Home CALABRIA Cosa fare a Roccella Jonica e perché andare! Mare Bandiera Blu e oltre
Cosa fare a Roccella Jonica e perchè andare

Cosa fare a Roccella Jonica e perché andare! Mare Bandiera Blu e oltre

by Mimì

Quando il mare Jonio incontra le terre di Calabria, sembra divenire ancora più trasparente e ricco di profumi, ve ne siete accorti? Fra centinaia di chilometri di spiagge sulla costa jonica di Reggio Calabria, vale la pena soffermarsi nell’antica Amphisa ricordata da Ovidio, per scoprire, fra paesaggi, storie e genti uniche, cosa fare a Roccella Jonica e perché visitare questa magnifica località, dolcemente suddivisa fra la sua splendida Marina e il Borgo antico poco distante, lì più in alto!

Se poi acque cristalline, mare incontaminato e un’antica cittadella medievale, ancora non bastano a soddisfare la vostra voglia di vacanze su queste coste densa di miti, paesaggi e siti archeologici, cercherò di farvi conoscere al meglio questo splendido centro sulla Costa dei Gelsomini anche attraverso la sua storia, le leggende e  la spettacolare natura che lo circonda.   

Roccella Jonica poi, rappresenta un esempio di quella classe politica (solo qui per ora, purtroppo), che ha creduto fermamente nel proprio territorio e vi ha investito valorizzandolo, riuscendo concretamente ad ottenere dei risultati e a coinvolgere la popolazione.

E non è poco, credetemi!

Anche questa è la Calabria che amo e che ho voglia di farvi conoscere, aldilà di ogni pregiudizio preconcetto!

Vi porto a Roccella Jonica … seguitemi!

 

Dal Castello dei Carafa cosa fare a Roccella Jonica e perchè andare

Dal Castello dei Carafa


Cosa fare a Roccella Jonica e perché andare –

Mare Bandiera Blu, località marina Bandiera verde!

A Roccella Jonica mi sento un pò come a casa, tante sono le volte che qui vi son tornata, alloggiando in belle strutture disseminate sul suo territorio!

Il lunghissimo litorale di ben otto chilometri di spiagge basse e sabbiose, interamente balneabile, è dominato dal profilo del Castello dei Principi Carafa che si erge su di uno sperone roccioso, alto poco più di cento metri.

Il sottostante Mare Jonio sa dare spettacolo con tutte le sfumature dei suoi incredibili colori che mutano ad ogni ora del giorno, regalando riflessi caraibici!

E’ un paesaggio allo stesso tempo dolce e selvaggio in cui la natura e la vegetazione spontanea si mescolano con gli uliveti e le coltivazioni di agrumi e di bergamotto. Poco più in là gli alberi di oleandro colorano il fantastico Waterfront – Lungomare dedicato al Sen. Sisinio Zito, mentre il profumo dei gelsomini riempie l’aria di note profumate, soprattutto all’alba e al tramonto!

Costa dei gelsomini cosa fare a Roccella Jonica e dintorni

Gelsomini …

Cosa fare a Roccella Jonica - Panoramica

Panorama a 360 gradi sulla Costa di Roccella Jonica


 

Quattro passi nella storia dei Roccella Jonica

La Storia di ogni paese aiuta a comprendere meglio ciò che ammiriamo al presente e da questa logica non mi discosto nemmeno stavolta!

Le origini di Roccella Jonica si confondono fra storie e leggende e inizialmente riconducono a queste zone l’antica città magno greca di Amphisya.

Il fatto di essere sorta su di uno sperone di roccia, fece acquisire al primo nucleo del borgo il nome evocativo di  “Rupella”, “Arocella” sino ad giungere all’attuale “Roccella”.

Risalgono invece al 1270 i primi documenti che fanno riferimento al Castello di Roccella di San Vittore, donato da Carlo I d’Angiò a Gualtieri di Collepietro. San Vittorio è invece il martire marsigliese Santo Patrono di Roccella Jonica, la cui storia è legata a leggende che più sotto vi racconto!

Vista inoltre la sua posizione strategica rispetto alle rotte marittime nel Mediterraneo, qui non mancavano le attività commerciali.

Con l’inizio delle incursioni saracene però una parte della popolazione si spostò sulla vicina rocca che gradualmente venne fortificata con bastioni  e dotata di un muro perimetrale di protezione. Si deve all’allora feudatario Galeotto Bardassino, intorno al XV secolo d.C., la progettazione dell’imponente Castello e fortezza inespugnabile che oggi possiamo ammirare. Oltre al castello nel tempo vennere anche costruite torrette di avvistamento lungo tutta la costa jonica, una delle quali proprio nelle vicinanze del Castello, sulla vicina roccia di Pizzofalcone, che ancora oggi è possibile ammirare ed è anche ciò che resta dell’ antico castello di Roccella di S. Vittore. Intorno al Castello pian piano venne a svilupparsi il Borghetto.

Fino alla metà del XV secolo Roccella fu feudo dei conti Ruffo di Catanzaro, per poi passare alla famiglia dei Carafa della Spina con Don Fabrizio Carafa, primo principe della Roccella.

Sotto il principe Fabrizio Carafa di Roccella e i discendenti della  nobile famiglia, questi territori acquistarono grande prestigio divenendo sede del Priorato Gerosolimitano dell’Ordine di Malta.

Fra i discendenti di questa dinastia, una particolare menzione va fatta per Fra Gregorio Carafa, secondo priore dei Principi della Roccella e sessantunesimo Gran Maestro dell’Ordine di Malta.

La Storia più recente di Roccella Jonica, come molti altri centri dell’area del Reggino, è legata ai grandi terremoti del 1783 e del 1908, che provocarono grandi distruzioni e successive risistemazione degli antichi palazzi nobiliari, delle Chiese e del prezioso maniero che ancora oggi, saluta dall’alto della Rocca i viaggiatori che arrivano sin qui e ne rimangono affascinati!

 


Roccella Jonica cosa fare e cosa vedere spuntidiviaggio

Una fofo in Bianco e nero per valorizzare la selvaggia bellezza della Rocca

Rocca dei carafa cosa fare a Roccella jonica spuntidiviaggio

Cosa fare a Roccella Jonica e perché andare!

Mare Bandiera Blu e oltre …

Da qualche anno gli 8 chilometri di coste lambite dal Mar Jonio su cui si affaccia Roccella Jonica, sono diventati il fattore trainante per un coloro che privilegiano l’ecoturismo e le destinazioni green,  anche per le proprie vacanze al mare.

A guardare bene poi, l’intera area della “Costa dei Gelsomini” possiede delle peculiarità che la rendono unica e straordinaria, visto che in questo comprensorio nel contempo ci si può immergere in un mare straordinariamente cristallino e dopo 5 minuti, si può fare un bagno di cultura in uno dei siti archeologici della Magna Grecia che nei dintorni potete trovare!

O ancora, fare un vero e proprio salto nel tempo in uno antichi Borghi medievali abbarbicati nei versanti sopra le marine!

E il mare qui non delude, vi assicuro!

Da ben 17 anni Roccella Jonica viene premiata  e certificata con la “Bandiera Blu” della FEE,  al suo porticciolo turistico “Porto delle Grazie – Marina di Roccella“,  sono state riconosciute la “Bandiera Blu degli approdi turistici” per il terzo anno consecutivo,  le prestigiose “5 Ancore d’oro” della TYHA, ambito riconoscimento internazionale (vedi QUI i dettagli), la “Bandiera verde” dei pediatri per il 2019, per essere una delle 142 Bandiera verde” dei pediatri per il 2019, italiane e spagnole, a possedere caratteristiche adatte ai bambini (e anche ai grandi ovviamente!).

All’intero comprensorio della Costa dei Gelsomini poi, di cui la Stessa Roccella Jonica fa parte, sono state riconosciute “le quattro vele marine” del “Il mare più bello 2019”, premio promosso da Legambiente insieme al Touring Club Italiano per fare conoscere le eccellenze nei luoghi di mare in Italia.

Non da ultimo inoltre è importante ricordare che la spiaggia di Roccella è animal-friendly, ovvero qui i nostri amici a quattro zampe sono i benvenuti!

Ma cosa sono tutti questi riconoscimenti e premi? Cosa riconoscono a Roccella Jonica e perchè? Ve lo spiego di seguito con maggiore dettaglio, per permettere anche a voi di comprendere se questo splendido centro della locride, risponde a ciò che cercate per una perfetta vacanza di mare e di relax!

mare a Roccella Jonica spuntidiviaggio

Il colore del mare a Roccella Jonica

 

Cosa fare a Roccella Jonica e perchè andare Porto delle Grazie

Il Porto delle Grazie – Bandiera Blu degli approdi turistici

Cosa è il Programma Internazionale Bandiera Blu e perchè Roccella Jonica è stata premiata per la diciassettesima volta!

Il Programma Bandiera Blu, Eco-label Internazionale per la certificazione della qualità ambientale delle località rivierasche, è stato avviato dalla “Foundation for Environmental Education”, abbreviata come FEE, nel 1987. Nel tempo si è arricchito di altre partnership internazionali, siglando  un Protocollo di partnership globale con il Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite, l’UNEP e un Protocollo d’Intesa con l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite, la UNWTO.

Il programma Bandiera Blu quindi promuove e verifica non solo la qualità di balneazione delle acque marine, ma risulta premiante verso un’atteggiamento complessivo di sviluppo e conduzione sostenibile dell’ambiente.

I criteri prescelti per questo tipo di valutazione riguardano anche la depurazione, la raccolta differenziata e più in genere, la gestione ecosostenibile del territorio (Qui potete leggere i criteri in dettaglio per il 2019).

Ovviamente non è facile ottenere questo ambito riconoscimento, ma è ancor più difficile mantenerlo, adeguandosi e migliorando sempre!

Roccella Jonica riesce in questo suo obiettivo da ben 17 anni e le sue spiagge, come il suo mare, offrono la garanzia di essere in una località dove nel tempo si è perseguita (e viene mantenuta) una politica di eccellenza per l’attecchimento di una corretta cultura ambientale.

Tutto questo ha portato e sta portando buoni frutti allo sviluppo di un vero turismo sostenibile …

In termini pratici tutto ciò si traduce per i turisti ed i viaggiatori che vengano in questa località,  con la presenza di stabilimenti attrezzati con cabine, bar, ristoranti, docce, giochi, sorveglianza, ecc. e spiagge libere all’insegna della migliore qualità ecologica del mare e delle spiagge, con servizi quali docce, servizi per i disabili e ceste per la raccolta differenziata.

Non mancano poi aree pedonali, piste ciclabili e spazi verdi ed eventi stagionali a cui partecipare!

Insomma: non vi resta che decidere di venire!

"Strutture

Lungomare Sisinio Zito a Roccella Jonica

Lungomare

Roccella Jonica ed il riconoscimento di località marina “Bandiera verde 2019″: di cosa si tratta e cosa testimonia?

E’ il riconoscimento di essere davanti ad arenili ed un mare “a misura di bambino”! Una scelta che è stata effettuata da 2.550 pediatri italiani ed europei, selezionando questa “speciale fruibilità” con requisiti univoci, che tengono conto di:

  • presenza di spiaggia con sabbia;
  • spazio fra gli ombrelloni per giocare;
  • acqua che non diventi subito alta in modo che possano andare in sicurezza in acqua;
  • presenza degli assistenti di spiaggia;
  • attrezzature dedicate ai bambini;
  • opportunità di divertimento per i genitori (negozi, ristoranti, bar, strutture sportive).

Se poi sieti appagati di sole, mare trasparente da bere e spiagge, da qui potete muovervi per una passeggiata sullo splendido Lungomare, sedervi per degustare un’ottima granita o un gelato, arrivare alla piazza del Borghetto antico, o visitare un’altro degli splendidi borghi che nei dintorni trovate!

Perchè la cultura della sostenibilità ambientale, qui va di pari passo con il grande patrimonio che esiste a livello naturalistico, storico-artistico-culturale, delle tradizioni e dell’enogastronomia!

Il resto lo fa la natura, con scorci meravigliosi ed il grande appeal dell’atmosfera mediterranea, calda ed ospitale, che qui impera!

Vicoli di Roccella Jonica

Vicoli di Roccella Jonica

 


 

Cosa vedere e cosa fare a Roccella Jonica in ogni stagione!

 

In ogni luogo che visito amo soffermarmi sui particolari culturali, paesaggistici, delle tradizioni o ispirazionali che siano, quindi quello che qui vi riporto, potete intenderlo come visitabile in una giornata o in una settimana!

Starà a voi decidere quanto tempo rimanere a Roccella Jonica, per goderne appieno i benefici di un soggiorno su queste meravigliose coste baciate dal sole e dal blu intenso del mar Jonio!

Il Lungomare Sisinio Zito di Roccella Jonica

Quello che vi consiglio di fare è cominciare a dare uno sguardo d’insieme a questa cittadina, iniziando dal suo splendido Lungomare, intitolato al Senatore e Sindaco di Roccella Jonica, Sisinio Zito, che dal maggio di quest’anno è stato ulteriormente abbellito e risistemato!

 Per dirla tutta questo politico è stato l’equivalente di quello che il Sindaco Italo Falcomatà è stato per la città di Reggio Calabria! Con lui, la legalità e l’educazione ambientale sono assurte a interessi primari per il responsabile sviluppo di Roccella Jonica. I risultati ora si possono toccare con mano!

Questa è una passeggiata da fare in ogni stagione, percorrendo i tre chilometri e mezzo che costeggiano la spiaggia sabbiosa e il mare, offrendo una magnifica visuale sul borgo antico, sul Castello dei Carafa e sulla svettante Torre di Pizzofalcone.

Luogo di “struscio cittadino serale” nei mesi estivi e sicuramente più tranquillo durante l’inverno, il “Lungomare Sisinio Zito” vi porterà sino al Porto delle Grazie, fra gente che passeggia in bicicletta sui sentieri dedicati, che pratica sport o che più prosaicamente, si rilassa sulle panchine ubicate strategicamente, per godere appieno della bellezza del mare.

Lungo questa passeggiata immersa nel verde di curati giardini, sono dislocate un’area dedicata al fitness, una ai bambini per dare spazio ai loro giochi e dulcis in fundo ma non per ultimo, troverete tavoli di bar e ristoranti aperti sino a tarda ora, per potervi ritemprare dopo una giornata di mare o di gite alla scoperta di questa splendida terra!

E se ancora volete tirar più tardi, potete recarvi in una delle discoteche sul mare della splendida Costa dei Gelsomini, andare per un after Dinner musicale al Golosia, nella vicina Marina di Gioisa Jonica, oppure soffermarvi nella graziosa villetta in prossimità di Piazza San Vittorio, dove potrete ammirare un mosaico di Nik Spatari e due alte colonne in porfido egizio, rinvenute nel 1868 sulla vicina spiaggia antistante alle località Castellace e Melissari.

L’origine e la destinazione di queste due splendide colonne monolitiche è avvolta nel mistero delle leggende di chi ipotizza provenissero dall’Egitto e fossero destinate a Roma e altre, che ipotizzano la loro appartenenza a un tempio dedicato ai Dioscuri Castore e Polluce.

Le spiegazioni concrete le lasciamo agli archeologi, noi continuiamo a goderci le splendide visioni che questo luogo sa donarci e che queste leggende rendono ancora più ricche di fascino!

Lungomare di Roccella Jonica Sisinio Zito

Un Lungomare per rilassarsi guardando il mare …

Gabbiani sulla spiaggia a Roccella Jonica spuntidiviaggio

Gabbiani …

Il Porto delle Grazie a Roccella Jonica

L’infrastruttura è ubicata alla fine del Lungomare, immersa in una verde pineta dotata di aree per il pic-nic e panchine. E’ strutturalmente  costituita da un avanporto e tre darsene, di cui due dedicate al turismo da diporto ed una ai mezzi dello Stato e ai pescherecci, per una capienza di circa 450 posti barca.

Il Porto Delle Grazie a Roccella Jonica mette a disposizione dei propri utenti un ampio ventaglio di servizi commerciali e nautici, che permettono ai diportisti di permanere nell’area della Riviera dei Gelsomini nel massimo del confort e della sicurezza. Particolare cura ed attenzione sono state poste inoltre per l’accesso e la fruizione dei servizi ai disabili.

Per chi non ha una barca o una vela da ormeggiare è possibile fare una bella passeggiata sin qui ed ammirarle mentre ormeggiano al tramonto, ma anche decidere di cenare in uno dei bei ristoranti che nell’area portuale potete trovare, godendovi la serata immersi in un’atmosfera di pace e relax!


 

Quattro Passi nel cuore di Roccella Jonica – Il Borghetto Antico

E una passeggiata che vi consiglio assolutamente di fare per vivere le magiche atmosfere del Borgo medievale di questo paese!

Siamo nella parte più alta del Paese fra stretti vicoli e stradine, dove è possibile ritrovare antichi edifici e vecchi frantoi, che testimoniano la civiltà contadina e marinara del Borgo.

Splendidi gli storici palazzi nobiliari ancora presenti, tra i quali degni di nota sono:

  • Il Palazzo Englen che risale al XVIII secolo;
  • Il Palazzo Placido (appartenuto in precedenza alla famiglia Cappelleri), che risale allo stesso periodo e che si contraddistingue per avere al piano terra un delizioso patio con una vasca;
  • La Villa Alicastro di cui si ha testimonianza già da documenti del 1707;
  • La Villa Carafa che aveva inglobato la chiesetta del Priorato Gerosolimitano;
  • Il Palazzo Congiusta, una sorta di villa-masseria contornata dalle abitazioni dei contadini: qui potrete anche ammirare un antico frantoio.

Il centro storico di Roccella Jonica è un meraviglioso sali-scendi di vicoli e scalinate, ma anche un percorso affascinante nella sua storia da non perdere.

L’ Ex Convento dei Minimi Paolotti di Roccella

Si tratta dell’impianto conventuale, ad oggi restaurato, costruito attiguamente alla chiesa di S. Vittore da Marsiglia verso la fine del sedicesimo secolo dai Padri dell’Ordine dei Minimi di S. Francesco di Paola. La struttura venne soppressa come sede conventuale alla fine del 1880 e l’area venne acquisita dal Comune.

Oggi l’ex struttura conventuale è sede della Facoltà di Scienze Infermieristiche, Segreteria degli Studenti dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e nei mesi estivi, accoglie l’Info Point turistico.

L’ex convento ospita inoltre nei suoi magnifici locali, attività culturali, mostre ed eventi, che si svolgono principalmente nelle tre ampie sale poste al primo piano, dove un tempo esistevano le celle dei frati.

 

Il Castello dei Carafa della Spina a Roccella Jonica

Il castello medievale dei Carafa, identifica a tutto tondo la cittadina di Roccella Jonica sin da quando è stato edificato!

La sua Storia, di cui già vi ho scritto in precedenza, si intreccia indissolubilmente con la storia di questa cittadina e dei suoi abitanti, ed è anche un elemento che non potete assolutamente mancare di visitare!

Oltre al paesaggio splendido sul sottostante paese di Roccella Jonica e sulla Costa dei Gelsomini, è interessante scoprirne gli elementi architettonici di pregio, visto che i Principi Carafa della Spina, oltre ad essere una famiglia nobiliare, rivestivano al tempo un ruolo importante a livello strategico e militare, rispetto agli equilibri nel Mediterraneo.

L’antico impianto del Castello-Palazzo dei Carafa, con l’attigua Chiesa Matrice di S. Nicola di Bari, sono stati sottoposti a svariati rifacimenti e ristrutturazioni nel corso dei secoli, anche a causa dei distruttivi terremoti nell’area in questione.

Oggi questo splendido esempio di Palazzo nobiliare e struttura fortilizia difensiva, è stato catalogato ed inserito a pieno titolo nell’ “Atlante dei Beni Culturali della Calabria” (cliccate qui per leggerne i dettagli della relativa scheda).

Se decidete di visitarlo controllate QUI i giorni e gli orari apertura, o telefonate ai numeri qui indicati.

 

Castello dei Carafa a Roccella Jonica

Il Castello dei Carafa

 


Cosa fare a Roccella Jonica e cosa vedere:
Eventi da non perdere durante l’anno

 

“Roccella Jazz Festival – Rumori Mediterranei”

A Roccella sono programmati interessanti eventi tutto l’anno, anche se è durante il periodo estivo che si raggiunge il clou, con il rinomato Festival Internazionale “Roccella Jazz Festival – Rumori Mediterranei“, la cui data definitiva ed il programma per l’Agosto 2019, non sono stati ancora resi pubblici.

Gli spettacoli si svolgono all’aperto nella cornice spettacolare del Teatro al Castello nel corso delle ultime settimane di Agosto!

Ho partecipato a tre o quattro edizioni di questa splendida e coinvolgente manifestazione, a partire dalla sua primissima edizione! Il coinvolgimento è davvero totale, non solo per gli appassionati che assistono agli spettacoli serali, ma anche per i curiosi che così hanno modo di conoscere meglio la musica e le sonorità jazzistiche attraverso le attività didattiche, gli incontri culturali, i seminari e workshop che qui si svolgono! Roccella Jonica si trasforma in luogo di cultura e di accoglienza non solo artistica!

Eventi e spettacoli infatti, si svolgono nell’arco dell’intera giornata in diverse aree della cittadina e a sera, i grandi Eventi e i concerti fanno volare alti i “Rumori Mediterrani” sino al cuore di ciascuno, dal centro del Mediterraneo!

Teatro del Castello festival jazz a roccella Jonica cosa fare a Roccella Jonica

La magica scenografia del Teatro del Castello

cosa fare a Roccella Jonica e perchè andare Serata al Festival Jazz del 2013 Teatro Castello

Noa al Festival Jazz di Roccella Jonica alcuni anni fa

Corteo Storico Carafa

A Roccella Jonica si svolge oramai da sette anni il Corteo Storico Carafa, dedicato alla rievocazione dell’ex Feudo del Casato napoletano dei Principi Carafa della Spina, le cui gesta rappresentano la Storia di questa splendida cittadina.

L’evento che si svolge ogni anno nella tarda primavera, prevede una “rievocazione a tema” della Storia dei Carafa, unita alla tradizionale sfilata di figuranti in costume d’epoca che impersonano nobili e popolani, dame e cavalieri dell’Ordine di Malta, ecclesiastici e laici, musici ed armigeri, aattraversando alcuni dei principali siti di interesse storico – culturale di Roccella Jonica.

Coinvolgente ed assolutamente da non perdere se vi trovate nei pressi nelle date della rievocazione!

 

Foto-gallery.: Momenti dal Corteo Storico Carafa a Roccella Jonica


La Festa del Santo Patrono della città, San Vittorio Martire

Quest’anno i festeggiamenti civili e religiosi in onore del Santo Patrono di Roccella Jonica si sono svolti il 21 maggio u.s.

La reliquia del Santo Patrono, l’omero, inizialmente custodita nell’antica Chiesa Matrice accanto al castello, venne spostata a seguito dei terremoti che ne danneggiarono la struttura, nella chiesa di S. Nicola ex Aleph.

Narrano le leggende che la reliquia di San Vittorio Martire venne donata da alcuni mercanti marsigliesi, salvati dal sicuro naufragio dalla popolazione di Roccella Jonica.

Il Santo avrebbe poi protetto i cittadini roccellesi dalle scorrerie del saraceno “Draguth”,  apparendo con la spada sguainata sulla spiaggia e facendolo così scappare con tutti gli altri predoni.

Durante le feste patronali  la statua lignea del santo e la reliquia del suo braccio, vengono portati in processione per le vie del centro sino al lungomare, da cui viene impartita la solenne benedizione dinanzi al mare.

La serata conclude in modo profano i festeggiamenti con concerti e l’immancabile spettacolo  di fuochi pirotecnici.


Festa della Madonna delle Grazie

Si tratta di una manifestazione religiosa che vede un grande coinvolgimento da parte degli abitanti di Roccella  Jonica. Si celebra ogni anno la prima domenica di luglio e quest’anno i festeggiamenti si svolgeranno il 7 luglio 2019.

Narrano le antiche leggende popolari che il capitano palermitano Onofrio Buscemi, sorpreso da una violenta tempesta al largo delle coste roccellesi con il suo equipaggio, fece voto alla Madonna delle Grazie di edificare in suo onore un santuario, nel punto in cui fosse approdato in salvo. Scampato il pericolo mantenne fede al voto fatto, edificando nel 1545 il Santuario mariano.

Nel corso dei festeggiamenti in suo onore, la statua lignea ottocentesca della Madonna delle Grazie viene portata a spalla in processione dai pescatori e dai marinai di Roccella, di cui è anche la protettrice.

La processione si snoda quindi per le vie del centro cittadino e poi in mare, partendo dal Porto delle Grazie, con una barca inghirlandata per l’occasione, seguita da altre barche più piccole.

Al termine dei riti religiosi e dei festeggiamenti civili è poi d’obbligo assistere al magnifico spettacolo di fuochi pirotecnici!

 

Santuario Madonna delle Grazie Roccella Jonica Reggio Calabria spuntidiviaggio

Santuario Madonna delle Grazie

Santuario Madonna delle Grazie a Roccella Jonica

Santuario Madonna delle Grazie

 

Altri Eventi in Programma per questa Estate 2019

Di grande interesse le attività legate alla “Scuola estiva di altra formazione in filosofia Giorgio Colli”, che si svolgeranno a Roccella Jonica nella settimana che va dal 20 al 25 luglio 2019.

“Essere e Pensiero” sarà il tema trattato nel corso delle lezioni mattutine, delle letture  pomeridiane e negli incontri serali, organizzati dall’ Associazione Culturale Scholé – Centro studi filosofici, in collaborazione con il Comune di Roccella Jonica e Università di Macerata.

Ulteriori dettagli del programma potrete conoscerli leggendo QUI.

VII edizione del Roccella Fitwalking – Camminate per il Benessere del corpo e dell’anima

Si svolgeranno nel mese di Agosto 2019 nel centro di Roccella Jonica, una serie di eventi, iniziative per la salute, lo sport, il benessere e la solidarietà legate al Roccella FitWalking 

Sarà anche l’occasione per partecipare in tanti alla camminata non competitiva, organizzata dall’ASD Calabria Fitwalking. Una parte dei proventi raccolti con le quote di iscrizione, verranno utilizzati per supportare progetti di natura sociale e di sostegno.

Per comprendere meglio di cosa si tratta date uno sguardo al programma del Roccella FitWalking dello scorso anno!

 

Roccella Fitwalking 2018 spuntidiviaggio

Roccella Fitwalking 2018 cosa fare a Roccella Jonica

Roccella Fitwalking 2018


Cosa fare a Roccella Jonica e come arrivare sin qui

Arrivare a Roccella Jonica non è affatto difficile! Il centro jonico è raggiungibile in auto, treno, aereo, pulman o barca

In auto:

  1. Autostrada A3 uscita Rosarno, poi Superstrada Jonio-Tirreno uscita SS 106 direzione Roccella Jonica, Uscita Marina di Gioiosa Jonica.
  2. Proseguimento per S.S. 106 var./B,  direzione Taranto.
  3. Uscita Gioiosa Est per Roccella Sud.
  4. Proseguimento fino al termine della S.S. 106 var./B per Roccella Nord.

In treno: Stazione F.S. di Roccella Jonica;
In aereo: Aeroporto di Reggio Calabria, di Lamezia Terme o di Crotone;
In barca: Porto Turistico delle Grazie a Roccella Jonica.

In Bus: Ci sono diverse linee he collegano lecittà italiane con Roccella Jonica. Il mio consiglio è di verificare anche le disponibilità su Roccella Jonica, delle nuove tratte operate dalla FlixBus.

Ad ora, vi sono due compagnie di bus che operano su Roccella Jonica: Troiolo Bus (qui il link) e le Autolinee Federico (clicca qui per verificare le tratte che ti interessano!).

 

Dove alloggiare a Roccella Jonica

A Roccella Jonica e nei suoi immediati dintorni, potrete trovare diverse tipologie di alloggi ed hotel, adatti a tutte le esigenze! Dall’Hotel a 5 stelle alla pensioncina o all’ostello, tutto è pensato per farvi vivere la tradizionale ospitalità di queste zone, con prezzi per tutte le tasche.

Ovviamente vi consiglio di prenotare con largo anticipo, perchè ovviamente qui non troverete la quantità!

Per scegliere dove dormire, potete dare uno sguardo ai maggiori portali di viaggio,  oppure guardare qualche mia recensione su TripAdvisor, per conoscere ad esempio come mi sono trovata all’Agriturismo Agriclub Le Giare.

Dove mangiare a Roccella Jonica – Lasciatevi un pò guidare dall’istinto, perche qui non mangerete male quasi in nessun posto, soprattutto se volete assaggiare i piatti della tradizione  locale o buoni piatti a base di pesce. Non dimenticate però che qui il piccante è davvero piccante e quindi dosate il peperoncino voi stessi, quando possibile!

Anche in questo caso vi lascio un “indizio” attraverso le recensioni presenti su Tripadvisor!

 

'Agriturismo Le Giare dove dormire e cosa fare a Roccella Jonica

Uno sguardo dall’alto sull’Agriturismo Le Giare


 

Un ringraziamento particolare voglio esprimerlo ad un caro Amico nonchè grande fotografo professionista ed insieme artista della fotografia, Pino Curtale, il quale mi ha concesso l’utilizzo di alcune suoi splendidi scatti di Roccella Jonica!  Il tocco da maestro ed artista si vede!

Vi invito a curiosare fra le sue splendide foto QUI, sul suo Blog fofografico professionale e sono certa che saprà coinvolgervi ed emozionarvi!

Castello dei Carafa in notturna cosa fare a Roccella Jonica Reggio Calabria

Luci sul Castello dei Carafa in notturna


 

Se quello che ho scritto in questo articolo su “Cosa fare a Roccella Jonica e perché andare! Mare Bandiera Blu e oltre …” vi è piaciuto e se credete sia utile nell’organizzazione delle vostre prossime gite/ferie/vacanze/viaggio, non esitate a condividerlo!

Se invece volete ricevere ulteriori approfondimenti sull’argomento, scrivete pure di seguito nei commenti: risponderò alle vostre domande!

Al prossimo Spunto di Viaggio by Mimì! Lasciatevi Ispirare …

Torre di Pizzofalcone vista dal Teatro del Castello dei Carafa Roccella Jonica

Torre di Pizzofalcone vista dal Teatro del Castello

 


You may also like

Leave a Comment

Don`t copy text!

Stiamo utilizzando Google Analytics

Per favore,conferma se accetti il ​​nostro monitoraggio di Google Analytics. Puoi anche rifiutare il monitoraggio, in modo che tu possa continuare a visitare il nostro sito Web senza alcun dato inviato a Google Analytics.