dei personaggi che mi hanno “perseguitato” durante l’università: Michele Sanmicheli. Un’importante architetto del Cinquecento, chiamato spesso dalla Serenissima per creare fortificazioni militari. Qua si trova la sua tomba!

Reliquiari a go go nella Chiesa di Santa Maria del Paradiso a Verona itinerari di Verona Minor Hierusalem

Reliquiari a go go nella Chiesa di Santa Maria del Paradiso

La chiesa di Santa Maria del Paradiso straborda di reliquie dedicate ai santi di varia provenienza: attenzione, il rischio di uscire sconcertati è alto! E’ stata la mia prima tappa di questo itinerario e sono rimasta meravigliata, quasi alla nausea, di tutti gli oggetti contenuti. Tanti, troppi e a volte impressionanti.

Per una persona poco credente come me, è sempre difficile comprendere appieno tutta questa devozione.


Luoghi da vedere a Verona

Itinerario a piedi  “Rinascere dalla Terra.

Verona crocevia di civiltà, storia e cultura”

Il terzo percorso è quello più semplice: l’itinerario Rinascere dalla Terra a Verona, segue il rettilineo di corso Cavour, corso Porta Nuova. Siamo in pieno centro storico veronese, un percorso che ricalca appieno l’antica via Postumia.

Le chiese sono quella di San Zeno in Oratorio, San Lorenzo, Sante Teuteria e Tosca, Sant’Eufemia, San Giovanni in Foro e San Benedetto al Monte.

 

Ingresso alla Chiesa di Santa Toscana a verona

Ingresso alla Chiesa di Santa Tosca

Questo è il percorso è quello che meno mi ha preso. Probabilmente perché l’ho fatto in un sabato pomeriggio quando c’era troppa gente e ho trovato poca assistenza da parte dei volontari. Ho avuto anche problemi a trovare le chiese stesse. Nonostante siamo in pieno centro storico, alcune di queste sono difficili da trovare perché nascoste in angoli poco visibili dalla strada principale e poco segnalate.

La stanchezza e il cattivo umore sono passati all’istante quando sono entrata nella chiesa di Sant’Eufemia. Fondata ufficialmente nel 1262 dalla nobile famiglia Della Scala, racchiude in sé diversi stili architettonici: gotico, rinascimentale e barocco.

Chiesa di Sant'Eufemia a Verona luoghi da vedere nel trekking urbano di Verona

Chiesa di Sant’Eufemia

Le basi sulle quali si erige l’edificio sono ancora più antiche: nell’Iconografia Rateriana custodita nella vicina Biblioteca Capitolare, viene mostrata una Verona del X secolo e di come fosse la chiesa originaria.

Nonostante sia stato segnalato che l’orario di apertura fosse dalle 10.00 alle 17.30, un paio di chiese le ho trovate chiuse durante la pausa pranzo. Prima di iniziare questo percorso, consiglio quindi di informarti bene sugli orari di apertura. Oppure di non farlo durante la pausa pranzo.


Luoghi da vedere a Verona

Gli Imperdibili: la Biblioteca Capitolare

Poco più distante alla chiesa di Sant’Eufemia si trova la Biblioteca Capitolare. Per tutto il tempo dei miei studi veronesi anche questo piccolo scrigno culturale è rimasto chiuso al pubblico e solo gli studiosi potevano entrare su richiesta. Poi un giorno ho ricevuto una notifica nella quale venivano proposte delle visite guidate e chiunque, su prenotazione, poteva accedervi. Alla prima occasione ne ho prenotata una ed è stata una valida occasione per conoscere una fetta di storia locale.

Chiostro del Museo Canonicale a Verona

Il bel Chiostro del Museo Canonicale – Foto @pixabay

Cos’ha di particolare la Biblioteca Capitolare di Verona?

E’ la biblioteca più antica al mondo ad essere ancora attiva ai nostri giorni: la scorsa estate ha compiuto 1.500 anni e non li dimostra.

Un’ora abbondante di visita dove la brava guida ha spiegato la sua nascita, la sua storia e cosa viene custodito al suo interno.

Per un’amante della carta stampata come me, è il paradiso: davvero tantissimi libri antichi dove è probabile che Dante Alighieri abbia studiato durante l’esilio. Sono stati consultati anche da Francesco Petrarca e da personaggi illustri durante i secoli, dato che per diverso tempo è stata tra le più importanti biblioteche (e maggiormente rifornita).


 

Luoghi da vedere a Verona

Gli Imperdibili: La Fondazione Miniscalchi Erizzo

Non tanto distante dalla cattedrale e dall’itinerario veronese Rinascere dalla Terra, si trova un altro luogo da visitare assolutamente se si vuole conoscere una Verona sconosciuta.

In un vicolo quasi anonimo e a due passi da piazza delle Erbe c’è la Fondazione Miniscalchi Erizzo.

Io l’ho visitata in una giornata feriale: ero l’unica visitatrice all’interno del museo e devo dire che la cosa non mi è dispiaciuta molto. Ho visitato in piena solitudine le 11 stanze più l’atrio e la bellissima scalinata che porta al primo piano.

L’esposizione è distribuita su un unico piano e in ogni stanza è custodito qualcosa di diverso: archeologia, libri, armature, arte sacra.

Forse quello che più colpisce sono le icone russe: che ci fanno a Verona?

Possono sembrare fuori luogo, ma l’antica nobile famiglia Miniscalchi è stata un’importante collezionista d’arte. Quando si la veneziana Marianna Erizzo sposò un rampollo di casa Miniscalchi, portò in dote con sè altre preziosità artistiche, incrementando ulteriormente la già splendida collezione! Poteva la figlia di un’importante doge veneziano arrivare al matrimonio a mani vuote?

 

Atro del palazzo Miniscalchi Erizzo

Atrio del palazzo Miniscalchi Erizzo – Fonte collegamento web diretto al sito


 

Perché seguire uno di questo 3 itinerari da percorre a piedi a Verona?

Verona è conosciuta soprattutto per piazza Brà con la sua Arena e la chiesa di Giulietta.

Nonostante sia una città di piccole-medie dimensioni, c’è una Verona sconosciuta, segreta e poco battuta, che si può scoprire percorrendo le stradi laterali!

In questa Verona fuori dai percorsi abituali, ho sempre incontrato la gente del luogo, pochi turisti, un ritmo lento, avendo l’impressione di trovarmi in un paese anziché in una città.

Sono riuscita spesso ad attaccar bottone con qualcuno perché le persone hanno il tempo e la voglia di fermarsi. Oppure, quello che piace molto a me, godermi gli odori delle vecchie case o dei luoghi di ristoro.

Le osterie migliori dove fermarsi per mangiare e bere un buon bicchiere di vino, si trovano qua: molte conosciute grazie alla mia guida personale, un mio compagno di università, che quando potevamo mi portava nei luoghi più interessanti.

Un mio consiglio? Prenditi una buona parte della giornata e non guardare l’orologio!

Arena di Verona

Una delle immagini più note di Verona: l’Arena


 

Informazioni e consigli utili sui

3 itinerari nella Verona meno conosciuta

I percorsi sono gratuiti ma è possibile lasciare un’offerta. Sono a pagamento, invece, le entrate proposte nei Luoghi che vi ho consigliato.

Ad ogni chiesa c’è un’info point dove prendere il materiale informativo. I volontari saranno contenti nell’accompagnarti all’interno della chiesa per fare da ciceroni. Una novità sono sicuramente i tablet a disposizione dei visitatori, per fare una visita ancora più approfondita!

L’ingresso alle chiese è accessibile a tutti, anche a coloro che hanno disabilità fisiche e cognitive grazie all’eliminazione delle barriere architettoniche. Nella chiesa di San Giovanni in Valle e nella chiesa di San Giorgio in Braida sono state fatte delle riproduzioni da toccare per le persone non vedenti.

I tre itinerari sono indipendenti tra di loro: potrai scegliere tu l’ordine in cui farli ma soprattutto se farli tutti (insieme o in tempistiche differenti) o solo quello che più t’attira.

In tempo di pre-covid, non serviva la prenotazione, ora invece, vi consiglio di verificare direttamente con gli organizzatori. Vi lascio la mail info@veronaminorhierusalem.it e il loro recapito telefonico +39 342 1820111

 

facciate case antiche nei vicoli a Verona

Case nei vicoli di Verona: anche questo fa parte della scoperta

Come spesso accade nel nostro Bel Paese, molti dei patrimoni culturali e delle opere d’arte più importanti si possono ammirare all’interno delle chiese disseminate sui nostri territori. Ciò le rende ovviamente dei luoghi da visitare anche per chi non è religioso, o per chi appartiene ad altri credi religiosi.

Se vi stavate quindi chiedendo cosa vedere a Verona oltre i luoghi più noti, qui troverete le indicazioni che cercavate.

E di luoghi fuori dall’ordinario da vedere, ne scoprirete davvero tantissimi!

Ringrazio naturalmente Katia e il suo blog “Il Miraggio”, per averci condiviso tutta questa grande bellezza, in foto e parole, e vi aspetto al prossimo “Spunto di Viaggio”.

Mimì


Dove si trovano su Google Maps i luoghi di Verona che abbiamo indicato:
I Quartieri di Verona

 

Se volete continuare a scoprire i luoghi più belli del Veneto, potete continuare a navigare su questo sito per visitare la Cappella degli Scrovegni a Padova il grande capolavoro di Giotto a Padova! Perchè di Patrimoni UNESCO e grandi capolavori, il nostro Paese non manca certamente!

La Cappella degli Scrovegni a Padova: il capolavoro di Giotto

You may also like

8 comments

Avatar
Babi| Wanderlust in Travel 9 Aprile 2021 - 23:48

Mimì i tuoi articoli sono sempre illuminanti!
io ho perso il conto delle volte che sono stata a Verona e ogni volta rimango affascinata da questa città, che a mio avviso, è una delle più belle d’Italia.
Confesso però che non conoscevo questi itinerari, e sono davvero stupendi! Me li salvo per la prossima visita!

Reply
Avatar
Katia 10 Aprile 2021 - 17:20

Babi, sono contenta che il mio racconto ti sia piaciuto e di averti dato nuovi spunti per visitare Verona con nuovi occhi! Se hai bisogno di ulteriori informazioni non farti problemi a contattarti!

Reply
Mimì
Mimì 11 Aprile 2021 - 1:09

Ciao Babi!
Verona è una città che resta nel cuore! Sa affascinare in mille modi poi! Felice che gli itinerari ti siano piaciuti! Un caro abbraccio

Reply
Avatar
Katia 10 Aprile 2021 - 17:21

Grazie Domenica per avermi ospitato e dato la possibilità di raccontare degli itineri ai quali sono molto legata!

Reply
Mimì
Mimì 11 Aprile 2021 - 15:02

Grazie mille a te carissima per averci condiviso tutta questa immensa bellezza nascosta di Verona!
A presto!
Mimì

Reply
Avatar
Eliana 11 Aprile 2021 - 11:13

Sono stata a Verona nel 2019 e me la sono gustata da cima a fondo: ho visitato quasi tutti i luoghi che hai descritto nell’articolo e, con l’aiuto dell’Ufficio IAT di Verona, ho scoperto perle rare e meravigliose come il Giardino Giusti o il Museo di Storia Naturale. Che dire, Verona è splendida e ci tornerei mille volte.

Reply
Mimì
Mimì 11 Aprile 2021 - 14:58

Ciao Eliana! E’ vero: Verona è una di quelle perle d’Italia che vale la pena visitare più volte! Ogni volta si possono scoprire aspetti diversi e sempre nuovi, scorci e paesaggi urbani fantastici, oltre a chiese, monumenti e testimonianze artistiche di grande valore!
Ci torneremo ancora!
A presto!
Mimì

Reply
Avatar
Francesca Minnella 16 Aprile 2021 - 16:57

Che articolo bellissimo! Quante altre cose bellissime mi hai dato da scoprire a Verona! Le devo aggiungere subito alla mia Pin Map.
Ci sono già stata a Verona per un mesetto ed è bellissima, soprattutto lo Spritz ad 1/2€. Ma ora mi hai dato tante buone ragioni storiche e sacre per tornarci. Grazie 🙏

Reply

Leave a Comment

Don`t copy text!