Home ASIA Itinerario di viaggio a Bali: cosa vedere e fare nel cuore dell’Isola degli Dei

Itinerario di viaggio a Bali: cosa vedere e fare nel cuore dell’Isola degli Dei

by Mimì
Itinerario a Bali isola degli Dei tempio di Pura Ulun Danu Bratan

Il cuore di ogni Viaggio è la scelta dell’itinerario più adatto alle proprie esigenze e quindi, la fase dell’organizzazione del mio Itinerario di Viaggio a Bali, ha rappresentato il momento più creativo della pianificazione delle tre settimane sull’Isola degli Dei! Meno problemi ho avuto nell’organizzare la sequenza delle cose da vedere e fare a Bali, visto che c’ero già stata, ma ho anche voluto rivederli, visto il grande lasso di tempo trascorso!

 

Itinerario a Bali alla scoperta degli Dei e demoni dell'Isola degli Dei - spuntidiviaggio

Cosa vedere e fare a Bali -Maschere di Dei e demoni, Storie e leggende, armonia fra Bene e Male che danzano! – la Magia di Bali!


 

Bali, isola nata da acqua e da fuoco, isola di miti e leggende avvolta nel verde della sua esuberante vegetazione tropicale e bagnata da un mare dalle mille sfumature, accoglie i Viaggiatori con i suoi oltre 20.000 templi sparsi sul suo territorio, dove uomini e Dei s’incontrano, per dare vita a una spiritualità che si può percepire in ogni più piccola vibrazione.

 

Bali - Pura Lempuyang: I mille colori dell'Isola degli Dei

Cosa vedere a Bali – Pura Lempuyang: I mille colori dell’Isola degli Dei

 


itinerario a Bali alla scoperta dei suoi templi - spuntidiviaggio

Cosa vedere a Bali- Templi per gli Dei e gli Uomini


Itinerario di Viaggio a Bali

ed emozioni per un ritorno

L’Isola di Bali, che già avevo avuto modo di visitare 24 anni prima, possiede un fascino misterioso che sa incantare sempre, malgrado il trascorrere del tempo! Ritornarci è stata una bellissima riscoperta!

Credetemi, non esiste luogo al mondo che possa coinvolgere con la sua Bellezza e la sua Cultura Artistica, come l’Isola di Bali! Nell’isola degli Dei, la Cultura e le varie forme di espressioni dell’Arte, sono profondamente legate al lato spirituale: nemmeno il trascorrere del tempo e la globalizzazione sono riusciti a trasformare questa Armonia!

L’induismo, l’animismo e le leggende, qui convivono pacificamente e si sono mescolate fra loro dando vita a quella unicità che in tanti cercano in un Viaggio a Bali.

 


Itinerario a Bali - Le risaie terrazzate sono Patrimonio Culturale UNESCO

Cosa vedere a Bali  -Le risaie terrazzate: Patrimonio Culturale UNESCO


Itinerario di Viaggio a Bali

fra Storia, miti, leggende

e  … Natura prorompente!

Questo mio Itinerario di Viaggio, è nato rivoluzionandone uno precedente, considerato che il risveglio del Vulcano Gunung Agung, montagna Sacra agli Dei ed al popolo balinese, aveva consigliato le autorità locali di interdire alle popolazione ed ai Turisti, a scopo precauzionale, l’accesso alle località in un raggio di 12 Km dal cratere.

Abbiamo rinunciato a diversi luoghi che avremmo voluto visitare stavolta, ma non abbiamo rinunciato al viaggio a Bali, che per me è stato un ritorno, mentre per Peter ha rappresentato una nuova destinazione da vivere !

In tre settimane abbiamo avuto modo di visitare con calma  molte località di questa Isola, ma vi assicuro che parecchie altre ci aspettano. Saranno la valida motivazione per un terzo viaggio!

Itinerario a bali - Templi a Bangli

Cosa vedere a Bali – i Templi a Bangli

Il mio Itinerario di viaggio di tre settimane a Bali, inizia dall’aeroporto di Milano Malpensa con un volo della Emirates via Dubai, verso lo Ngurah Rai International Airport di Denpasar.

Tutto un altro Aeroporto rispetto a quello di 24 anni prima!   :-)


Itinerario a Bali - giardini del nostro Hotel a Ubud

Itinerario di Viaggio a Bali  -I giardini del nostro Hotel a Ubud – Oasi di Pace e serenità


 

Ubud – Il cuore spirituale e culturale dell’Isola di Bali

 

Lasciamo l’Aeroporto di Denpasar e l’inevitabile “caos di smistamento” fra taxi e guide, presenti per accogliere i Turisti, dirigendoci subito verso Ubud con il nostro Driver della “parte in movimento” del nostro Itinerario a Bali!

Ho lasciato in quel momento i “Ricordi” del mio precedente Viaggio nell’Isola degli Dei, per permettere ai nuovi di fare capolino ed integrarsi in Armonia con i precedenti! Molte persone decidono infatti di non tornare a Bali, per  paura di cancellare i bei ricordi dell’Isola “del tempo che fu”!

Niente di più sbagliato Amici: per quanto indubbiamente l’Isola si sia “trasformata” rispetto a 10, 20, 30, 40 anni fa, è sempre possibile ritrovarla nella sua essenza più vera e profonda, attraverso la sua gente ed i loro gesti consueti ed armonici, nei profumi che si diffondono nell’aria e che inebriano la mente e l’anima, nella sua profonda spiritualità che si rivela attraverso i riti, le danze o nei suoni dei gamelan.

Lascio da parte le considerazione sul tema dello Sviluppo Turistico in questa Isola, che mi porterebbero ad effettuare delle valutazioni sul Turismo Sostenibile e Responsabile a Bali  lontane dall’argomento di questo Post, dedicato all’ Itinerario sull’Isola degli Dei. 

Magari potremmo parlarne nei commenti:  a voi la scelta!

A coloro che si recano a Bali per la prima volta però, non posso che consigliare come prima tappa di soffermarsi nella cittadina di Ubud qualche giorno,  per iniziare a conoscere il senso spirituale ed artistico dell’isola, ma anche le sue contraddizioni!

A Ubud ci siamo fermati per 6 notti, alloggiando nel piccolo e  tranquillo “Y Resort Ubud situato nel villaggio di Penestanan,  distante pochi minuti a piedi dal centro di Ubud.

Cinque giorni pieni, per viverne la sua essenza di bellezza e la sua realtà attuale, anche attraverso le visite nei suoi dintorni. Perché Ubud era ed è il cuore pulsante dell’Isola di Bali, in ogni senso!

L’ Y Resort è un Hotel a dimensione d’uomo.

Odoroso di frangipani, pulito, economico, immerso nella bella vegetazione e con tutti i confort (piscina inclusa!), che servono a chi in albergo, ci rientra solo per dormire!

Ottime le prime colazioni, con spremute e frutta fresca tropicale da fare il bis. Una nota di merito va anche alle composte di frutta preparate dei proprietari, nelle quali il sapore del fresco prevale su tutto! Il Nasi Goreng che qui cucinano poi, è davvero strepitoso!

Il primo dei cinque giorni a Ubud, lo abbiamo  trascorso “a modo nostro”, senza pianificare nulla, ma perdendoci per le stradine della cittadina, girovagando per i negozietti in centro, curiosando per le bancarelle del mercato e nelle sue gallerie artistiche del centro.

Merita di essere visitato il Blanco Renaissance Museum (chiamato anche Don Antonio Blanco Museum).

Posto sulla collina che domina la rigogliosa valle di Campuhan, è stato nel contempo casa e studio di Don Antonio Blanco, eclettico artista e viaggiatore nato nelle Filippine vissuto proprio qui con la moglie, famosa danzatrice balinese,  e la famiglia.

Questo Museo, accoglie nei suoi luminosi spazi, dipinti, collage e opere litografiche appartenute al Maestro Blanco, definito da molti il “Dalì di Bali”!

Itinerario a Bali -Statue di danzatrici balinesi sulle terrazze del Museo Don Antonio Blanco a Ubud

Itinerario di Viaggio a Bali  -Statue di danzatrici balinesi  nel Museo Don Antonio Blanco a Ubud

Con il biglietto d’ingresso ti sarà offerto anche un drink di benvenuto fresco e l’accesso alle gallerie, al suo vecchio studio, ai giardini e al tempio di famiglia.

L’entrata nella sala principale della casa-museo ti catapulta in immensa sala di marmo interamente rivestita con opere d’arte dell’artista.

Da visitare anche:

  • il suo studio, dove troverete l’ultimo dipinto incompiuto ancora posto sul cavalletto;
  • i locali dove Blanco ha abitato;
  • gli splendidi giardini tropicali dove fare la conoscenza con pappagalli, tucani e altri uccelli esotici.

Soffermatevi poi ad ammirare i panorami dalla terrazza del Museo con le belle statue di ballerine dorate e lo stravagante esterno dell’edificio. Ne resterete affascinati!

Museo Don Antonio Blanco a Ubud- Lo studio dell'artista

Itinerario di Viaggio a Bali  -Museo Don Antonio Blanco a Ubud- Lo studio dell’artista

Perchè vi consiglio di inserirlo nel Vostro Itinerario di viaggio a Bali

Questo Museo è fuori dai “soliti Itinerari” ad Ubud!

Vale la pena trascorrervi almeno una mezza giornata per meglio comprendere come, gli artisti provenienti da tutto il mondo fermandosi nell’isola di Bali, abbiano assimilato e mescolato le forme artistiche e creative dell’Isola, con quelle di propria provenienza.

Da Walter Spies ai giorni nostri, passando dalla designer Linda Garland, soprannominata la regina del bambù. 

A Ubud tutto è arte e gli stessi balinesi, amano dipingere, creare i batik, intagliare il legno, cesellare l’argento, suonare nelle orchestre dei Gamelan e danzare! 

 

Itinerario a Bali -La Puja nella Monkey Forest vicino a Ubud

Cosa vedere e fare a Bali – Preparazione della Puja in un Tempio nella Monkey Forest


Il mio Itinerario di Viaggio a Bali: 

 I segreti delle Danze balinesi

Sull’ Isola di Bali potrete assistere a molte performance teatrali danzate, però lo spettacolo delle Danze Barong e Keris di Batubulan, nel Tempio di Pura Desa Singapadu, rimanngono quelle più affascinanti e di grande interesse culturale!

Vi consiglio di leggere il libro ”Dance and Drama in Bali” di Walter Spies, prima di partire, per comprendere il simbolismo di questa “rappresentazione teatrale”, accompagnata dai suoni e dalle danze balinesi.

Nel tempo, le rappresentazioni Barong e Keris, hanno mantenuto le proprie caratteristiche identitarie, malgrado l’enorme pressione turistica, acquisendo la capacità di comunicare e rappresentare gli elementi culturali simbolici dell’Isola degli Dei, a noi profani.

Nella sua essenza più profonda e quotidiana, una danza tradizionale balinese rimane una Danza per gli Dei, ricordiamocelo bene!

Lo spettacolo della danza Barong rappresenta l’eterno scontro fra il bene ed il male, tra Barong (la virtù) e Rangda (la strega).

Nella parte finale della rappresentazione anche gli uomini balinesi, con il loro keris – il pugnale tradizionale – tenteranno di sconfiggere Rangda, che rivolgerà contro di loro la forza della sua perfida magia.

Barong riesce a salvare i balinesi, rendendoli invulnerabili alle affilate punte dei propri pugnali, riportando la pace nel villaggio, e costringendo Rangda a scappare nascondendosi nella foresta.

Anche questa è l’essenza di Bali e della sua cultura: un luogo dove la gente crede fermamente che, per avere nel mondo reale armonia ed equilibrio, ci sarà bisogno sempre del Male e del Bene!

Giova anche ricordare che la danza Barong, insieme alla Legong e alla Kecak sono state riconosciute dall’ UNESCO quali Patrimoni Culturali Intangibili dell’Umanità, “The Intangible Cultural Heritage of Humanity” di cui fanno anche parte l’arte indonesiana del Batik e gli spettacoli delle Marionette.

 

Ma di cose da fare e da vedere ad Ubud ve ne sono tante e di imperdibili!

Di seguito vi riporto alcune indicazioni e consigli Utili!

  • Visitate l’Ubud Palace con le sue tipiche architetture balinesi, per iniziare a familiarizzare con gli stili dell’Isola;
  • Fermatevi al Museum Puri Lukisan, al Neka Art Museum o al Agung Rai Museum of Art, per ammirare l’esposizione di opere artistiche balinesi e di artisti occidentali;
  • Deliziatevi dei colori e dei profumi dei mercatini e bancarelle di frutta, perdendovi nei vicoletti che vi faranno scoprire mille gallerie d’arte;
  • Scoprite la tradizione gastronomica balinese, partecipando ad un corso di cucina o degustando le pietanze tipiche nei tanti ristorantini e warung che qui potete trovare. Fra i tanti vi consiglio di non perdervi una serata al Three Monkey, una cena balinese doc al Lemongrass Warung, un pranzo con vista sul Fiume Uos al Murnis Warung, mentre se volete degustare il maialino, provate l‘Ibu Oka! Ed in ogni caso, niente male anche molti altri warung nella zona di Penestan, e lo stesso ristorantino dell’Hotel Y Resort;
  • Provate l’ottimo Caffè Balinese che non vi farà rimpiangere il caffè italiano o un ottimo succo tropicale fresco, in uno dei mille bar nel centro di Ubud;
  • Trascorrete una serata all’ Art Cafe Bar, per ascoltare della Musica dal vivo.

Itinerario a Bali -Artigiani del legno nel villaggio di Mas

Itinerario di Viaggio a Bali  – Artigiani del legno nel villaggio di Mas

 


Itinerario di Viaggio a Bali  –

Cosa vedere a Ubud e dintorni:

Luoghi e momenti da vivere!

 

Di cose da fare e da vedere a Ubud e dintorni ve ne sono tante e imperdibili, fra templi, piantagioni di caffè, terrazze di riso, tè e spezie, villaggi di artigiani, fiumi e cascate.

Da Ubud, seguendo quella che viene definita “la Via degli Artigiani”, vi consiglio di visitare i villaggi specializzati nei diversi tipi di artigianato, in modo da poter portare a casa dei souvenir autentici dall’Isola di Bali. Unica regola è contrattare per spuntare un buon prezzo!

Nel villaggio di Mas, potrete assistere a momenti di raffinata arte dell’intaglio del legno da parte degli abili artigiani locali.

Qui abbondano le sculture, le maschere, i mobili realizzati in legnami preziosi e rari! Peter ed io ne abbiamo approfittato per acquistare delle splendide maschere tradizionali raffiguranti il dio Ganesh e Garuda.

Batubulan è invece il villaggio specializzato nella scultura della pietra, Celuk in quello della lavorazione dell’argento e dell’oro.

Oramai, in ogni villaggio troverete negozi o piccoli centri produttivi dove si realizzano su seta, cotone o lino i celebri batik con i disegni tradizionali balinesi, un ricordo immancabile da ogni viaggio a Bali.

La tecnica batik, utilizzata da millenni, prevede l’uso di cere naturali, di un canting (tjanting), un piccolo serbatoio metallico che conterrà il colore da riportare sulla stoffa cerata e, da tanta artigiana maestria!

Ammirare la realizzazione di un batik, equivale ad assistere alla realizzazione di un’opera d’arte!

Acquistare un quadro, una stoffa o un foulard così realizzati, sono sicura che vi trametterà una emozione particolare!

Itinerario a Bali _ dimostrazioni di Arte Batik

Assistere alla lavorazione di un Batik a Bali: ecco una cosa da non perdere assolutamente!


 

Itinerario di Viaggio a Bali

alla scoperta dei Templi e della natura da Ubud

In quest’articolo non mi soffermerò nella descrizione di dettaglio dei singoli templi, ma vi fornirò un quadro d’insieme, che vi permetta di poter scegliere e visitare, quello che più sentite nelle vostre corde!

The Sacred Monkey Forest Sanctuary – La Sacra Foresta delle Scimmie di Ubud è un luogo sacro agli hindu balinesi e può essere nei fatti considerata la casa dedicata ai macachi dell’Isola.

Nel suo vasto interno vi sono bacini d’acque, fiumiciattoli e tre aree adibite a templi, il Pura Da lem Agung, il Pura Beji e il Pura Prajapati, che in genere non sono aperti ai turisti.

Le simpatiche scimmiette sono considerate sacre, quindi prendete attentamente visione dei Consigli forniti per la visita sul sito web ufficiale della Sacred Monkey Forest.

Affittate un sarong per coprirvi le gambe (si tratta di un’area sacra) e soprattutto, ponete attenzione agli occhiali e agli zaini che potrebbero essere oggetto della loro “tremenda curiosità”!

 

 

Una Curiosità per Noi Viaggiatori che amiamo l’Ambiente – Dovete sapere in questa Foresta, non solo le scimmie sono sacre, ma anche gli alberi!

Le maschere prodotte con il legno di questi alberi, non prevedono l’abbattimento degli stessi!

Ogni albero incarna lo spirito della foresta. Dal sacerdote viene scelto il giorno propizio per chiedere il permesso allo spirito dell’albero di tagliare un pezzetto del suo legno.

Così facendo lo spirito rimane nella maschera che sarà realizzata e questa, verrà utilizzata solo all’interno del tempio.

Fra religiosità, miti e leggende, un insegnamento sullo “Spirito della Terra” che faremmo bene a fare nostro!

 


 

Cosa vedere a Bali

Le risaie di Tegalalang

Le risaie terrazzate di Tegalalang, sebbene prese d’assalto da turisti e viaggiatori, offrono uno spaccato da vera cartolina della bellezza mozzafiato di questa Isola!

Interamente percorribili a piedi giungendovi dal villaggio di Tegalalang, i terrazzamenti offrono una visione spettacolare di quel Paesaggio culturale della Provincia di Bali, insignito dall’UNESCO del titolo di Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 2012.

Si tratta di un sistema di gestione integrata delle acque e dell’irrigazione nelle risaie, che prende il nome di Subak, meglio osservabile nelle risaie terrazzate di Jatiluwih.

Il terreno, le piante di riso e l’acqua nel subak, sono legati al potere di Dewi Sri, la dea della fertilità e della prosperità.

Le attività umane e religiose collegate all’Organizzazioni del Subak stesso, gestiscono non solo la distribuzione dell’acqua, ma anche gli aspetti sociali e religiosi della comunità.

L’UNESCO nel riconoscere il subak, ha quindi riconosciuto il sistema che riflette il concetto filosofico e culturale del Tri Hita Karana, nel quale il regno dello spirito, del mondo umano e della natura, convivono in Armonia.

Ma questo è possibile solo a Bali mi sa! :-)

 


risaie di Jatiluwih

Itinerario di Viaggio a Bali ; cosa vedere – le splendide risaie terrazzate di Jatiluwih

 

 


 

Il Tempio di Goa Gajah – E’ il Tempio/Santuario che più avevo amato nel primo viaggio a Bali e ritornando, mi ha ancor più coinvolta, grazie alla magia ed i colori dei riti della Puja di Ottobre!

L’accesso alla “Grotta dell’Elefante”, altro nome con il quale questo complesso induista è conosciuto nel mondo, ha la forma ed i connotati demoniaci della bocca della divinità hindu Bhoma, mentre al suo interno troverete diversi altari e una statua di Ganesha.

Il Santuario di Goa Gajah è un insieme gioioso e coinvolgente di templi, piscine e fontane sacre, statue, alberi millenari angoli e padiglioni ove si prega, si accolgono le benedizioni, si preparano le colorate e profumate offerte agli dei (i canang sari), accompagnati dai suoni dei gruppi dei gamelan.

Ma questo Tempio vi saprà stupire ancor di più se visitate il bellissimo parco – giardino – oasi di Pace, a cui si accede attraverso una scalinata: qui lo spettacolo della Natura è davvero un trionfo che ben si sposa con le origini buddhiste di questa parte del sito! 

Assolutamente da non perdere!

Il Tempio-Santuario di Goa Gajah, nota anche come Grotta dell'Elefante

Cosa vedere a Bali-Il Tempio-Santuario di Goa Gajah, nota anche come Grotta dell’Elefante

 


 

Il Tempio di Tirta Empul – La Sorgente d’Acqua Sacra

Il Tempio di Tirta Empul è stato costruito intorno a tre bacini che raccolgono le acque provenienti da una sorgente considerata sacra e curativa, dai fedeli balinesi di religione hindu, perché si racconta che siano state create dal Dio Indra.

Il complesso templare del Tirta Empul e delle sue sorgenti, sono ritenuti dalla popolazione balinese, fra i più sacri dell’Isola

Negli elementi di architettura tipica di quest’area spiccano la “Candi Bentar”, le grandi porte di pietra preziosamente lavorate, presidiate dalle statue dei Dwarapala, i guardiani.

I fedeli hindu balinesi, ma anche i turisti ohibò, cercano la “purificazione” immergendosi nelle acque sorgive che sgorgano attraverso trenta getti nella “Jaba Tengah”.

Itinerario a Bali -Il Bagno della purificazione al Tempio di Tirta Empul

Cosa vedere e fare a Bali -Il Bagno della purificazione al Tempio di Tirta Empul

 


 

Non preoccupatevi, non vi sto scrivendo un trattato su tutti i 20.000 Templi o su ogni punto in cui soffermarvi a Bali, anche se la tentazione è davvero grande!

Il senso di tutto questo, risiede nel farvi comprendere che non basta una settimana per conoscere lo splendore di questa Isola e, che fra le cose da fare o da non perdere in ogni Itinerario a Bali, metterei tutte le esperienze intangibili che scaturiscono dall’incontro con la sua Cultura, la sua splendida Natura, le sue tradizioni e le espressioni artistiche e religiose.

L’Isola degli Dei è una destinazione molto ricca spiritualmente.

La sua straordinaria bellezza naturale, le maestose montagne, i vulcani, le spiagge, ma anche la vibrante cucina locale, l’ospitalità della sua gente, i mestieri legati all’artigianato e così via, qui interagiscono con le divinità a tutto tondo!

Un invito quindi a non fare semplicemente un lungo elenco di templi o luoghi da vedere, ma di comprendere quali sono gli aspetti di questa Isola, dai quali volete davvero farvi coinvolgere e nei quali vi volete immergere.

Sempre facendo base a Ubud, il mio Itinerario a Bali è quindi proseguito a coglier altri aspetti del vissuto locale come a Batuan, dove ci siamo soffermati per visitare e conoscere una vera casa balinese nella quale non mancherà mai un piccolo tempio familiare dove fare le offerte agli Dei!

Se volete conoscere meglio diversi gli aspetti della Vita di questa Isola, vi consiglio poi di fare un salto verso la sua costa Est per visitare il villaggio di Kusamba, nella regione di Klungkung, dove si è mantenuta la pratica tradizionale della produzione del sale, ma sarà anche l’occasione per visitare il villaggio Tenganan in cui vive la tribù di Bali Aga e il tempio della grotta dei pipistrelli, il Pura Goa Lawah.

Nel villaggio di Tenganan, lo stile di Vita degli abitanti è improntato a su rigidi codici di regole, usanze e comportamenti isolazionisti, che li rende diversi dal resto dei villaggi e della popolazione di Bali. Gli Aga si considerano i primi abitanti di Bali ed il loro Villaggio è stato dichiarato monumento nazionale.

Di questi  aspetti a breve scriverò un ulteriore articolo di approfondimento: per ora date uno sguardo alle foto che lì ho scattato e … Lasciatevi Ispirare!


Il mio Itinerario di Viaggio a Bali – Scene di Vita quotidiana fra i “Bali Aga”, nel villaggio di Tenganan

 

 


Luoghi da non perdere in un Itinerario a Bali, ovunque alloggiate nell’Isola e di cui vi scriverò in modo più approfondito in un articolo ad hoc:

  • Le splendide risaie terrazzate di Jatiluwih, Patrimonio UNESCO), delle cui particolarità culturali vi ho già scritto, parlando delle risaie terrazzate di Tagalalang. La loro caratteristica principale è quella di essere meno prese d’assalto dai turisti rispetto a quelle di Tegalalang e quindi qui potrete godervi la vera atmosfera rurale dell’Isola di Bali.
  • Il Pura Luhur Batukau – uno splendido tempio direzionale ubicato sul pendio del Monte Batukaru vicino a Tabanan;
  • Il Tempio Kehen – bellissimo tempio indù situato nella provincia di Bangli;
  • Il villaggio di montagna di Bedugul con vista mozzafiato sul lago Beratan;
  • La visita al tempio di Pura Ulun Danu Bratan – bellissimo tempio iconico dell’Isola di Bali costruito sul bordo del Lago Bratan, dedicato alla dea dell’acqua Dewi Danu;
  • I paesaggi ricchi di fascini ed energia del Monte Batur (in realtà si tratta di un vulcano, per giunta attivo) e sul Lago Batur, nella zona di Kintamani;
  • Pura Tanah Lot – L’altro tempio iconico dell’Isola di Bali, contornato da mille leggende, ma anche da tanti turisti, soprattutto all’ora del tramonto. Visto che nel primo Viaggio lo avevo ammirato al tramonto, stavolta ho preferito godere della sua vista di mattina. Il mio parere è che è bello a qualsiasi ora: andateci in ogni caso,  con qualsiasi tempo e a qualsiasi ora!
Itinerario a Bali - L'iconico Tempio di Pura Tanah Lot a Bali!

Tappe imperdibili di ogni itinerario di Viaggio a Bali – L’iconico Tempio di Pura Tanah Lot a Bali!

Itinerario a Bali -Preghiere nel Tempio di Pura Luhur Batukau

Tappe imperdibili di ogni itinerario di Viaggio a Bali – Preghiere nel Tempio di Pura Luhur Batukau

al tempio di Pura Ulun Danu Bratan

Itinerario a Bali le risaie terrazzate di Tegalalang a Bali, cosa vedere nell’Isola degli Dei


Itinerario a Bali -Il magico tramonto sull'Oceano a Uluwatu

Tappa imperdibile di ogni itinerario di Viaggio a Bali -Il magico tramonto sull’Oceano a Uluwatu

Il mio Itinerario di Viaggio a Bali:

Da Ubud a Jimbaran alla

scoperta degli Dei del mare!

Cose da vedere e da fare sull’Isola di Bali

Dopo quasi una settimana di soggiorno al campo base di Ubud ed aver visto (o rivisto nel mio caso!) mille luoghi magici, ci siamo trasferiti per tre notti a Jimbaran.

Immancabile la “sosta” al Tempio di Pura Luhur Uluwatu per assistere a due spettacoli irrinunciabili ed iconici di ogni viaggio a Bali: l’indimenticabile tramonto sull’Oceano dalla scogliera di Uluwatu ed il magnifico spettacolo della Danza tradizionale Kecak.

La spettacolare “danza delle scimmie”, è basata sulla rappresentazione teatrale del poema epico del Ramayana, la cui particolarità è quella dell’assenza di musica, sostituita dal canto del coro poliritmico di uomini, che per oltre un’ora in cerchio ripetono ritmando ossessivamente con la voce, le braccia e le mani, il suono della parola “kak”.

Itinerario a Bali - Momenti di Danza Kekak a pura Uluwatu

Cosa vedere e fare a Bali  – Momenti di Danza Kekak a pura Uluwatu

 


Perché fermarsi qualche giorno a Jimbaran?  Presto detto!

Questa zona offre belle spiagge e ottime occasioni per gustare indimenticabili tramonti sorseggiando un buon drink seduti su morbidi e colorati cuscini sulla spiaggia, oppure gustare una altrettanto indimenticabile cena indonesiana doc a base di pesce freschissimo seduti nei tavolini dei warung o dei ristoranti posizionati sulla morbida spiaggia di Jimbaran Beach, fronte mare!

Il pesce fresco lo sceglierete voi, a secondo della vostra fame e dei vostri gusti e vi verrà servito grigliato alla perfezione, accompagnato da riso e verdure grigliate.

Fra i tanti ristorantini sulla spiaggia noi abbiamo cenato nei warung Roma e al Bagus Cafè.

Vi consiglio di provare assolutamente l’esperienza di una cena romantica a bordo spiaggia, con il rumore delle onde e il suono di gamelan in lontananza come compagni!

Scegliete dove fermarvi tenendo conto che i warung qui sono organizzati in tre zone: quelli dedicati agli abitanti del posto, molto economici, quelli dedicati ai turisti, molto Glamour e costosi e quelli di mezzo, dove il pesce e l’ottima Birra Bintang “scorrono a fiumi” e i frequentatori qui sono sia Turisti  che gente del posto!

Per noi Jimbaran è stata anche l’occasione per trascorrere delle belle serate con alcuni nostri Amici conosciuti su Facebook, che quasi ogni anno scelgono Bali come meta delle proprie vacanze e che oramai la considerano casa propria!

Maurizio e Rosa sono stati davvero un’ottima e piacevole compagnia di alcune giornate nel corso del nostro Itinerario a Bali: abbiamo fatto tesoro dei loro consigli e dritte!

Anche questa è un’occasione per dirgli Grazie per l’Amicizia, per la bellissima compagnia, per le foto scattate a vicende tra fragorose risate, per l’ottimo Arak (una sorta di grappa locale ottenuta dalla fermentazione del riso o della palma) che insieme abbiamo gustato e per mille altre cose!

 

Anche questa è la “Magia di Bali”!

Itinerario a Bali - Tramonto sulla spiaggia di Jimbaran

Itinerario di Viaggio a Bali  – Uno splendido tramonto sulla spiaggia di Jimbaran

Itinerario di viaggio a Bali - La spiaggia di Jimbaran

Tappe imperdibili di ogni itinerario di Viaggio a Bali – La spiaggia di Jimbaran


Itinerario a Bali - La bella spiaggia di Mangrove Point a Nusa Lembongan

Cosa vedere a Bali -La bella spiaggia di Mangrove Point a Nusa Lembongan


La meta “diversa” nel mio

Itinerario di viaggio a Bali –

Da Jimbaran a Nusa Lembongan

alla ricerca del Paradiso perduto

 

Nusa Lembongan è una isoletta poco lontana dalle coste di Sud-Est della vicina Isola di Bali la cui attrattiva più importante è quella di mantenere il fascino di una località ancor poco conosciuta, da scoprire!”

Non si tratta di una frase famosa ma delle prime frasi collegate al mio Articolo dedicato a questa Isola e al perchè la ho scelta come alternativa alle Isole Gili.    Un Articolo nel quale potrete trovare consigli e dettagli utili su cosa fare e cosa vedere a Nusa Lembongan,  ma anche per capire se questa è l’isola che fa al caso Vostro!

La scelta di recarci a Nusa Lembongan è nata dalla ricerca di un luogo che potesse regalarci quegli attimi di Relax e Benessere.

Un viaggio, per quanto mi riguarda, è fatto dal contatto con la gente del posto, dai momenti di conoscenza della cultura e delle tradizioni locali, oltre che dalla scoperta di aspetti paesaggistici e naturalistici.

 

 

Siamo rimasti 7 notti a Nusa Lembongan, alloggiando al Bay Shore Huts sulla bella Baia del Tamarindo nelle immediate vicinanze di un villaggio di pescatori: un Villaggio tradizionale nel quale la Vita scorre lenta, a dimensione d’Uomo, scandita dal ritmo delle maree! 

Le “Capanne” sono davvero splendide e ben si conciliano con chi è alla ricerca di momenti di tranquillità e vuole davvero assaporare le emozioni e la magia che l’Isola di Bali sa donare!

Perché qui a Nusa Lembongan, ho ritrovato l’essenza più bella e più vera dell’Isola di Bali, in ogni sfumatura della sua Natura e nella semplicità dei gesti di un popolo che ti parla con un sorriso e gesti gentili, che racchiudono la magia di questa mistica terra!”

Una Esperienza che è stata anche Emozione e ulteriore conferma che un #ViaggionelViaggio a Bali  è possibile anche 25 anni dopo il primo, senza subire alcuna delusione: basta solo cercarlo con consapevole semplicità!

Il Ponte Giallo fra Nusa Lembongan e Nusa Ceningan

Itinerario di Viaggio a Bali  – Il Ponte Giallo fra Nusa Lembongan e Nusa Ceningan


Da Nusa Lembongan a Sanur per dire  … “Arrivederci Bali”!

E da Nusa Lembongan la splendida Isola degli Dei, ci ha deliziati ancora tre giorni con i suoi favolosi colori a Sanur!

Per tre notti abbiamo soggiornato al Prama Sanur Beach Resort,  un ottimo Hotel ubicato sulla lunga spiaggia sabbiosa di Sanur Beach, bordata da alte palme e bagnata da uno splendido oceano !

Questo splendido centro non distante da Denpasar, un tempo era un villaggio di pescatori e di bramini hindu!

Oggi Sanur è nota per i suoi raffinati Hotel, per la sua splendida “Sanur Beach”, che oltre alla spiaggia e ad i locali che qui troverete, offre una chilometrica passeggiata ciclo-pedonale in riva al mare, una lunga serie di negozietti, market, bancarelle ed empori, per fare shopping!

Itinerario a Bali - Spiaggia di Sanur Beach

Una tappa dell’Itinerario di Viaggio a Bali  – La bella spiaggia di Sanur Beach


Gli ultimi tre giorni del nostro Itinerario di viaggio a Bali, li abbiamo dedicati quindi a goderci in relax la sua lunga spiaggia, le passeggiate, gli aperitivi serali in riva al mare ascoltando ottima musica jazz, ma anche per “perderci” per le strade e stradine di Sanur, scoprire anche qui i templi ed architetture balinesi, fare dell’ottimo ed economico shopping, gustare gli ottimi piatti della cucina indonesiana – balinese ma anche i buonissimi gelati e incontrare gli amici italiani a Bali, che qui hanno messo radici, da Expat around the World!

La vita in spiaggia in riva al mare qui è sonnecchiosa e tranquilla anche se varia: il tratto di spiaggia che vi consiglio per la balneazione o per trascorrere la giornata, oltre a quello antistante il nostro Hotel, è la spiaggia dell’ex Hyatt, una storica struttura con favolosi giardini in fase di ricostruzione/ristrutturazione.

La spiaggia qui è davvero bellissima e potrete approfittare di un piccolo chioschetto, gestito da alcuni ex dipendenti dell’Hyatt, che hanno attrezzato con sdraio ed ombrelloni questa zona del litorale e che vi offriranno anche la possibilità di prenotare un piccolo pasto o di bere qualche drink all’ombra del vostro ombrellone!

Da Sanur potrete anche organizzarvi molte gite di una giornata sull’Isola di Bali, visitare il Museum Le Mayer o arrivare nella vicina Denpasar e visitare il Bali Museum, per meglio approfondire la conoscenza della cultura dell’Isola.

Il mio consiglio, come sempre è di dare spazio a voi stessi e decidere di volta in volta cosa fare, senza stress: ricordate che siete nella “Island of the God”, dove l’armonia e la bellezza sono di casa e dove ritrovare la propria dimensione interiore, diventa più semplice.

E’ bellissimo ad esempio, semplicemente ammirare il volteggiare degli aquiloni nel cielo acceso di mille sfumature al tramonto, preludio dell’annuale festival internazionale dei kite balinesi che qui si svolge ogni anno nel mese di luglio.

Per gli abitanti di qui è l’occasione per ringraziare gli dei per i raccolti di riso … per i Turisti, l’occasione per ammirare delle spettacolari performance.

E’ stato facile ad esempio, incontrare qui Cinzia e Mauro, che si sono stabiliti a Bali da qualche anno: ve ne ho parlato recentemente in un Articolo dedicato alla mitica Bru, facendo 4 Chiacchiere sul serio con loro e parlando della passione in comune per il mondo ed i Viaggi e dintorni!

Sempre a Sanur, abbiamo reincontrato anche Maurizio e Rosa, i nostri Amici Bali addict, con i quali abbiamo salutato a modo nostro Bali, davanti all’ennesimo ottimo Nasi Goreng e un bicchiere di fresca birra Bintang!


Viaggio a Bali riti pel la puja

Cosa vedere a Bali – Rito nei Templi per la Puja

 

 Nel nostro Itinerario a Bali di tre settimane, abbiamo avuto modo di scoprire i mille volti che essa ha dietro la sua facciata turistica. Tre settimane possono essere un periodo lungo o breve per un Viaggio, per me è stato il tempo giusto per un “reincontro” con l’ ”Isola degli Dei” e il tempo congeniale per recepirne la sua Magia!


Questa è Bali: sa sorriderti attraverso il sorriso della sua gente e dei suoi Templi, attraverso la danza, la musica e l’arte dedicate agli Dei, ma soprattutto, sa coinvolgerti con Emozioni che nemmeno tu pensavi di poter provare qui!

Ed allora capita, rientrando a casa, di sentire il suono dei Gamelan come un mantra nella mente, di avere nelle narici il sentore dei frangipani e dell’incenso: non preoccuparti!
Anche questa è la Magia dell’Isola di Bali! Ti sta solamente chiamando per tornare …

Io ci tornerò presto! 

Mimì!

Se volete continuare a scoprire l’Isola di Bali, potete continuare su questo stesso Blog, scoprendo nei dettagli cosa fare e vedere a Nusa Lembongan, dove dormire e mille altre emozioni indimenticabili!

 

Bali: Perché andare a Nusa Lembongan e cosa vedere

 

itinerario a Bali un invito a tornare

Cosa vedere e fare a Bali  – Palme a Sanur, un invito a tornare!

 

Itinerario di Viaggio a Bali

Dove si trova Bali Su Google Maps

 

You may also like

36 comments

Mimì 11 Giugno 2018 - 16:37

Grazie a te Chiara e buon pomeriggio!

Si è stato un Viaggio bellissimo, sia la prima che la seconda volta!
Ritornare è stato come riappropriarsi di quella Magia che 25 anni prima mi aveva affascinata. Una magia fatta di cose semplici, naturali, vere e per questo ancora più belle! Forse è questo il segreto dell’Isola di Bali e della sua gente: la loro spiritualità si basa sulla bellezza della Natura che li circonda e diviene loro patrimonio attraverso gli avi, dai tempi dei tempi! E lo si recepisce attraverso i suoni dei gamelan, attraverso le loro Danze o anche solamente … guardando il loro sorriso!

Si! Mi sono perdutamente innamorata di questa Isola e della sua Cultura: mi sento a casa fra di loro!

Ti auguro con tutto il cuore di poterci andare presto Chiara e ti ringrazio infinitamente per quello che hai scritto!
Ovviamente resto a tua completa disposizione per tutte le dritte di Viaggio che possano interessarti, sia per costruire un “Itinerario a Bali”, ma anche in altri luoghi!

Con affetto: Mimì

Reply
Mimì 12 Giugno 2018 - 14:58

Ciao Chiara!

Eh sì! Anzitutto li creo e li realizzo su di me (mi faccio da cavia) e poi anche per gli altri! Oltre ovviamente a fornire tutti i Consigli ante Viaggio, che potessero servire!

Buon pomeriggio carissima!

Reply
Mimì 13 Giugno 2018 - 22:33

Ciao Giulia!

le risaie terrazzate del Nord del Vietnam, sono anch’esse favolose, non c’è dubbio … Da Sapa a Lao Cai, ai mercati fra le montagne!Che ambienti sublimi e che genti ospitali!

Grazie carissima …

Mimì

Reply
Cristiana Franzini 16 Maggio 2019 - 8:43

Ciao Mimì, il mio sogno di andare a Bali si realizzerà (spero!!) l’ anno prossimo… Volevo chiederti se 3 settimane solo a Bali possono stancare, e se il mare di Nuda Lembongan sia adatto alla balneazione anche per i bambini. Ho sentito pareri discordanti sul mare di Bali

Reply
Mimì 16 Maggio 2019 - 10:33

Buongiorno Cristiana!

Tre settimane nell’Isola di Bali sono certa che non stancano, poichè ci sono mille cose da fare e da vedere, come già hai potuto constatare nell’articolo che hai commentato! Tre settimane è stato anche il tempo del mio viaggio nell’isola!
Bali è una delle migliori destinazioni da visitare con la famiglia, perchè è come un luna park naturale per grandi e piccini, a mio parere e conosco tante famiglie con i bambini piccolissimi che ci sono andati! A proposito: quanti anni hanno i tuoi bimbi?

Quest’Isola possiede ogni tipo di servizio per bambini e genitori, farmacie, ospedali privati di buon livello, ristoranti per ogni esigenza o intolleranza alimentare, alberghi family friendly, baby-sitting, noleggio di accessori, intrattenimenti etc.

Per le spiagge sull’Isola di Bali, soprattutto per te che hai i bimbi, mi sento di consigliarti come prima scelta Sanur, dove troverai un piccolo paradiso per i bimbi, con tanti hotel a fil di spiaggia, attrezzati proprio per i piccoli ospit. A Sanur c’è anche una splendida via lungomare/spiaggia, dove troverari tanti bar, ristorantini, spa ed altro, e mediamente mare e spiaggia sono in buone condizioni, senza i cavalloni di altre spiagge!

A Nusa Lembongan il mare è più mosso ma sono splendide le spiagge di Mushroom Bay, ma qui ponete attenzione ai motoscafi che arrivano sino a riva, la Long Beach locale e molte altre ancora! Tutto dipende dall’età dei tuoi bimbi, ovviamente

Per precisarti meglio il tutto devi sapere che a Bali, come a Nusa Lembongan e nel resto dell’Indonesia, vi sono forti maree, per cui qualche volta, “la spiaggia va in secco”, ma anche questo fenomeno è una gioia per i bambini, che rincorrono piccoli granchietti e conchiglie!
Altre spiagge molto belle a Bali sono Geger Beach, Mengiat beach, Nusa Dua (bella ma troppo turistica a mio parere!), Lovina Beach, Padang Padang, etc!

I bambini si divertono a bali, quanto più si possa immaginare e poi la popolazione balinese, adora i piccolini! vai tranquilla!

I pareri contrastanti che hai trovato rispetto alle spiagge dell’Isola degli Dei è dovuta soprattutto al fatto che Bali è un’Isola in cui si va soprattutto per girarla, per viverla e dove le spiagge non sono eguali a quelle dei Caraibi, ma a mio parere, sono ricche di un fascino ineguagliabile!

Quindi, rimango a disposizione per tutte le ulteriori info che potessero servirti e che spero possono tornarti di utilità!

A presto!
Mimì

Reply
Cristiana Franzini 16 Maggio 2019 - 11:18

Grazie della risposta articolata! Ho letto che molti raggiungono le isole Gili per trovare un “buon mare” per i bambini, ma sinceramente eviterei volentieri le ore di traghetto in oceano!!

Reply
Mimì 16 Maggio 2019 - 15:31

Ciao Cristiana!

Per evitare la lunga traversata ti consiglio il mare a Sanur e magari una puntata a Nusa Lembongan, facile da girare con mezzi che puoi affittare in loco, o facendo anche qualche bel giro in barca per arrivare alla mitica spiaggia di Cristal Bay, oppure fare un giretto a Nusa Cenningan! Quest’ultima è un’isola lontano dal turismo di massa, splendida!

Comunque puoi leggere molto altro della mia esperienza a Nusa lembongan, leggendo QUI

Grazie per le tue domande e ti aspetto

mimì

Reply
Bali - Perché andare a nusa lembongan e cosa vedere 26 Novembre 2019 - 11:47

[…] di questo Hotel è quella tipica di Bali, con i locali in comune all’aria aperta impreziositi da giardini ben curati, piccole fontane, […]

Reply
Dove dormire a Bali - La mia Opinione sul "Bay Shore Huts" 9 Dicembre 2019 - 22:31

[…] questo piccolo hotel – gioiello, tutto parla di Bali e della mistica magia nelle sue atmosfere: qui è possibile trascorrere nella tranquillità più […]

Reply
Un mese in Myanmar – Il mio itinerario di viaggio in Birmania 25 Gennaio 2021 - 10:46

[…] il mio itinerario di Viaggio a Bali […]

Reply
rubinetto da cucina in ottone 3 Febbraio 2021 - 13:54

Grazie per l’ottimo articolo bello essere qui

Reply
Mimì 6 Febbraio 2021 - 18:31

Grazie mille di cuore anche a te! Un caro abbraccio!

Mimì

Reply
Alessia Picciolo 20 Febbraio 2021 - 9:56

Dovevo partire per Bali l’estate scorsa… ci sono rimasta malissimo perché la sognavo da anni! Mi sto creando talmente tante aspettative e spero di non rimanere delusa! Seguirò volentieri alcuni dei tuoi consigli!!

Reply
cinzia 30 Aprile 2021 - 12:08

Bali è terribile e cattiva e solo a pochi fortunati svela i suoi segreti, tu sei una di quelle , di racconti su quest’isola ne leggo tanti, ma non sempre mentre leggo sorrido …
Aggiungo solo un’ultima cosa, presto ti vedrò tornare ancora

Reply
Mimì 30 Aprile 2021 - 16:40

Cinzia! Non hai idea che voglia che ho di tornare! E so già cosa venire a vedere oltre all’Isola degli Dei, che mi chiama, mi chiama sempre! Con i suoni dei Gamelan che ho registrato e che, durante la pandemia, mi ha tenuto compagnia! Ma la cosa più bella, è che anche Peter ne sente questo richiamo!

Un abbraccio e a presto!
Mimì

Reply
Mimì 17 Luglio 2021 - 18:09

Bali è nel mio cuore e lo sarà per sempre Cinzia, lo sai bene! Sono venuta a trovarla sempre in punta di piedi, e lei mi ha aperto la porta, stregandomi perdutamente!

Spero davvero che il tuo auspicio si realizzi! Ho proprio voglia di tornare! Anzi, ne sento il richiamo

Reply
Valentina 16 Luglio 2021 - 9:17

Ciao Domenica, Bali mi incuriosisce molto e spero di visitarla prima o poi. Mi auguro solo di non rimanerne delusa: c’è chi se ne è innamorato, come te, e chi, invece, proprio non l’ha apprezzata. Mi hanno detto che il mare non è il massimo e che ubuy è diventata troppo turistica…. ti farò sapere quando ci andrò. Comunque oltre a Bali, un mio sogno è vedere l’isola di Flores e il parco di Komodo. Ci sei mai stata?

Reply
Mimì 17 Luglio 2021 - 18:07

Ciao Valentina! A Flores e Komodo, ancora non ci sono stata, ma prima o poi ci andrò, passando da Bali per la terza volta, naturalmente!

La delusione che molti provano, una volta giunti a Bali, credo sia dovuta alle aspettative che si hanno, basate su informazioni errate! Il mare di Bali non è quello delle Maldive e le maree sono intense! Ma ciò non toglie che la grande bellezza di questi mari rimane, anche sotto la sua superficie! E Nusa Lembongan, sicuramente è una meta splendida …

Per Ubud, ti dirò: nel centro i turisti ci sono, come ovunque nel mondo, ovviamente! Basta però spostarsi di un centinaio di metri e ci ritrova in un villaggio fra la gente, dove i balinesi sono rimasti balinesi!

Come sopra ho detto a Martina, Bali è Bali! Il suo spirito richiede di arrivarci con un atteggiamento aperto e sgombro da pregiudizi di ogni tipo!

Chi è rimasto deluso da Bali, probabilmente, non ha incontrato mai la vera Bali, perchè si è semplicemente fermato nei centri turistici, oppure nei propri Resort di lusso!

Bali, quella vera, è un’altra cosa, ti assicuro! E ti auguro di incontrarla davvero quando deciderai di andarci!

Io resto a tua completa disposizione, sia per darti le info che per tutto ciò che ti dovesse servire!

A presto, Mimì

Reply
Martina 16 Luglio 2021 - 11:52

Sono stata felicissima di leggere la tua cronaca sulle tue avventure a Bali ma soprattutto di sapere che tu sei tornata a distanza di 24 anni e per te ne è valsa la pena. Ho letto così tante cose negative sulla Bali di adesso che mi facevano pensare ma sapere che invece te sei riuscita ad apprezzarla nonostante il tempo passato, mi rincuora molto perchè è una metà che mi affascina particolarmente!

Reply
Mimì 17 Luglio 2021 - 17:57

Martina, sull’Isola degli Dei, la splendida Bali, si dicono davvero tante cose! Spesso, amio parere, sono fuori luogo!
Bali è Bali! C’è gente che ci va per il mare, ma a mio parere, sbaglia destinazione. Altri ci vanno per trovare la “solitudine dei Tropici”, ma nemmeno questo è il caso dei Bali!

A Bali si va per trovare il suo spirito e la sua bellezza, a prescindere da quello che noi vorremmo! E lo spirito di Bali, non tradisce mai, anche dopo 24 anni, come nel mio caso!

Reply
Federica Assirelli 19 Luglio 2021 - 12:03

Cara Domenica,
che viaggio nei ricordi mi hai fatto fare stamattina! Sono stata a bali due estati dietro fila ormai 17 anni fa e ne ho un ricordo magnifico. Eravamo all’indomani delle bombe terroristiche ed ho vissuto l’isola con pochissimi turisti, prezzi bassissimi e tanto incanto. Nel primo viaggio ero da sola e sono riuscita molto ad entrare in contatto con la popolazione. Sono stata invitata anche a pranzo in un villaggio sperduto in un giorno di festa perché uno dei figli faceva il tuttofare in un resort di Sanur dove ero stata e mi aveva riconosciuta mentre passeggiavo. Un’esperienza che ricordo ancora come se fosse adesso! E cosa dire di tutta la meraviglia dei rituali induisti. Vorrei tornare ora che sono diventata una fotografa più esperta di allora, ma ti confesso che anch’io ho paura di essere delusa dagli effetti del turismo di massa…

Reply
Lara Bradamilla 23 Luglio 2021 - 8:34

La magia di Bali, il mio viaggio più bello e ho intenzione di ritornarci perché mi mancano ancora un po’ di cosucce. Pensavo di festeggiare lì i miei 40 anni, perché lì ho lasciato un pezzo del mio cuore.

Reply
Federica 28 Gennaio 2022 - 10:36

Sogno da moltissimo tempo di andare a Bali e grazie a te, con questo articolo, per un attimo è come se fossi stata li. Grazie sia per le informazioni utili che per avermi fatto viaggiare con la fantasia.

Reply
Mimì 12 Febbraio 2022 - 17:10

Grazie mille a te Federica, per esserti fermata a sognare di Bali! Se decidi di andarci, non farti problemi: resto a disposizione per qualsiasi informazione dovesse servirti!

Reply
Donata 18 Luglio 2022 - 8:02

Gentilissima
Ho programmato 10. Gg in resort a Kuna…
Sono.affascinata dai tuoi racconti, per assaporare meglio la vera Bali..mi consigli un agenzia per fare escursioni o si può muoversi in giornata con un taxi…per abbinare il.resort…allo scoprire Bali veramente
Grazie mille
Donata

Reply
Mimì 19 Luglio 2022 - 7:00

Ciao Donata! Puoi muoverti direttamente in taxi, senza problemi. Meglio se conosci un pò la lingua inglese.

Reply
andrea 24 Febbraio 2022 - 15:41

questo è un viaggio che sogno da diversi anni. Speriamo la situazione si sistemi presto e possiamo tornare a viaggiare. grazie 1000, prendo nota!

Reply
Mimì 25 Febbraio 2022 - 14:15

Ciao Andrea! Ti auguro con tutto il cuore di realizzarlo al più presto! Sono certa che l’Isola di Bali saprà stregare anche a te!

Mimì

Reply
Teresa 25 Febbraio 2022 - 9:32

Tra i tanti viaggi che ho fatto, l’Indonesia è uno di quelli che ho amato di più, e Bali in particolare. L’isola ha un fascino unico, con la sua cultura e le sue bellezze naturali. Ci tornerei? Anche subito!

Reply
Mimì 25 Febbraio 2022 - 14:17

Concordo sul tuo punto di vista! A Bali ci tornerei la terza e anche la quarta volta! i ha stregata!

Reply
Eliana 30 Luglio 2022 - 14:16

Bali è una delle destinazioni asiatiche che più mi intrigano, sia per il fatto che il mare è stupendo, sia perché la storia è palpabile in ogni angolo e in ogni scorcio. Sto facendo un pensierino per queste zone per capodanno, mi tornerà utile questo tuo articolo!

Reply
Mimì 30 Luglio 2022 - 16:08

Ciao Eliana! Tieni conto che Bali è sempre uno splendore, ma se ci vai per la prima volta, il periodo di Capodanno non è il massimo, perchè sei nel periodo più piovoso. Il periodo migliore va da maggio a fine ottobre.

Reply
Sara Bontempi 9 Settembre 2022 - 19:32

Chi pensa che Bali sia solo mare si sbaglia, tra templi, popolo e paesaggi mozzafiato qui si può girare per giorni trovando sempre qualcosa da fare o da visitare.

Reply
Mimì 12 Settembre 2022 - 6:52

Ciao Sara! Sfondi una porta aperta! Bali è l’isola degli Dei, un luogo perfetto per tutti. Ci sono stata due volte ma vorrei tornarci ancora e ancora!

Reply
Lara 26 Novembre 2022 - 15:07

Bali è veramente sorprendente, le tue foto lo dimostrano. Io l’ho visitata circa 10 anni fa e anche se in quel mese non l’abbiamo girata tantissimo, perchè Kuta Beach ci ha rapite, ho fatto alcune escursioni veramente belle. I paesaggi, l’oceano, i templi e gli abitanti, valgono il lungo viaggio.

Reply
Mimì 26 Novembre 2022 - 17:33

E come darti torto Lara? Bali è molto più di una semplice isola: è l’isola degli Dei, che sono davvero dei buoni intenditori, a quanto pare! Ironia a parte, Bali è tutta da vivere e sa stregare!

Reply

Leave a Comment