Home DESTINAZIONI Cosa vedere a Torino: la città che non ti aspetti!
Fregi sulla cancellata del Palazzo Reale a Torino. cosa vedere a Torino

Cosa vedere a Torino: la città che non ti aspetti!

by Mimì

Lo ammetto: pur avendo preparato un pro – memoria su cosa vedere a Torino, questa città mi ha davvero sorpresa e stupita nel corso dei quattro giorni del lungo weekend qui trascorso, per i radicali cambiamenti che nell’arco di un decennio si sono avvicendati nel suo centro storico, nei suoi dintorni e nei monumenti più illustri!

Torino oggi è la città che non ti aspetti, ricca del fascino da “Vecchia Signora” sabauda e nel contempo Avanguardia dell’Architettura contemporanea Green e post-industriale, mescolate sapientemente con grande stile ed  eleganza! Una città da vivere e scoprire, camminando lentamente nelle sue splendide strade o passeggiando sotto i portici ricchi di Caffè e bancarelle di libri, assistendo ad improvvisate performance artistiche di musicisti o pittori.

Vi va di seguirmi in questa scoperta, o meglio, riscoperta?

Cosa vedere a Torino. La mole Antonelliana nella mia Cover di Spunti di Viaggio Travel and LifeStyle

Il simbolo di Torino per eccellenza: La Mole Antonelliana


Cosa vedere a Torino assolutamente –

Una città ritrovata che non ti aspetti!

 

Torino, prima capitale prima Capitale del Regno d’Italia (1861) e del suo primo Parlamento (a Palazzo Carignano), è una città che va vissuta e gustata lentamente,  in una visita che vada oltre la semplice visita di una giornata, per poterne apprezzare la sua caleidoscopica personalità e i cambiamenti in atto!

A Torino … oggi esistono mille Torino da scoprire e ciascuna ha una suo indiscusso appeal che saprà sorprendervi, sia che cerchiate Cultura, Natura, Arte, Gusto, Paesaggi, Sport, divertimenti o interessanti passeggiate a piedi o in bici!

Per la mia terza “Esperienza” in questa città, ho scelto di trascorrere qui un week end lungo di tre giorni pieni, per aver modo di poter riscoprire Torino a passo lento, giungendovi in treno e usando solo i mezzi pubblici per gli spostamenti in città.

Un Viaggio a Torino permette di scoprire una città inaspettata e lontana dagli stereotipi della città grigia di un tempo, rinnovata, restaurata e resa splendida dopo l’Organizzazione delle Olimpiadi Invernali del 2006.

Proprio per questo motivo abbiamo scelto un “Itinerario fai da te e senza fretta” di Torino in tre giorni, che ci ha permesso di scoprire gli aspetti più importanti di questa città, dedicando il tempo di approfondimento a noi più congeniale per i vari “Luoghi da Vedere”, ripromettendoci comunque di tornare al più presto per completare le visite non effettuate.

L’Articolo che state leggendo rappresenta la prima parte di una serie di Consigli Utili  ed Itinerari per scoprire  questa città a cui ne seguirà un’ ulteriore sezione, dedicata agli altri “Luoghi di Interesse” visitati, ma anche ad Idee un po’ diverse  e personali su cosa vedere a Torino … Spunti di Viaggio nel senso più vero del termine!

Per meglio muoverci  abbiamo alloggiato all’ Hotel Romano (ottimo il suo rapporto prezzo/qualità) ubicato nelle immediate vicinanze della Stazione di Torino Porta Nuova e a soli dieci minuti a piedi dalla splendida Piazza San Carlo, “Salotto Buono”  di Torino.

Torino. Piazza San Carlo . cosa vedere a Torino

Il Salotto buono di Torino: Piazza San Carlo

 

Torino, è una città poliedrica con una vasta offerta turistico – culturale e della tradizione, che va vissuta anche attraverso la vivacità che esprime giorno e notte nelle sue splendide e larghe vie che invitano all’intrigo dello shopping soffermandosi nel frattempo, per un aperitivo o per un Aperi – Cena nei locali storici o di tendenza, degustando i piatti tipici della tradizione gastronomica torinese in uno degli ottimi Ristoranti (gli agnolotti, i tajarin, la bagna cauda, il fritto piemontese, il Gran Bollito misto alla piemontese, i formaggi, i gianduiotti, i vini piemontesi  e molto altro ancora) che sono certa vi inviteranno a ritornare al più presto in questa città!


 Cosa vedere a  Torino – Organizzare al meglio

le proprie visite risparmiando!

Per pianificare al meglio la visita di Torino poi, il mio Consiglio è quello di costruire il proprio Itinerario, utilizzando la TORINO + PIEMONTE CARD  integrata con i biglietti dei trasporti pubblici di GTT a tariffa promozionale (per gli acquirenti della CARD in oggetto), e/o il Pass dei Servizi Turistici di GTT, organizzando quindi la Vostra CARD secondo le esigenze che avete, tenendo conto dei giorni di permanenza nella città.
Le Card sono acquistabili presso gli Uffici del Turismo che troverete in città: uno di questi è ubicato proprio davanti alla stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova in Piazza Carlo Felice.
Per i dati sempre aggiornati dei punti vendita delle Card, QUI il link dedicato, sul sito web del Comune di Torino.
Il magnifico Palazzo Reale nel centro di Torino. cosa vedere a Torino

Il magnifico Palazzo Reale nel centro di Torino

 

Gli splendidi fregi sulle cancellate del Palazzo Reale: cosa vedere a Torino

Gli splendidi fregi sulle cancellate del Palazzo Reale

Per scelta, il nostro itinerario di 3 giorni a Torino lo abbiamo concentrato facendo una passeggiata attraverso le antiche Residenze Sabaude dei Savoia, dichiarate Patrimoni Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997, poste all’interno della città, della Reggia di Venaria Reale visitando il Museo Egizio, di cui vi scriverò successivamente in modo dettagliato, ammirando la Mole Antonelliana ed il Museo del Cinema e avendo modo di scoprire gioielli artistici come la Cappella dei Mercanti e dei Banchieri o il Circolo dei Lettori di Torino

Procedendo da  Piazza San Carlo verso Piazza Castello sotto i meravigliosi Portici torinesi, si incontrano i palazzi e  residenze della vecchia nobiltà, Caffe Storici che invitano, ammiccando dalle vetrine colme di cioccolatini e Gianduiotti dorati,  ad una sosta golosa alla quale non so sottrarmi!

Piazza Castello è il vero cuore pulsante e salotto buono di Torino: su di essa si affaccia lo splendido complesso del Palazzo Reale con i suoi Giardini, di cui vi scriverò in un prossimo articolo in dettaglio, Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja con la facciata barocca di Filippo Juvarra, unito nel suo lato posteriore con l’antico Castello di Acaja, la Chiesa di San Lorenzo e il Teatro Regio!

cosa vedere a torino, Piazza Castello e Palazzo Madama

Piazza Castello, il salotto buono di Torino

 

Palazzo Madama cosa vedere a Torino

Palazzo Madama

 

Un concentrato di capolavori e Patrimoni UNESCO che meritano una visita approfondita anche al loro interno, senza dimenticare di ritagliarsi il tempo per passeggiare sotto i suoi magnifici Portici e la Galleria Subalpina, per restare stupefatti dell’intramontabile classe e splendore di questa città!

Ma uno sguardo e non solo, vi invito a porlo sul Caffè Mulassano, uno degli storici locali della Torino da vivere, dove è nato il “tramezzino” e dove il vermouth è Doc: non mancate di provarli entrambi!

Al Complesso del Palazzo Reale ed ai suoi Giardini una sosta è d’obbligo:  per me e Peter è stata anche la prima fruendo della Card Torino e Piemonte.

Cosa vedere a Torino presso il Complesso del Palazzo Reale.

Si tratta di un gioiello architettonico progettato da Amedeo di Castellamonte, successivamente rivisitato secondo i canoni estetici dei grandi architetto Filippo Juvarra e Benedetto Alfieri, divenendo la più importante delle Residenze reali dei Savoia

Oggi è sede e parte integrante dei beni dichiarati dall’Unesco quali Patrimonio dell’Umanità, fa parte dei Musei Reali di Torino ed è composto da una serie di sezioni ricche di testimonianze storiche, che vi consiglio di visitare di cui vi riporto l’elenco:

  • Biblioteca Reale; 
  • Armeria Reale;
  • Museo Archeologico;
  • Galleria Sabauda;
  • Giardini Reali; 
  • Palazzo Chiablese

Con Peter abbiamo  girovagato in lungo e largo in questa meravigliosa  residenza reale: la sensazione che qui si prova, è quella di stare facendo un vero e proprio viaggio nella storia della casa dei Savoia e la loro vita quotidiana.


Cosa vedere e cosa fare a Torino: gli imperdibili!

Il Museo Egizio di Torino: molto più di un Museo!

Il Museo Egizio di Torino rappresenta il più importante Museo di antichità egizie al mondo dopo quello del Cairo e ovviamente, non potevo perdermelo anche stavolta, visto che amo davvero tantissimo la civiltá egizia e l´Egitto stesso (ci sono stata ben 13 volte!).

La sua sede è ospitata sin dal 1824 in un antico palazzo barocco progettato dall’architetto Guarino Guarini.

All’ interno del rinnovato museo articolato su 4 livelli, sono collocati reperti e collezioni dell’Antico Egitto che vanno dal periodo predinastico sino all’epoca copta, offrendo a tutti i visitatori l’emozione di vivere con una maggiore consapevolezza gli spazi museali con l’avvalimento delle più moderne tecnologie, come l’uso di video-guide o ricostruzioni tridimensionali.

Il nuovo percorso espositivo è così affascinante che il tempo trascorrerà senza che voi ve ne accorgiate, mentre ammirate l’integra bellezza dei reperti provenienti dalla Tomba di Kha e Merit, la tela dipinta di Gebelein, la mummia pre – dinastica, i resti del corredo funerario della regina Nefertari,  il Libro dei Morti di Iuefankh, le statue ed i modellini in legno provenienti da Assiut testimonianza di gesti e spiritualità nella vita quotidiana del tempo, il ”Papiro di Torino”, noto anche come “Canone Reale”, sul quale è riportato l’elenco dei sovrani egizi, la tavoletta bronzea denominata Mensa Isiaca, la Galleria dei Sarcofagi, la spettacolare “Galleria dei Re”, il Tempio di Ellesija  e mille altri interessanti testimonianze di una Civiltà che, attraverso i millenni, ancora oggi sa stupire ed appassionare con la raffinatezza delle sue Arti e con l’alto livello di conoscenza raggiunto al tempo!

Per  visitare bene il Museo Egizio, non andate di fretta, mettete in conto dalle due alle quattro ore (noi ci siamo rimasti sei ore), se amate ammirare i dettagli direi che una mattinata o un pomeriggio intero è l’ideale, non ve ne pentirete!

Prima di concludere questa prima parte degli “Spunti di Viaggio” su Torino, rimandandovi a breve alla parte in cui vi parlerò della Venaria Reale, della Mole Antonelliana, del Museo Nazionale del Cinema e di molto altro ancora (#StayTuned !), voglio lasciarvi un breve cenno sulla Torino fra Bene e Male, fra magie di “contrapposti colori”, quella Torino Magica che intriga molti!

Ovviamente vi lascio il link dedicato e, a piè di pagina, troverete anche la Mappa dei Musei (da fonte web) per potervi meglio muovere fra le Esposizioni museali fisse o temporanee, i Palazzi sedi di Mostre e le Residenze nobiliari, che Torino offre a profusione!

Informazioni utili per visitare il Museo Egizio di Torino

Orari di apertura del Lunedì
9:00 – 14:00

Orari di apertura dal Martedì alla Domenica
9:00 – 18:30

Tariffe di entrata:

Ingresso intero per adulti – Museo + mostra temporanea – 15 €

Ingresso ridotto per i visitatori da 15 a 18 anni e per i giornalisti con tessera valida – Museo + mostra temporanea – 11 €

Ingresso ridotto per i visitatori da 6 a 14 anni – 1 €

Ingresso Gratuito per:

  • Bambini fino a 5 anni
  • Grandi invalidi (con invalidità certificata superiore o uguale al 74%) + 1 accompagnatore
  • Membri International Council of Museums (ICOM).
    Per i membri dell’ICOM, alla gratuità si aggiunge la possibilità di saltare la fila all’ingresso.
  • Abbonamento Musei Torino Piemonte
  • Torino + Piemonte Card

 

Nelle slide vedrete alcuni reperti custoditi nelle Sale del Museo Egizio


Cosa vedere a Torino: la città che non ti aspetti!

Torino: una città misteriosa fra mito, Storie e leggende.

C’è anche un’altra Torino però, intrisa di misteri “a metà tra lo zolfo e l’incenso”,  una città nella città che vive attraverso i simboli massonici e i luoghi occulti della magia e bianca e nera qui presenti,  che oramai sono entrati a far parte di tanti Itinerari dedicati ai turisti, che hanno voglia di scoprire anche questi aspetti della “Vecchia Signora”.

La Magia di questa Torino, secondo alcune storie, deriverebbero dall’essere nel contempo “vertice”  del triangolo della magia bianca insieme a Lione e Praga, ma anche della magia nera, insieme alle città di Londra e San Francisco.

I luoghi della magia Bianca per eccellenza, a loro volta sarebbero ubicati intorno a Piazza Castello e Piazza San Carlo, mentre l’epicentro della magia nera sarebbero rappresentate da Piazza Statuto e dalle statue di piazza Solferino.

Fra sacro e profano, a Torino poi si inseguono le leggende esoteriche che narrano di un legame  fra la presenza della Sacra Sindone e quella de Sacro Graal, ipotizzano che la funzione della Mole Antonelliana sia quella di attrarre l’energia dal cielo e dalla Terra, che la fontana Angelica sia l’accesso alla porta dell’infinito e così via …

Che ci si creda oppure no, sono luoghi magici per tutti, capaci di suscitare emozioni e vibrazioni emotive che non lasciano indifferenti e che forniscono ulteriori motivi per visitare questa splendida città.

E la mia/nostra visita di Torino continua a breve, sempre su questo sito e con  Spunti di Viaggio – Travel and LifeStyle!  Spero di averti un po’ ispirato, che ne pensi? 

Aspetto i tuoi Commenti …

Il simbolo di Torino: la Mole Antonelliana vista dai Giardini del Palazzo Reale.Il simbolo di Torino: la Mole Antonelliana vista dai Giardini del Palazzo Reale. cosa vedere a Torino

Il simbolo di Torino: la Mole Antonelliana vista dai Giardini del Palazzo Reale.

You may also like

7 comments

Avatar
Maria Domenica 14 Aprile 2018 - 23:48

Complimenti! Guida che mi sarà molto utile!

Reply
Mimì
Mimì 15 Aprile 2018 - 11:44

Grazie mille Maria Domenica!

Questa è solo la prima parte, ti aspetto anche per la seconda, sempre dedicata alla città di Torino e alla Venaria Reale!
Se hai comunque delle domande specifiche da fare su questa città, scrivimi pure! Ti risponderò davvero molto volentieri: ovviamente anche su altre destinazioni!!

A presto!
Mimì

Reply
La Reggia di Venaria Reale a Torino: lo spirito moderno in un luogo storico! 4 Gennaio 2020 - 9:04

[…] da qui il mio Itinerario a Torino iniziato una settimana, fa per permettervi “di scoprire una città inaspettata” anche […]

Reply
Avatar
Chiara 4 Gennaio 2020 - 10:07

Grazie per i mille consigli. Torino l’ho vista quando Giada era piccola, quindi un po’ alla cavolo perché frignava parecchio. Ora mi salvo la pagina e la prossima volta sarà fantastico ritornare e rivederla con occhi diversi!

Reply
Mimì
Mimì 4 Gennaio 2020 - 15:07

Grazie mille carissima Chiara!
Credo che ora Giada, vivrebbe in modo completamente diverso anche la visita al bellissimo Museo Egizio di Torino! Una visita da non perdere assolutamente, anche grazie ai lavori di restauro che vi hanno fatto su!

Io poi, sono di parte, visto che amo tanto la civiltá egizia!

Tutta la cittá poi, é una vera bomboniera!

Quando ci andrai, chiedi pure, nel caso ti servano info!
Sono a tua completa disposizione!
Buon weekend carissima!

Mimí

Reply
Avatar
Lilly 17 Gennaio 2020 - 14:09

Sono anni che io e il mio compagno diciamo che vogliamo organizzare un salto per visitare Torino. Abbiamo anche fatto abolire prima i voli diretti con la TAP, ma non molliamo. ;) Mi interessa sopratutto la sua relazione tra sacro e profano, da buona napoletana mi smera ovvio.
Grazie ancora per i consigli.
Buon fine settimana

Reply
Mimì
Mimì 17 Gennaio 2020 - 20:20

Ciao Lilly! Torino allora non devi assolutamente perdertela la prossima volta che torni in Italia! Magari … atterrando a Bergamo(dove abito), cosí fai due cose! Tieni conto che a Torino, da vedere c´é anche il favoloso Museo di Arte Orientale!
E fra sacro e profano, anche la Sacra Sindone e una fermata, dopo, per un buon bicerin torinese, una bomba calorica liquida!

Ti aspetto e ti ringrazio davvero di cuore per tutto! Buon week end anche a te!

Reply

Leave a Comment

Don`t copy text!

Stiamo utilizzando Google Analytics

Per favore,conferma se accetti il ​​nostro monitoraggio di Google Analytics. Puoi anche rifiutare il monitoraggio, in modo che tu possa continuare a visitare il nostro sito Web senza alcun dato inviato a Google Analytics.